“EUROGENDFOR” / TUTTI I MISTERI DI UNA POLIZIA PARALLELA EUROPEA ANTI PROTESTE POPOLARI

 di: Andrea Cinquegrani lavocedellevoci.it

Emmanuel Macron

Francia sempre in ebollizione. Oggi sono i gilet gialli a cavalcare una più che giusta protesta contro il dispotismo macroniano. Scendono in piazza per denunciare tasse e carovita, nonché una spregiudicata gestione del potere da parte di roi Macròn.

Il quale non è nemmeno in grado di arginare il terrorismo, come dimostrano gli ultimi fatti di sangue al mercatino di Natale a Strasburgo.

Ma non va dimenticato che ben 15 anni fa, per la precisione nel 2003, fu il ministro francese della Difesa, Alliot-Marie, durante un incontro dei ministri della Difesa dell’Unione europea a Roma, a lanciare l’idea di creare un corpo di Polizia europeo. La Voce, con un articolo di Antonella Beccaria del 2010 (qui sotto allegato), fu una delle prime testate a darne la notizia e a lanciare l’allarme per un’iniziativa del tutto spregiudicata e ai confini della legalità.

I PRIMI VAGITI DI EUROGENDFOR

L’anno seguente, nel 2004, in Olanda cinque rappresentanti di altrettanti Paesi europei (Francia, Italia, Olanda, Spagna e Portogallo) hanno firmato una prima bozza per quella che hanno chiamato “EuroGendFor”, ovvero una Forza di Gendarmeria Europea. In tal modo quelle nazioni si impegnavano nel mettere a disposizione le proprie polizie militari per partecipare all’iniziativa.

Passiamo a gennaio 2006. Viene tenuto a battesimo il quartier generale, che viene ubicato a Vicenza. E’ quindi il nostro Paese a farsi carico, in prima fila, di una simile operazione più che ‘border line’.

Parata militare di EuroGendFor alla base di Vicenza. In alto gli scontri di Parigi e, nell’altra foto, il parlamentare del M5S Elio Lannutti

Infatti, il compito di quelle forze internazionali di polizia non era e non è quello di addestrarsi per contrastare i terrorismi, oppure la pericolosità di eventi criminosi, come le mafie internazionali, i traffici di armi e droga, la tratta delle schiave e la prostituzione, ma per un compito che riguarda “il controllo della folla”. Della gente, dei cittadini che civilmente scendono in strada e osano protestare.

Nell’ottobre del 2008, poi, i cinque Paesi siglano il Trattato di Velsen, che dettaglia scopi, caratteristiche e finalità della stessa organizzazione militare. Di cui vengono precisati gli scopi: “costituire una forza di Gendarmeria Europea e operativa, preorganizzata, forte e spiegabile in tempi rapidi, composta unicamente delle forze di polizia a statuto militare delle Parti, al fine di eseguire tutti i compiti di polizia previsti nell’ambito delle operazioni di gestione delle crisi”.

Ecco quindi scendere in campo, e allertate per arginare le eventuali, giuste proteste dei cittadini, caso mai incazzati per quanto combinano i malgoverni di quei Paesi, la Gerdarmerie francese, i Carabinieri italiani, la Guardia civil spagnola, la Guardia nacionalportoghese, la Marechausseè olandese.

Abbiamo mai saputo qualcosa circa tali attività che più ‘coperte’ non si può? I cittadini sono stati informati dai rispettivi governi di tali manovre assai poco trasparenti? Niente, una cortina di silenzio assoluta. Allineati e coperti i media, embedded i giornalisti.

I 5 STELLE VOGLIONO CHIAREZZA 

Adesso i 5 Stelle vogliono vederci chiaro e presentano un’articolata interrogazione parlamentare ai ministeri degli Esteri, degli Interni e della Difesa, primo firmatario il senatore Elio Lannutti, più una dozzina di colleghi grillini.

In particolare i 5 Stelle vogliono sapere “se il Governo ritenga accettabile la costituzione di un esercito permanente di Polizia militare con l’obiettivo primario di occuparsi di ordine pubblico, il cui quartier generale è in Italia, con la finalità di pronto intervento per domare le rivolte popolari, addestrata al ‘controllo della folla’”.

Ancora: “se il Trattato di Velsen, ratificato nel 2010, nel più assoluto silenzio dei media, che contempla immunità e impunità per eventuali reati compiuti a danno dei cittadini e dei bene dello Stato, sia in sintonia con le norme internazionali e la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, tra i quali i concetti basilari di libertà e uguaglianza”;

“se risulti al Governo che tale esercito di Polizia europea sia stato richiesto, ottenuto e prestato da qualche organizzazione internazionale, coalizione specifica, se sia stato utilizzato in Grecia per reprimere i moti di libertà del popolo greco, e più di recente in Francia, per tentare di domare le rivolte sociali del movimento dei ‘Gilet Gialli‘ contro il governo Macron, e quali siano stati i protocolli di autorizzazione”;

“se il Governo italiano ritenga necessaria l’immunità di cui gode ‘EuroGendFor‘ sia nelle registrazioni in sede giudiziale, che negli eventuali abusi sul territorio italiano, qualora, nell’adempimento del servizio, uccidano, commettano illeciti, senza potere essere accusati, e se accusati, non potranno venire condannati, se condannati poi la sentenza non potrà essere eseguita”;

“se non ritenga opportuno attivare le procedure ispettive e conoscitive previste dall’ordinamento, anche al fine di prendere in considerazione ogni eventuale sottovalutazione di significativi profili di accertamento che potrebbero profilare palesi violazioni di leggi, ordinamenti e norme di rango costituzionale”.

Basta per avere, dopo tanti anni, un po’ di trasparenza in un campo tanto delicato dove l’Italia si è impegnata in prima linea?

L’articolo per la Voce di Antonella Beccaria del novembre 2010

art Beccaria