L’omeopatia potrebbe presto essere annullata

Solveig GODELUCK lesechos.fr 15.5.19

0601236966170_web_tete.jpg

L’omeopatia viene rimborsata al 30% e potrebbe essere domani più del 15% o più.

Shutterstock

I piccoli granuli di omeopatia potrebbero tornare più costosi nei prossimi mesi. In effetti, potrebbero essere derogati, secondo il parere finale che farà l’Alta Autorità della Salute (HAS) tra la fine di maggio e la metà di giugno. Il livello di copertura dell’assicurazione malattia obbligatoria (30%) potrebbe scendere al 15%, o addirittura a zero, nel qual caso anche la salute complementare smetterebbe di contribuire al rimborso.

Mercoledì, il comitato per la trasparenza di questa autorità amministrativa indipendente ha adottato un parere sulla questione. Confidenziale in questa fase, doveva essere inoltrato a Boiron e Lehning Laboratories giovedì per una procedura contraddittoria di 10 giorni, che può essere prorogata di 45 giorni se chiedono di essere ascoltati dalla suddetta commissione.

Quindi il parere finale sarà inviato al Ministro della Salute, Agnès Buzyn.  Avendo fatto appello all’Alta Autorità la scorsa estate , dopo una mobilitazione di professionisti del settore a favore della deroga, ha promesso che avrebbe seguito le raccomandazioni degli esperti della HAS.

Per molti osservatori, il caso sembra essere svolto in anticipo, perché non è noto dimostrare scientificamente l’efficacia di un ingrediente attivo quando è così diluito. “Quando sottoponiamo alla valutazione un farmaco che è stato lì per molto tempo, è a priori che abbiamo un dubbio”, afferma Alain-Michel Ceretti, presidente della federazione dei pazienti di Francia Assos Health.

Effetto placebo

Tuttavia, il risultato non è chiaro come sembra. “In questo caso, l’utilità del farmaco non si spiega solo con l’azione diretta di una molecola, ma attraverso il placebo”, afferma il leader dell’associazione, che spera che l’HAS tenga conto “del efficacia nella vita reale “ dell’omeopatia, non dell’efficienza in laboratorio. Il decreto pubblicato a marzo apre questa possibilità: “La valutazione dell’adeguatezza del trattamento prende in considerazione principalmente l’efficacia dei farmaci in questione, i loro effetti indesiderati, il loro posto nella strategia terapeutica, in particolare per quanto riguarda le altre terapie. disponibile

I granuli sono economici e riducono l’uso di una farmacopea dannosa, sostiene Alain-Michel Ceretti, in difesa dell’omeopatia. Tuttavia, France Assos Health non ne approfitta e attende l’opinione degli specialisti, che hanno potassio le pubblicazioni scientifiche mondiali sull’argomento. “I francesi noi. Ma dobbiamo fare la parte della voce, e l’abitudine di ripetere le cose ascoltate , sfumatura Alain-Michel Ceretti.

Un esborso totale di omeopatia non salverebbe molto la sicurezza sociale (cento milioni) ma “manderebbe un messaggio” , in un momento di antitumorale costoso: “ci concentriamo sul più utile e la più solidarietà “ , continua. Gli adepti saranno comunque in grado di acquistare i loro granuli a loro spese.

Tuttavia, nelle farmacie, si teme una deroga. “Non sapremo cosa dire alle persone che non possono dormire e che vogliono un trattamento che non esiste” , prevede Philippe Besset, presidente della Federazione dei farmacisti. Cita anche dermatosi e raffreddori, “ma non l’influenza” . Quando ti importa, devi sapere come gestire l’aderenza del paziente , insiste.