“Testate nucleari finanziarie”: i giubbotti gialli vanno bene

zerohedge.com 15.1.19

Scritto da Robert Gore tramite il blog di Straight Line Logic,

I media mainstream sono degenerati irreparabilmente . Ecco una regola empirica affidabile: se è importante non è coperta; se è coperto non è importante. Le storie della stampa mainstream americana sulle proteste di Yellow Vest sono state poche. Un aspetto delle proteste, trascendentemente importante, ha ricevuto scarsa copertura.

I manifestanti della Yellow Vest hanno chiesto  una corsa coordinata alle banche francesi . Che si rendano conto o no, stanno giocando con testate nucleari che potrebbero annientare non solo il sistema finanziario francese, ma quello europeo e di tutto il mondo. Perché inestricabilmente legati ai fini dei governi contemporanei – quanto possono rovinare la vita di coloro che devono vivere sotto di loro – è la questione dei mezzi – come finanziano il loro malgoverno? La risposta breve è tasse e debito.

Dal 1971, quando il presidente Nixon “temporaneamente” sospese la convertibilità internazionale dei dollari per l’oro (non è mai stato reintegrato), la base monetaria dell’economia globale è stata un debito pubblico. Né il governo né il debito della banca centrale né le valute sono legati a vincoli reali, come i metalli preziosi (vedi ” Denaro reale “, SLL). Così, i politici e i funzionari monetari possono creare tutto il debito che vogliono: debito per debito.

Il debito pubblico e della banca centrale è all’apice della piramide del debito globale. Il livello successivo sono le banche commerciali che hanno conti presso le banche centrali. Tali conti sono attività bancarie e passività della banca centrale o debiti. Le banche centrali espandono le loro passività a favore delle banche in cambio del debito pubblico delle banche, uno scambio chiamato monetizzazione del debito, che è un po ‘improprio in quanto non è coinvolto alcun ” denaro reale “. La “monetizzazione” è l’espansione fiat della banca centrale dei conti delle banche con la banca centrale in cambio del debito statale a debito, che espande le attività delle banche disponibili per i prestiti a governi, imprese e individui.

In ” Denaro reale ” , il denaro è stato definito, in parte, come ciò che ha un valore intrinseco e non è una responsabilità di un individuo o di un’entità. Questa parte della definizione è controversa; invalida tutto ciò che al momento pensiamo come denaro. Le definizioni comunemente accettate sono essenzialmente: il denaro è come il denaro, tutto ciò che serve come mezzo di scambio, un deposito di valore e un’unità di conto (le altre parti della definizione SLL) è denaro.

Tuttavia, solo perché qualcosa ha funzioni monetarie non significa che sia denaro, più che usare una spazzola per capelli per lavarsi i denti lo rende uno spazzolino da denti. Mentre ci sono alcune domande metafisiche sulla nozione di valore intrinseco (quel termine è stato scelto perché è più breve e più conveniente che dire “Qualcosa a cui la maggior parte delle persone assegnerebbe un valore a parte il suo valore potenziale come denaro”, ogni volta) l’importante Il punto è che secondo la definizione di SLL, usare il debito come denaro, incluso il debito nel portafoglio noto come banconote della Federal Reserve  , non fa guadagnare denaro.

Fatta eccezione per le relativamente poche istanze in cui l’oro, l’argento o altro valore tangibile viene utilizzato come mezzo di scambio nelle transazioni private, tutto ciò che viene attualmente utilizzato è il debito, comprese le valute. Quando individui e aziende effettuano depositi in una banca, scambiano una forma di debito, di solito valute o assegni, per un’altra – la promessa della banca, in una serie specifica di condizioni, di restituire una valuta o un assegno emesso sulla banca.

Il depositante è un creditore e la banca è libera di prestare i fondi depositati. Questa è la base della riserva frazionaria, la capacità del sistema bancario di creare debiti in multipli di importi depositati. Per ogni $ 10 depositati, una banca presterà probabilmente $ 9 e manterrà $ 1 in riserva per soddisfare le richieste di prelievo. La frazione che può essere prestata e la frazione che deve essere tenuta in riserva sono generalmente specificate dai regolamenti governativi o delle banche centrali.

L’importo prestato di solito ritorna al sistema bancario, dove funge da base per ulteriori prestiti. Per semplicità analitica, le classi introduttive di economia dicono che all’interno del sistema bancario, qualsiasi aumento autonomo dei depositi bancari amplierà il totale dei prestiti dal reciproco del requisito di riserva. Se l’obbligo di riserva è pari al 5% dei depositi bancari, un aumento dei depositi bancari porterà a un’espansione dei prestiti bancari pari a 20 volte. La vita reale non è così semplice, ma è un’approssimazione decente.

Un’importante implicazione è che all’interno del sistema bancario, la maggior parte dei depositi è stata prestata, non sono nel sistema. Pertanto, se tutti i depositanti vogliono esercitare le loro richieste contro il sistema allo stesso tempo, non può soddisfare tali richieste. Lo stesso vale per le singole banche.

Come fa una corsa su una singola banca trasformarsi in un filato sciolto che una volta tirato, disfa l’intero maglione? La banca cerca di aumentare i suoi fondi liquidi, attingendo a qualunque linea di credito di emergenza che possa avere, e di convertire le sue attività illiquide in attività liquide, richiedendo prestiti. Questo fa pressione su altre banche e istituzioni finanziarie, che attingono alle loro linee di credito e chiamano i loro prestiti e così via fino a quando il sistema non crolla.

