Linea di credito revolving per 40 milioni di euro alla Zonin spa per le esigenze di cassa dopo i 65 milioni di Benetton versati come capitale

Di Giovanni Coviello (Direttore responsabile VicenzaPiù) 29.12.18

ArticleImage

Allen & Overy e Latham & Watkins hanno assistito rispettivamente Casa Vinicola Zonin e gli istituti finanziari nella revolving credit facility (linea di credito revolving) da 40 milioni di euro, della durata di tre anni (estendibile ad altri due), sottoscritta dalla società e altre controllate della stessa. La nuova linea di credito diverrà la fonte principale per il finanziamento dell’attività corrente del gruppo vinicolo andando a sostituire e rifinanziare l’indebitamento finanziario a breve termine del gruppo. Il precedente indebitamento complessivo di 180 milioni aveva già portato alla necessità di cercare un partner finanziario poi individuato nella 21 Invest di Alessandro Benetton che ha versato 65 milioni in aumento di capitale per avere il 36% del gruppo.

Allen & Overy ha affiancato Casa Vinicola Zonin con un team guidato dal partner Stefano Sennhauser (in foto), con il supporto dell’associate Luca Maffia. Gli aspetti fiscali dell’operazione sono stati seguiti dal senior associate Elia Ferdinando Clarizia.

Latham & Watkins ha assistito le banche finanziatrici e l’agente con un team composto dal partner Andrea Novarese con l’associate Tiziana Germinario.