“Il modello e-room presentato in Europa”

Mauro Spignesi Caffe.ch 5.5.19

Sono cinque gli hotel in Ticino “governati” dal computer
Immagini articolo

È stato il primo ad aprire. Un albergo “digitale”, tutto automatizzato, dalla prenotazione alla consegna delle chiavi, a San Bernardino, cinquanta posti letto. L’e-Room i cui promotori, autentici pionieri, sono l’ex direttore di MediaMarkt Enzo Lucibello e Fabrizio Scolari, imprenditore turistico. Un investimento che si è dimostrato azzeccato. Anche grazie alla convenienza e all’assortimento delle camere: tutte con doccia e wc, tv Lcd e wifi; standard con due posti letto, mini suite con quattro posti letto e due suite con sei posti letto. 
“Abbiamo aperto a San Bernardino nel 2013. E da allora abbiamo affinato il nostro sistema hardware e software oltre che il nostro modello di business. Oggi lo stiamo presentando a livello europeo. Tanto che siamo stati alle fiere di Parigi e Norimberga dove abbiamo avvertito parecchio interesse”, spiega Enzo Lucibello. Il sistema e-Room prevede diversi livelli di automatizzazione. Gli hotel possono dunque acquistare il software e poi decidere come utilizzarlo. In Ticino per ora l’hanno fatto un hotel ad Arbedo, uno a Mezzovico, un terzo a Minusio e un quarto formato da alcune suite in via Nassa a Lugano. “C’è chi – spiega ancora Lucibello – decide di utilizzare solo la parte del programma che riguarda prenotazione e procedure amministrative e poi lascia ad una persona (che può essere anche il proprietario della struttura) il compito di accogliere i clienti. C’è invece chi affida al computer tutto, in questo senso il nostro programma e molto flessibile e aderente alle diverse esigenze, o meglio alle strategie imprenditoriali che si vogliono percorrere. Se si vuole andare sul low cost oppure a un sistema misto”. 
Anche la clientela è variegata, a San Bernardino, ad esempio, arrivano clienti stranieri e svizzeri di tutte le età e di tutte le professioni. Chiaramente i giovani che fanno tutto con il telefonino trovano il sistema interessante visto che sono abituati a usare applicazioni e a sfruttare internet. “Ma da noi arrivano anche manager e imprenditori – dice ancora Lucibello – che hanno necessità di non essere disturbati e possono bloccare la stanza con il cellulare direttamente dal taxi”. Se la clientela è trasversale, anche i prezzi vengono adeguati secondo le strutture e la proposta turistica. Certo, c’è una differenza fra un hotel di medio livello e le suite in centro a Lugano. “Ma anche questo aspetto – conclude Lucibello – lo decide direttamente l’imprenditore turistico che può calcolare i vantaggi del nostro sistema. A cominciare dai risparmi per le spese amministrative”. m.sp.