Conti pubblici: Ue prepara procedura, a Mef 48 ore per risposta (Rep)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Passate le elezioni l’Europa è pronta a mettere la camicia 

di forza all’Italia di Matteo Salvini con una pesante procedura sul debito 

che, scrive Repubblica, sarà lanciata il 5 giugno e costringerà Roma a 

risanare il bilancio per almeno cinque anni. 

Domani, prosegue il quotidiano, Bruxelles spedirà una lettera al Tesoro 

con richieste di informazioni sul debito. Una mossa formale, prevista 

dalle regole, che di per sè non implica una successiva procedura. Ma sono 

i dettagli a far capire la gravità della situazione: la Commissione, al 

posto delle canoniche due settimane, darà al Governo appena 48 ore per 

ripsondere indicando quei “fattori rilevanti” che secondo Tria dovrebbero 

portare al perdono europeo. 

Dopo mesi di riflessioni Bruxelles è dunque orientata alle vie di fatto, 

ovviamente salvo sorprese, visto che da un paio di settimane Tria negozia 

con Moscovici per evitare il peggio e all’ultimo potrebbe dare quelle 

garanzie (manovra bis immediata) che finora non ha potuto fornire. 

Altrimenti il 5 giugno Bruxelles pubblicherà le raccomandazioni per 

l’Italia (e per gli altri Paesi della zona euro) nelle quali segnalerà il 

buco di bilancio 2018-2019 e chiederà una correzione dello 0,6% nel 2020. 

Quindi stilerà il rapporto sul debito italiano concludendo che c’è stata 

una violazione della regola del debito nel 2018. A quel punto partirà 

l’iter per rendere effettiva la procedura sul debito, mai attivata prima 

nella storia dell’euro, che dovrà scattare al più tardi il primo agosto. 

rov

 

(END) Dow Jones Newswires

May 28, 2019 03:07 ET (07:07 GMT)