Il profilo del ricattatore emotivo: 5 tattiche e 3 emozioni che usano per ricattarti

angolopsicologia.com

profilo del ricattatore emotivo

Conoscere il profilo del ricattatore emotivo ti aiuterà a non cadere nella sua rete o fuggire il prima possibile. Sfortunatamente, il ricatto emotivo è un tipo di violenza psicologica invisibile che ti può intrappolare in una dinamica insana Adottando il ruolo di vittima vai perdendo gradualmente la capacità di prendere le tue decisioni e termini alla mercé del manipolatore.

Per soddisfare il ricattatore emotivo dovrai pagare un prezzo molto alto. Probabilmente ti senti come se stessi camminando sui cristalli perché non saprai mai di che umore sarà o come prenderà le tue parole. Per soddisfare quel tipo di persone devi sacrificarti continuamente, anteponendo i loro bisogni e desideri ai tuoi.

Di conseguenza, le vittime del ricatto emotivo finiscono per perdere l’autostima, sentendosi colpevoli delle emozioni, degli atteggiamenti e dei comportamenti del manipolatore. Tendono a cadere nell’impotenza appresa, uno stato in cui imparano a sopravvivere con questo sistema di manipolazione perché non sanno come uscirne.

Chi è il ricattatore emotivo?

Chiunque può diventare un ricattatore emotivo. Si tratta di qualcuno che manipola e ricatta gli altri per ottenere dei benefici personali, a spese dei bisogni della vittima. Il ricattatore emotivo è colui che si relaziona usando metodi di manipolazione volti a limitare il potere decisionale delle proprie vittime, per portarle a prendere una determinata decisione.

Di solito sono persone con problemi psicologici. Infatti, il profilo del ricattatore emotivo è solitamente caratterizzato da:

– Paura di essere abbandonato e ferito emotivamente

– Intenso bisogno di avere tutto sotto controllo

– Bassa tolleranza alla frustrazione

– Distorsioni del pensiero che gli fanno credere che le sue richieste sono ragionevoli

I tipi di ricattatore emotivo

  1. Punitore

Sono manipolatori che minacciano direttamente di vendicarsi se non si accettano le loro richieste. Non hanno remore nell’esprimere ciò che vogliono e chiarire le conseguenze del non farlo. Gli esempi nella vita quotidiana abbondano: “se non lasci il lavoro ti lascio”, “se ti separi da me non vedrai più i bambini” o “se te ne vai da solo ti assumi tutte le conseguenze”.

Questo tipo di ricattatore emotivo conosce i tuoi punti deboli e ti attaccherà dove ti fa più male. Di solito si esprime in modo aggressivo, anche se in alcuni casi può assumere un atteggiamento passivo-aggressivo. Quindi la sua tattica preferita è smettere di parlare come punizione, anche se è evidente che il silenzio nasconde una enorme rabbia.

La cosa peggiore è che più stretta è la relazione, maggiore sarà il controllo che il ricattatore vorrà e più vulnerabile sarai. Quando il ricatto si intensifica, le conseguenze di non accettare le sue richieste possono diventare serie: abbandono, freddezza emotiva, ritiro del sostegno economico o persino danni fisici.

  1. Autoaggressivo

In questo caso la minaccia è diretta verso loro stessi, per generare il senso di colpa e indurti a fare ciò che vuole. Se lo contraddici o non cedi ai suoi desideri, minaccerà di farsi del male o addirittura nei casi più estremi di togliersi la vita. “Se mi lasci mi suicido”, è una delle frasi più comuni.

A volte questo tipo di ricattatore emotivo sviluppa un profilo più raffinato. “Se litighi con me, mi ammalerò”, è la frase tipica di chi ricorre alla salute per generare il senso di colpa nella sua vittima.

In ogni caso, questi manipolatori fanno del dramma la loro arma principale, si mostrano eccessivamente bisognosi e dipendenti da chi li circonda per chiedergli in seguito che facciano ciò che vogliono. In realtà, approfittano della tua empatia, preoccupazione e senso di colpa per crearti un problema di coscienza in anticipo.

  1. Martire

Il profilo di questo ricattatore emotivo è il più sottile e, quindi, uno dei più difficili da individuare. Usa anche il senso di colpa della vittima per controllarla. È abilissimo nel far sentire gli altri colpevoli.

In questo tipo di ricatto emotivo tutte le frasi sono accompagnate da un finto atteggiamento di rassegnazione: “non preoccuparti per me, sono solo un fastidio” o “vai pure, così non ti darò più fastidio”. L’obiettivo del suo atteggiamento è mostrare quanto è infelice, miserbaile, malato o sfortunato. In questo modo ti fa vedere che le tue decisioni gli causano dei problemi e che, quindi, sei una persona cattiva.

