Acri, Profumo di presidenza

lo spiffero.com 10.5.19

Sembra spianata la strada del numero della Compagnia alla successione di Guzzetti. La designazione serve a mettere Appendino di fronte al fatto compiuto: avrà il coraggio di non rinnovarlo al vertice di corso Vittorio? E Quaglia, sornione, resta alla finestra

first_picture

Dopo gli endorsement, più o meno espliciti, arriva la designazione. L’assemblea delle fondazioni bancarie di Lombardia, Piemonte e Liguria sosterrà il nome di Francesco Profumo per la presidenza dell’Acri, l’associazione che riunisce le fondazioni italiane e che finora è stata guidata dal numero uno di Cariplo Giuseppe Guzzetti. L’incontro, presieduto da Matteo Melley, attuale vice presidente dell’Acri, si è svolto nel palazzo di via XX Settembre, la casa di Giovanni Quaglia appena confermato a capo della Fondazione Crt. I presidenti si sono espressi a favore dell’indicazione da tempo avanzata da Guzzetti, gran tessitore di trame che si ramificano a ogni livello della finanza nostrana, dalle fondazioni agli istituti bancari. Chiusa la partita del rinnovo di banca Intesa (di Compagnia di San Paolo e Cariplo sono grandi azionisti) è stato lui il primo a indicare l’ex rettore per la poltrona su cui siede ininterrottamente da 19 anni.  

Durante l’assemblea è stata definita la lista dei sette rappresentanti del Nord-Ovest nel Consiglio Acri per il triennio 2019-2021. I quattro componenti di diritto saranno Guzzetti, fino alla nomina del successore,  Profumo, Quaglia e il vicepresidente dell’Acri piemontese Giandomenico Genta; i 3 componenti designati saranno il Presidente della Cr Biella Franco Ferraris, il numero uno della Cr Asti Mario Sacco e il vertice della De Mari di Savona Federico Delfino. Il Consiglio Acri conta 27 componenti e sarà eletto il prossimo 21 maggio a Roma. Tra questi sarà scelto il nuovo presidente.

Sulla scelta di Profumo resta tuttavia un punto interrogativo grande quanto una casa: che succederà se, come molto probabile, Chiara Appendino il prossimo anno non dovesse confermarlo in quell’incarico? Potrebbe guidare l’Acri solo per un anno e poi decadere, non essendo più a capo di alcuna fondazione. E ancora, la sindaca avrà il coraggio di defenestrare il capo dell’associazione che riunisce le casseforti di tutta Italia, legata a doppio filo con la Cassa depositi e prestiti? Intanto c’è chi prospetta una modifica dello statuto di Acri con una norma che farebbe salire a quattro i vicepresidenti, prevedendo il subentro di uno di essi nel caso di dimissioni o decadenza anticipata del presidente, oltre ad assegnare maggior potere all’attuale direttore generale Giorgio Righetti. Operazione complessa che sembra escogitata su misura per ovviare all’eventuale sgambetto di Appendino a Profumo.

Intanto, sornione, il vecchio Quaglia resta alla finestra: “Ho sempre auspicato che il ruolo di presidente dell’Acri potesse essere ricoperto dal presidente di una Fondazione piemontese” dice, prenotandosi per un eventuale cambio di cavallo in corsa.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.