B.Mps: Morelli; rotta invertita, fusioni decisive per tutti (Sole)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

“Il ritorno all’utile nel 2018 e una chiara inversione di tendenza hanno caratterizzato la prima fase del rilancio di Mps. Molta strada resta ancora da fare ed è evidente che il contesto economico non aiuta le banche. Ma i dati di bilancio dimostrano che il Monte, grazie a tutte le persone che ci lavorano, ha invertito la rotta verso una crescita sostenibile”. 

Lo afferma Marco Morelli, amministratore delegato di Monte dei Paschi di Siena, in un’intervista al Sole 24 Ore aggiungendo che “il nostro auspicio è che i risultati del 2019 siano migliori rispetto a quelli del 2018”. 

Tra giugno e dicembre 2019 il Ministero dell’Economia che detiene il 68% di Mps deve comunicare all’Ue come intende uscire dal capitale entro il 2021. Le alternative sono due o lo Stato cede azioni sul mercato o si diluisce tramite un’aggregazione. Morelli non ha “nessuna preferenza” ma sostiene che “per gli istituti di dimensioni simili a Mps, il tema delle aggregazioni diventa decisivo perchè la facilita’ di accesso al funding istituzionale, i sempre maggiori investimenti per il digital banking e la revisione dei modelli commerciali ed i maggiori costi regolamentari, richiedono importanti economie di scala”, sottolinea. 

“Quanto ai crediti unlikely to pay (Upt), il piano prevedeva una riduzione di 1,5 miliardi nel 2018: siamo andato oltre arrivando a 2,3 mld. Nei target 2019 è prevista una ulteriore riduzione di 2 mld e anche in questo caso contiamo di fare meglio”, aggiunge. 

In merito al subordinato, “puntiamo a collocare la parte rimanete del Tier2 appena il mercato offrirà una finestra di prezzi ragionevoli”, conclude. 

pev 

 

(END) Dow Jones Newswires

February 13, 2019 02:38 ET (07:38 GMT)