Alla fine, se non vuoi assumerti la colpa della sua disgrazia, non hai altra scelta che dargli quello che vuole, anche se non ti ha ancora detto direttamente di cosa si tratta. Il problema è che, qualunque cosa tu faccia, non sarà mai abbastanza perché questa persona chiederà sempre di più.

  1. Benefattore

Il profilo di questo ricattatore emotivo proietta una enorme sicurezza. È una persona “generosa” che ti offre amore e protezione, ma solo fino a quando cedi ai suoi bisogni. Si sforzerà per portarti a diffidare delle tue capacità e cercherà di farti apparire come una persona debole e indifesa che non sa badare a se stessa. Quando sarà riuscito a farti sentire insicuro si riaffermerà come tuo benefattore.

All’inizio, farà di tutto per te, ma presto ti presenterà il conto ed esigerà lo stesso sforzo da te, o anche maggiore, perché in realtà dietro quell’altruismo c’è un imperioso bisogno di controllo.

Se necessario, non esiterà a sottolineare tutto ciò che ha fatto per te, quanto si è sacrificato e a quante cose ha rinunciato. Frasi come “con tutto quello che ho fatto per te è così che mi ripaghi” sono comuni nel discorso di questo tipo di ricattatore. Ti metterà in una posizione in cui, se sei una persona buona, non avrai altra scelta che ricompensarlo per il suo sforzo. Il problema è che non salderai mai il tuo debito.

  1. Seduttore

Di solito sono persone molto carismatiche con una personalità seducente. Il loro ricatto emotivo si basa sulle promesse. Non esiteranno a prometterti il cielo e le stelle, ma solo a condizione che tu soddisfi i loro desideri.

La loro strategia si basa su una sorta di ricatto invertito perché, invece di minacciarti, ti diranno tutte le cose buone che faranno per te, sempre e quando ti lasci manipolare. La loro frase classica è: “fai quello che ti dico e non dovrai più preoccuparti di nulla”.

In questo modo, il manipolatore riesce a creare una relazione di dipendenza togliendo il potere alla sua vittima. Ma nella maggior parte dei casi non mantiene le sue promesse, infatti ha sempre una buona scusa per giustificarsi.

Le 3 emozioni usate dal ricattatore emotivo

Indipendentemente dalle tattiche di manipolazione utilizzate, in profondità il meccanismo del ricatto emotivo è sempre lo stesso, perché si basa sull’attivazione di tre stati emotivi chiave nelle vittime grazie ai quali viene sottomessa:

  1. Paura

I ricattatori emotivi costruiscono le loro strategie, consciamente o inconsciamente, sulle informazioni che forniamo loro. Si basano sulle nostre paure, incertezze e punti deboli.

La paura di non ottenere ciò che vogliono e di perdere il controllo è così intensa che li aiuta a concentrarsi con estrema precisione sui loro obiettivi e individuare più chiaramente le nostre debolezze, quindi in alcuni casi possono conoscerci meglio di noi stessi.

Non esiteranno a usare quella conoscenza come arma per manipolare e nutrire la paura nella loro vittima, anche se ciò significa tradire la fiducia che questa aveva riposto in loro.

  1. Dovere

Spesso, la nostra idea del dovere è ragionevole e costituisce una base etica e morale che diventa la bussola che guida la nostra vita. Ma a volte quest’idea ci porta troppo lontano, quindi perdiamo la prospettiva e l’equilibrio.

I ricattatori non esitano nel mettere alla prova il nostro senso del dovere, continuamente. Ad esempio, l’attaccamento alla famiglia e la convinzione che si tratti di un legame sacro mantiene molte persone in relazioni che hanno perso significato o addirittura sono dannose per loro.

Un manipolatore tirerà sempre più la corda per vedere quanto può approfittare di quel senso del dovere. E se questo è più forte della nostra autostima, cadremo rapidamente nella sua rete.

  1. Colpa

La colpa è un elemento essenziale nell’essere una persona responsabile che si preoccupa del benessere degli altri. È uno strumento della nostra coscienza per generare disagio e rimproverare noi stessi quando violiamo il nostro codice etico ei valori. I ricattatori lo sanno.

Uno dei modi più rapidi con cui un manipolatore può raggiungere il suo obiettivo è generare un senso di colpa immeritato, attribuendo attivamente alla sua vittima qualsiasi disagio o problema che possa avere. Quando il ricattatore vede che il senso di colpa può aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi, non avrà più limiti e lo userà senza remore.

Infine, ricorda che il ricattatore cerca di controllare te e la situazione, così perderai la tua libertà, la tua sicurezza e la tua felicità. Ogni volta che cedi al ricatto, rinunci a un po’ della tua libertà. Pertanto, stai attento a non lasciare che una persona che non rispetta le tue priorità, i tuoi limiti e i tuoi bisogni controlli la tua vita. Forse è meglio perdere quella persona piuttosto che perderti nel ricatto.