Astaldi costruzioni, scomparso nel nulla con la cassa il presidente del Comitato obbligazionisti: spariti 300mila euro

Secondo la denuncia presentata ai Carabinieri dalla vicepresidente Stefania Pensabene e dal segretario Vincenzo Afeltra, il romano Nicholas Johnson è irreperibile da settimane. Scoperto anche un ammanco di centinaia di migliaia di euro. La conferma dalle lettere inviate agli associati

Nonostante l’offerta di Salini Impregilo, scesa in campo per cercare di salvare la società sull’orlo del crac, la vicenda della crisi del colosso delle costruzioni Astaldi ha riservato l’ennesimo colpo di scena che si abbatte come una stangata su migliaia di piccoli risparmiatori che negli anni scorsi hanno acquistato l’obbligazione Astaldi 7,125% scadenza 2020 e, ai corsi attuali, stanno perdendo l’80% circa del loro investimento. In una nota circolata ieri, la vicepresidente Stefania Pensabene e il segretario Vincenzo Afeltra del Comitato Bondholders Astaldi, che raggruppa centinaia di risparmiatori detentori dell’obbligazione, hanno comunicato agli iscritti la sparizione del presidente del Comitato, il romano Nicholas Johnson, che secondo la denuncia presentata il 29 aprile ai Carabinieri da Pensabene si sarebbe reso irreperibile. Dalle prime informazioni pare sia scomparso anche il fondo cassa del Comitato, per un valore di circa 300mila euro.

In una nota inviata agli iscritti del Comitato Bondholders Astaldi, la vicepresidente Pensabene scrive: “Ragazzi, io e Enzo sappiamo che questa è una bomba di notizia, un pugno nello stomaco che noi abbiamo preso in pieno già da giorni, dovendo oltretutto gestire da soli una situazione che mai avremmo immaginato di dover affrontare. Ma tutti abbiamo riposto fiducia nella persona sbagliata, sbagliata a un punto inimmaginabile per qualunque personanormale. Ora la cosa è in mano a inquirenti seri e competenti, che hanno preso a cuore il tutto e faranno di tutto per aiutarci a limitare i danni. Vi assicuro che abbiamo già fatto più di quanto fosse nel potere di normali persone non arruolate nelle forze dell’ordine. Ma ora nessuno di noi può fare di più: bisogna lasciare lavorare i professionisti e intanto pensare al futuro dell’associazione post Nicholas. Vogliamo che vada avanti, che continui a perseguire il suo obiettivo o vogliamo lasciare che questa storia ci blocchi? Di questo bisognerà discutere in Assemblea straordinaria al più presto. Tenendo presente anche che questo è proprio il momento in cui si stanno facendo i giochi su Astaldi. Ci confronteremo in assemblea”.

La notizia è confermata da una email inviata agli iscritti del Comitato sempre dalla stessa Pensabene: “Cari bondholders Astaldi, come molti di voi avranno notato da giovedì 11 aprile il nostro Presidente Nicholas Johnson non risulta più raggiungibile al suo solito numero di telefono, che risulta inesistente. Inoltre non ha fornito alcun nuovo recapito telefonico alternativo né risponde alle continue sollecitazioni sia email che telefoniche che noi – vicepresidenteStefania Pensabene e segretario EnzoAfeltra – gli abbiamo inviato ed è sparito da tutte le chat. Previa comunicazione ai nostri legali di Legance, abbiamo immediatamente avviato una serie di doverose verifiche e abbiamo purtroppo dovuto constatare che questo comportamento, contrariamente alle giustificazioni date da Nicholas nelle ultime email in cui asseriva di essere all’estero e di aver perso il cellulare, sono da riferire a gravi condotte ai danni della nostra associazione che abbiamo segnalato all’autorità competenti sporgendo formale querela. Stiamo mettendo in campo tutte le possibiliiniziative per affrontare questa incredibile situazione anche a tutela dell’operatività del Comitato e a garanzia dei suoi associati. Saranno ora le autorità competenti ad avviare le indagini e a cercare di recuperare quanto ci è stato sottratto dal conto corrente del Comitato. Nel frattempo intendiamo convocare a stretto giro un’assemblea dei soci per aggiornarvi in dettaglio sull’accaduto e su determinazioni da adottarsi nell’immediato”. Secondo alcune informazioni, il primo acconto dovuto dal Comitato Bondholders Astaldi allo studio legale Legance per le sue attività sarebbe stato regolarmente pagato e Legance sarebbe al corrente di tutto. Lo statuto approvato dall’assemblea del Comitato il 15 dicembre 2018 prevedeva per chi avesse voluto associarsi l’obbligo del versamento di due quote: la quota associativa di 30 euro e del contributo per il pagamento dello studio legale Legance di 525 euro a lotto, che copre tutti i costi fino alla omologa del concordato.