Intesa Sanpaolo, conti in chiaroscuro. Cedola a 0,197 euro

RM finanzareport.it 5.2.19

La banca guidata da Carlo Messina chiude il 4* trimestre con utili poco sopra le attese ma ricavi deludenti. Aumenta il monte-dividendi, da 3,149 a 3,449 miliardi, ma la cedola scende rispetto ai 0,203 euro dell’anno scorso per effetto della conversione delle risparmio

intesa-sanpaolo

Intesa Sanpaolo ha chiuso il quarto trimestre dell’anno scorso con risultati contrastanti rispetto alle previsioni del consenso degli analisti.

In particolare la banca lombardo-piemontese ha registrato un utile netto di 1,038 miliardi di euro, in crescita rispetto agli 833 milioni del terzo trimestre ma in calo dagli 1,428 miliardi del pari periodo del 2017, che, però, beneficiava della plusvalenza da 811 milioni generata dalla vendita delle quota in Allfunds. Il consenso degli analisti prevedeva invece profitti per 1 miliardo.

I proventi operativi sono invece scesi dell’11,2% a 4,19 miliardi, al di sotto dei 4,24 miliardi del consenso, e i costi del 4,7% e pertanto il risultato della gestione operativa è peggiorato del 19,8% arrivando a 1,636 miliardi. Inoltre le rettifiche di valore nette su crediti sono pari a 698 milioni, rispetto ai 519 milioni del terzo trimestre 2018 e ai 1.229 milioni del quarto trimestre 2017. 

Quanto all’intero 2018, il conto economico mostra proventi operativi netti per 17,875 miliardi di euro, in aumento dello 0,2% rispetto ai 17,84 miliardi del 2017, al di sotto dei 17,95 miliardi del consenso. Il risultato della gestione operativa ammonta, invece, a 8,405 miliardi di euro, in aumento del 4,8% rispetto al 2017, mentre il cost/income ratio è calato dal 55,1% al 53%. L’utile netto si è quindi attestato a 4,050 miliardi, sostanzialmente in linea con le attese. 

Sul fronte della qualità delle erogazioni, lo stock di crediti deteriorati (sofferenze, inadempienze probabili e prestiti scaduti/sconfinanti) ammonta, al netto delle rettifiche di valore, a 16,591 miliardi, in calo del 26,4% rispetto a fine 2017. Le sofferenze scendono da 10,562 miliardi a 7,138 miliardi, con un’incidenza sui crediti complessivi dell’1,8% (2,6% nel 2017), e un grado di copertura al 67,2% (69,1%). Le inadempienze probabili calano da 11,592 miliardi a 9,101. Nel complesso lo stock di crediti deteriorati scende a dicembre 2018 del 29,9% al lordo delle rettifiche di valore rispetto a dicembre 2017, arrivando al 61% dell’obiettivo di riduzione previsto nel Piano di Impresa per il 2018-2021. L’incidenza dei crediti deteriorati sui crediti complessivi a dicembre 2018 è pari all’8,8% al lordo delle rettifiche di valore e al 4,2% al netto.

Alla fine dell’anno scorso i coefficienti patrimoniali, calcolati applicando i criteri transitori in vigore per il 2018 e tenendo conto dei dividendi proposti per l’esercizio 2018, risultano pari al 13,5% per il Core Tier 1 (13% a fine 2017), al 15,2% per il Tier 1 (14,9%) e al 17,7% per il coefficiente patrimoniale totale (17,7%). 

Sulla base di tali risultati la banca ha proposto di distribuire dividendi per 3,449 miliardi, a fronte dei 3,419 miliardi del 2017, con un pay-out all’85% come indicato nel Piano di Impresa per il 2018. Nello specifico sarà proposta all’assemblea dei soci la distribuzione di 0,197 euro per azione, poco meno degli 0,203 euro pagati l’anno scorso a valere sul bilancio 2017 anche se va detto che nel corso dell’anno l’ammontare dei titoli in circolazione è aumentata per effetto della conversione delle risparmio.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti nel 2018: nel primo anno del Piano d’Impresa, pur in un contesto più complesso del previsto, Intesa Sanpaolo ha confermato la capacità di raggiungere tutti gli obiettivi”, ha commentato l’ad Carlo Messina. Per il 2019 la banca anticipa “un aumento del risultato netto rispetto al 2018, conseguente a una crescita dei ricavi, una continua riduzione dei costi operativi e un calo del costo del rischio”. 

Il titolo Intesa Sanpaolo segna, alle 14,22, un rialzo dell’1,01% a 1,9814 euro, a fronte dei 2,025 euro del massimo intrady raggiunto poco prima della pubblicazione dei risultati.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.