Gli affari immobiliari di Armando Siri con i soldi da San Marino

Report.it 6.5.19

L’acquisto della palazzina segnalato come sospetto riciclaggio

Stasera a Report alle 21.20 su Rai3 l’inchiesta di Claudia Di Pasquale con la collaborazione di Lorenzo Di Pietro, Cataldo Ciccolella e Norma Ferrara
 

Una palazzina con ben sette appartamenti a Bresso, nella città metropolitana di Milano, è stata acquistata lo scorso gennaio dal sottosegretario leghista Armando Siri. L’ha intestata alla figlia e l’ha pagata 585 mila euro. I soldi provengono da una banca di San Marino. A gestire questa operazione è l’agenzia immobiliare di Policarpo Perini che nel 2013 era candidato come sindaco di Bresso proprio con il partito fondato da Siri, Italia Nuova. Policarpo è anche padre di Marco Luca Perini, a capo della segreteria di Siri al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Il notaio che ha stipulato l’atto di compravendita dell’immobile l’ha segnalato alla Banca d’Italia come operazione sospetta. Report ha incontrato i protagonisti di questa storia per capire di più di questa “Bresso connection” che a pochi giorni dalla notizia dell’indagine per presunta corruzione vede di nuovo al centro Armando Siri, l’ideologo della Flat tax per la Lega di Matteo Salvini. 

L’inchiesta sarà trasmessa nella puntata di Report in onda lunedì sera alle 21.20 su Rai3, che tratterà anche della ferrovia tav Torino-Lione e della nuova economia dello spazio e tornerà sulla vicenda delle protesi al seno macrotesturizzate associate a casi di linfoma.