Consob: offerta abusiva, a Puerto Azul Int. sanzione da 2,1 mln

consob

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Ammontano a 2,08 milioni di euro le sanzioni che Consob 

ha comminato a Puerto Azul International e ad alcuni suoi rappresentati – 

il presidente Domenico Giannini e Fabio La Rosa – ai quali il regulator 

dei mercati imputa di aver collocato in Italia alcuni prodotti finanziari 

abusivi. 

I fatti finiti all’attenzione dell’authority sono avvenuti in un arco 

temporale che si è protratto dal 2007 fino a fine 2016. Un periodo durante 

il quale – ricostruisce Consob nella delibera 20872 del 28 marzo scorso 

pubblicata questa mattina sul proprio sito – è avvenuta “un’attività 

d’offerta al pubblico di contratti di investimento/prodotti finanziari e 

d’offerta fuori sede dei predetti contratti/prodotti, effettuata mediante 

una rete di procacciatori in assenza delle prescritte autorizzazioni nei 

confronti di soggetti residenti in Italia”. Una struttura commerciale in 

piena regola, “composta da decine di promotori/consulenti che hanno agito 

con metodi aggressivi e decettivi”. 

In particolare, gli uomini di Paolo Savona puntano il dito soprattutto 

sul Presidente, Domenico Giannini. Quest’ultimo, stando al disposto, “ha 

rivestito un ruolo cruciale nella commissione degli illeciti essendo il 

soggetto che ha ideato i prodotti offerti, nonché reclutato, organizzato e 

istruito la rete di collaboratori che ha effettuato, in Italia, l’offerta 

fuori sede di prodotti finanziari”. 

Consob ammette tuttavia di non disporre “di evidenze sufficienti a 

determinare la capacità finanziaria” di Giannini e La Rosa, poiché Puerto 

Azul International Holding è “stabilita nelle Bahamas” e non è stato 

dunque possibile “reperire informazioni sulla capacità finanziaria della 

corporation”. 

Le indagini del regulator di via Broletto hanno comunque evidenziato che 

“le somme indebitamente percepite sono confluite in conti esteri nella 

disponibilità” di Giannini e/o di società a lui riconducili, oltre che su 

conti gestiti da La Rosa. Quanto incassato è stato in parte utilizzato 

“nelle spese strumentali e connesse al progetto e al mantenimento della 

struttura illecita” e in parte “distratto per interessi personali di 

Giannini mediante copiosi prelevamenti in contanti allo sportello e 

bonifici in favore di conti personali, ovvero intestati a proprie 

società”. Secondo alcuni calcoli parziali tracciati dagli uomini Consob 

sulla base delle evidenze disponibili, le somme distratte corrispondono “a 

importi superiori a 2,5 milioni di euro”. 

Complessivamente, “l’effettiva adesione all’offerta da parte di numerosi 

risparmiatori italiani” corrisponde a una raccolta documentata ma ancora 

parziale di oltre 18 milioni. 

Sulla base di questi elementi, l’authority ha dunque comminato una multa 

da un milione di euro a Puerto Azul International Holding Corporation, a 

cui si aggiungono sanzioni amministrative da 0,6 milioni e da 0,48 milioni 

a carico rispettivamente di Giannini e La Rosa. 

ofb 

 

(END) Dow Jones Newswires

April 10, 2019 09:01 ET (13:01 GMT)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.