Bce: chi sono gli sceriffi di Francoforte (Mi. Fi.)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Dall’entrata in vigore della Vigilanza Unica, la Bce è sempre più presente nella vita delle banche italiane. Francoforte monitora non solo le operazioni straordinarie, ma anche l’attività ordinaria dal processo del credito alla solidità patrimoniale, dalla corporate governance alla sicurezza informatica con una presenza sempre più pervasiva in quasi tutti i processi. 

Al punto che – scrive Milano Finanza – la compliance assorbe ormai gran parte delle energie di manager e amministratori e molti banchieri lamentano una libertà di manovra sempre più limitata. Per il mercato però la Vigilanza resta un’entità impersonale a cui viene accostato soltanto l’austero volto di Andrea Enria, ex presidente dell’Eba passato all’inizio di quest’anno alla guida del supervisory board della Bce. Molto meno nota è l’identità dei potenti funzionari che monitorano le singole banche in nome e per conto di Francoforte. 

Il punto di contatto tra le banche vigilate e Bce sono i joint supervisory team (jst) che, oltre a essere i responsabili della day-to-day supervision, rappresentano il principale veicolo di cooperazione tra le autorità nazionali e l’Eurotower e il primo interlocutore degli intermediari. Ogni jst è guidato da un coordinatore e comprende esperti di vigilanza sia della Bce che delle autorità nazionali. Fino a poco tempo fa ad esempio a Intesa Sanpaolo c’era Femmie Wijbrandi, una signora olandese con una lunga carriera nel mondo delle authority finanziarie: prima di sbarcare nel 2014 in Bce, ha lavorato infatti per la banca centrale olandese, per la Financial Conduct Authority (l’ente inglese che regola i broker finanziari) e per la Dutch development bank. 

Solo di regente Wijbrandi è stata sostituita dallo spagnolo Jaime Esteban Velasco: è previsto infatti un meccanismo di rotazione che consente ai funzionari di attraversare in lungo e in largo il sistema bancario europeo. In Ubi B. è in uscita la tedesca Anne Frohling: oltre a svolgere attività di vigilanza presso le banche, Frohling ha coordinato la taskforce Bce sui non performing loan che ha portato alla pubblicazione delle famigerate linee guida e dell’addendum. Nel suo passato c’è anche un ruolo di project manager presso la società di consulenza Oliver Wyman e di stress test coordinator per l’Eiopa, l’autorità di vigilanza delle assicurazioni. 

Il suo posto sarà preso dalla lettone Natalia Benkovska. In Unicredit invece il coordinatore è il danese Thomas Jorgensen che lavora in stretto contatto con la francese Perrine Kaltwasser (head of division) e la spagnola Eva Lorente (head of section). Jorgensen, studi in Inghilterra e a Copenaghen, ha lavorato per cinque anni presso il ministero dell’economia per poi passare alla Danish Financial Supervisory Authority (la Consob danese) e infine nel 2014 alla Bce. Al Banco Bpm la palla è in mano a Ignacio Pardo Cuerdo, ex funzionario della Banca di Spagna dove ha militato per 15 anni prima di entrare in Bce. Tra le sue attività precedenti ci sono state le ispezioni al Banco Popular, l’istituto iberico finito in forte difficoltà nel 2017 e rilevato per la cifra simbolica di un euro dal Santander in un’operazione simile a quella fatta da Intesa Sanpaolo con le ex banche venete. 

Il ruolo della vigilanza in quella vicenda è finito sotto la lente del parlamento spagnolo che, nell’ambito dei lavori della Comisión de investigacion de la crisis financiera, ha sentito proprio Cuerdo. Da Madrid viene anche Carlos Manrique, il coordinatore del jst di Mediobanca, arrivato a Francoforte dopo 14 anni di attività ispezioni per il Banco de Espana. Il delicato dossier Montepaschi è invece affidato al tedesco Winfried Liedtke. Dopo gli studi a Tubinga nel Baden-Wurttemberg, Liedtke ha lavorato 13 anni per la Bundesbank, di cui otto nella banking supervision. L’attività ispettiva svolta in quel periodo nel sistema creditizio tedesco gli ha permesso di farsi le ossa in vista dell’impegno assunto dal 2014 in Bce. Per quanto riguarda gli altri istituti, il coordinatore del jst di Bper è Markus Wittemann mentre per le bcc è al lavoro Jacobo Varela. 

red/cce 

 

(END) Dow Jones Newswires

March 04, 2019 02:19 ET (07:19 GMT)