Le banche centrali dovrebbero impedire che le esecuzioni diventino crisi sistemiche fornendo un supporto di emergenza per il debito fiat garantito da garanzie bancarie di “alta qualità” ma illiquide. Un ulteriore ostacolo è l’assicurazione sui depositi, un’innovazione del New Deal che è ora comune nei paesi sviluppati. Negli Stati Uniti, il fondo di assicurazione sui depositi coprirebbe solo una piccola percentuale di depositi nel caso di una corsa a livello di sistema.

Più il sistema è indebitato, più è vulnerabile a tali crisi. Lo abbiamo visto nel 2008-2009, quando i problemi in un segmento di un mercato del credito – il prestito ipotecario dei mutui subprime negli Stati Uniti – ha portato a una crisi finanziaria globale stagnante solo da massicce iniezioni di debito fiat governativo e della banca centrale. Da quella crisi, il governo, la banca centrale, i debiti societari e individuali sono tutti aumentati, lasciando il sistema finanziario e l’economia globali più vulnerabili di quanto non fosse allora.

Il debito globale nominale dichiarato è di circa $ 250 trilioni, o oltre tre volte il PIL mondiale. Aggiungete pensioni non finanziate e promesse di cure mediche da parte di governi e società e un’enorme pila di derivati, il cui ammontare può essere solo indovinato (da $ 250 a $ 750 miliardi), e le richieste totali su attività attuali e produzione futura sono probabilmente in eccesso di $ 1 quadrilione, mille trilioni, oltre dodici volte il PIL mondiale. Il debito di Fiat ha permesso al mondo di diventare più indebitati di quanto non sia mai stato, con il temporaneo aumento della “ricchezza” che deriva da qualsiasi abbuffata di prestiti, ma con l’inevitabile fallimento in sospeso.

Il fallimento è un quando, non un se. Una domanda è se inizia in un angolo casuale del sistema finanziario mondiale, o per volere delle sue presunte vittime. Il che ci riporta alla tentata corsa al banco dei Yellow Vests. Nell’attuale età eccessivamente indebitata, qualsiasi crisi finanziaria che valga la pena risiedere nelle corse bancarie, con i depositanti che perdono la maggior parte o tutti i loro depositi. Il debito è il tallone d’Achille dei governi del mondo. Una corsa diffusa sugli istituti finanziari ridurrà drasticamente la disponibilità di credito e aumenterà i tassi di interesse, e interromperà completamente il credito per alcuni di essi. In tali circostanze, anche le entrate fiscali si ridurranno.

Come sostenuto in ” Revolution in America ” (SLL), chiunque sia veramente interessato a rovesciare quei sistemi dovrebbe provare, come i Yellow Vests, ad avviare il ritiro massiccio dei fondi dal barcollante sistema finanziario. È efficace, non violento, attualmente legale, prende quei fondi prima che siano congelati e poi confiscati da governi rapaci, e avvia l’inevitabile crisi a vantaggio di coloro che l’avviano. Per maggiori dettagli e argomenti di supporto vedi ” Rivoluzione “.

Come notato in questo articolo, la probabilità di riconoscimento di massa dell’inevitabile e coordinata azione contro di essa è piccola. Invece, avremo la crisi. I governi congeleranno i conti e poi confisceranno ciò che è rimasto in loro. Con le banche centrali porteranno a zero il valore dei propri debiti legali. Vedremo ulteriori passi verso la governance globale e la centralizzazione dell’attività economica e della finanza, presumibilmente per affrontare le crisi create dalla governance e dalla centralizzazione passate e presenti. Chiunque difenda i diritti individuali e il governo sarà demonizzato, ostracizzato e probabilmente criminalizzato. Il debito elettronico di Fiat sostituirà le banconote cartacee per bloccare il sempre più inutile mezzo di scambio all’interno del sistema finanziario insolvente.L’attività economica “legittima” si fermerà ei mercati neri prospereranno. La proprietà privata di metalli preziosi e forse il baratto saranno messi fuori legge. Non ci saranno risorse reali sufficienti per i governi per pagare e dotare i loro pretoriani, che respingeranno la fiat scrip. Non protetto, le vestigia del vecchio ordine si sgretolano. I sopravvissuti induriti dalla battaglia emergeranno e cominceranno a costruire enclave decentralizzate. Quelli dovranno riposare su una serie di principi più duratura se vogliono sopravvivere.

… Al momento attuale il governo andrà in bancarotta. L’unica opzione per quelli di noi che hanno fornito così tanto del suo bottino mal tenuto e mal speso – e ricevuto così poco in cambio – è di prendere l’iniziativa, colpire al suo punto più debole, estrarre una piccola percentuale di ciò che è stato preso, affretti l’inevitabile incidente, e poi ricostruisci l’America nella grande nazione che una volta era …

l’unica difesa contro ciò che verrà sicuramente è un forte reato, prima che la nostra capacità di lanciare un’offensiva ci venga sottratta.

” Rivoluzione in America , SLL.

I giubbotti gialli devono essere lodati per aver preso l’iniziativa e aver lanciato l’offensiva.

One Reply to ““Testate nucleari finanziarie”: i giubbotti gialli vanno bene”

I commenti sono chiusi.