FT: Unicredit pronta per un’offerta su Commerzbank

Elena Dal Maso milanofinanza.it 4.4.19

Banca Unicredit, un francese alla guida: Mustier nuovo Ceo

Parte il risiko bancario in Europa tanto caldeggiato dalla Bce. Ad aprire le danze, l’italiana Unicredit che, secondo diverse fonti del Financial Times, sta preparando un’offerta di diversi miliardi per rilevare Commerzbank. Operazione che i mercati avevano ventilato anni fa e che poi pareva fosse sfumata. E che oggi che non si vuole inserire nei colloqui in atto fra Deutsche Bank e Commerzbank, trattative ufficiali di fusione su richiesta di Berlino. Ma, nel caso andassero in fumo, fra mille reali contrasti, non da ultimo l’opposizione dei sindacati in Germania, il gruppo guidato dal ceo Jean Pierre Mustier è pronto per avanzare un’alternativa di M&A. Un tema caldo da trattare l’11 aprile, durante l’assemblea dei soci di Unicredit.

Intanto questa mattina il titolo Unicredit ha aperto in rosso a Piazza Affari, cede l’1,5% a 12,006 euro per azione, mentre sul Dax Commerzbank guadagna il 2,93% a 7,37 euro alle ore 9:26.

Il piano prevede che Mustier acquisti una parte rilevante di Commerzbank per poi fonderla con la banca tedesca HypoVereinsbank, in mano a Unicredit. Il gruppo tedesco ha una capitalizzazione di borsa, oggi, di circa 9 miliardi di euro. Sarebbe unito con Hypovereinsbank a formare un’entità combinata con sede in Germania, mentre Unicredit manterrebbe la sua sede legale, gli uffici e la quotazione a Milano. Commerzbank, dal canto suo, resterebbe quotata sul Dax a Francoforte.

Unicredit sa che vi sono altri osservatori in Europa interessati a Commerzbank, fra i quali Ing, Bnp Paribas e Santander e che si deve guardare le spalle. Però la combinazione italo-tedesc “avrebbe senso per la Germania”, ha spiegato un advisor di Unicredit al quotidiano inglese. “Potrebbe essere presentata come un campione nazionale”. Qualsiasi accordo tra Unicredit e Commerzbank richiederebbe l’approvazione da parte del governo tedesco, il maggiore azionista del gruppo bancario, con una quota del 15%.

L’interesse di Unicredit per Commerzbank “non è mai cessato”, ha spiegato una fonte vicina a un importante ente di regolamentazione europeo, nonostante i politici a Berlino si siano opposti in passato all’accordo, dato che si tratta della seconda banca in Germania. Ma è anche vero che la fusione DB-Commerz non piace a molti anche solo per la sovrapposizione dell’operatività e delle filiali dei due istituti. Per contro, Commerzbank e HVB hanno business complementari. 

Un paio di giorni fa il colosso tedesco Allianz, socio storico di Unicredit con l’1% delle quote, ha espresso ha stima e fiducia in Jean Pierre Mustier. Giacomo Campora, ad di Allianz Spa, ha infatti detto di aver una “grandissima stima e fiducia in Mustier. Ha preso la banca in un momento sfidante e ha fatto operazioni super-coraggiose”, ha commentato il manager.

E a proposito di un’eventuale operazione di aggregazione internazionale di Unicredit con un’altra banca europea, Campora ha specificato che “qualunque operazione venga fatta deve creare valore per tutti gli azionisti”. E ha poi aggiunto: “Non so cosa succederà. Mustier è un asso e tiene le carte molto vicine al petto”.