Dollaro, BlackRock: revival del carry trade con elevati rendimenti

Nel breve termine, il dollaro Usa  farà meglio delle valute delle altre economie avanzate, sottoperformando invece le valute emergenti: i suoi elevati rendimenti rispetto ad altre valute, inoltre, alimenteranno nuove operazioni di carry trade, già in revival. E’ quanto scrive BlackRock in una nota, mostrandosi moderatamente positiva sul biglietto verde, nonostante la corsa avvenuta già nel 2018.

L’ottimismo si spiega con i rendimenti degli asset denominati in dollari, che viaggiano al record dall’inizio del 2018 rispetto al paniere delle valute dell’area G10. Tale situazione si è tradotta nel “revival del carry trade”, come si legge nel commento di BlackRock, ovvero di quelle transazioni attraverso cui gli investitori si indebitano in valute emesse da paesi in cui i tassi sono più bassi (dunque in euro o in yen), per investire in asset che presentano rendimenti più appetibili, come è nel caso degli asset denominati in dollari o in valute emergenti. In questo modo, ricorrendo al carry trade, gli investitori guadagnano incassando la differenza tra i rendimenti.

Proprio il carry trade, spiega BlackRock, dovrebbe confermarsi “il fattore chiave che condizionerà il trend delle valute nel breve termine, in un contesto in cui è probabile che la Fed faccia una pausa nel percorso rialzista dei tassi almeno per tutto il primo semestre dell’anno, e che anche le altre banche centrali rimangano dovish”. Ciò significa che la situazione, almeno nel breve termine, dovrebbe confermare una maggiore stabilità del dollaro, a vantaggio degli emergenti. Questo, perchè intanto un dollaro con un valore più costante rimuove il rischio debito per quelle economie emergenti che si finanziano emettendo bond in dollari, e che dunque rischiano di sostenere costi più elevati con un eventuale apprezzamento del dollaro Usa. Un dollaro più stabile riduce anche il rischio di chi si espone alle valute emergenti, storicamente una grande fonte di volatilità per chi investe in debiti emessi in moneta locale. Anche per questo, BlackRock invita ad avere un approccio equilibrato verso il debito dei paesi emergenti, attraverso una esposizione che abbia per oggetto sia i debiti emessi in valuta locale che in quelli emessi in valuta straniera.