Notre Dame era a 15 minuti dalla distruzione; Ecco cosa è stato salvato e cosa è stato perso

zerohedge.com 17.4.19

La cattedrale di Notre-Dame era a 15-30 minuti dalla distruzione totale dopo che un enorme incendio ha distrutto il suo tetto in legno e la sua guglia, ha detto il governo francese lunedì sera. 

“Solo 15 minuti o mezz’ora dopo e sarebbe stato troppo tardi per salvarlo”, ha detto il ministro degli interni junior Laurent Nunez ai giornalisti fuori dalla cattedrale. 

I vigili del fuoco di Parigi hanno evitato il grande disastro rischiando la vita per rimanere all’interno della cattedrale in fiamme per creare un muro d’acqua tra il fuoco e due torri sul lato ovest dell’edificio, secondo  The Guardian . 

Ecco cosa è stato salvato:I tesori salvati dalla cattedrale di Notre Dame sono attualmente conservati nel municipio di Parigi REUTERS / Benoit Tessier

Mentre il fumo cominciava a sparire dal fuoco devastante della  cattedrale di Notre Dame a Parigi, l’attenzione del mondo si spostava verso la collezione insostituibile di manufatti e oggetti culturali all’interno di oltre 800 anni di storia. Mentre parte della collezione inestimabile è stata persa per sempre tra le fiamme, altri pezzi sono stati risparmiati. Ecco una carrellata di ciò che rimane e cosa no. – Notizie CBS

La corona di spine  – la reliquia più importante della cattedrale che si credeva fosse stata indossata da Gesù Cristo durante la sua crocifissione, fu salvata da padre Jean-Marc Fournier, cappellano dei vigili del fuoco di Parigi. Fournier è stato in grado di afferrare la corona alla fine di una catena umana di vigili del fuoco. La corona fu portata a Parigi nel 13 ° secolo dal re Luigi IX – successivamente canonizzata come Saint Louis. 


Questa foto del 2014 mostra la corona di spine esposta durante una cerimonia alla Cattedrale di Notre Dame a Parigi.

Il grande organo – il vicesindaco di Parigi, Emmanuel Gregoire, ha affermato che il famoso organo grande – tra i più famosi e più grandi del mondo – è rimasto intatto. E ‘stato costruito a metà del 18 ° secolo da Francois Thierry e ha una stima di 8.000 tubi. 

La tunica di San Luigi  – un abito secolare appartenente al re Luigi IX

Altare e croce

L’altare e la croce d’oro della cattedrale sono ancora intatti, mentre i detriti del tetto di legno crollato si trovano in una pila di fronte. 

Statue sul tetto

In un colpo di fortuna – o forse in un intervento divino,  16 statue religiose sono state rimosse dai giorni del tetto prima dell’incendio  come parte del restauro da 6,8 milioni di dollari della cattedrale. Le statue mostrano 12 apostoli e quattro evangelisti e sono state prese dai loro posatoi per un seminario a Bordeaux. 

Vetrate

Molte delle vetrate gotiche di Notre Dame sembrano essere rimaste illeso dalle fiamme – tuttavia Audrey Azoulay – direttore dell’Organizzazione culturale delle Nazioni Unite (UNESCO), è ancora troppo presto per dire se sono sopravvissuti completamente incolumi. 

Completato intorno all’anno 1255,  il rosone di Notre Dame  ha un diametro di circa  33 piedi e ha uno dei più alti rapporti di vetro e pietra di qualsiasi altro rosone. 

Altre vetrate a Notre Dame non andavano così bene:

Altri tesori della chiesa

Vari candelabri, mobili dorati e altri oggetti di valore furono portati al municipio di Parigi dopo l’incendio. Secondo il ministro della cultura francese Franck Riester, tutti gli oggetti salvati sarebbero stati trasferiti al Museo del Louvre per ragioni di sicurezza. 

Cosa è stato perso: guglia e varie reliquie

Come abbiamo visto dal video della Cattedrale in fiamme, la sua guglia iconica è crollata drammaticamente durante l’incendio che ha distrutto quasi i 2/3 del tetto. Si ritiene che gli artefatti sacri contenuti nella guglia siano stati distrutti. 

“Quello che non hanno salvato erano le reliquie che si trovavano nella guglia della cattedrale stessa”, ha detto Candida Moss, professore di teologia alla Britannia University of Birmingham. Moss ha dichiarato a  CBS This Morning  che “avevano una piccola parte delle reliquie di St. Denis e St. Genevieve nella guglia presumibilmente perse”.

VIDEO