Dove metà dei clienti delle banche svizzere fuggirà

finews.ch 28.5.19

(Immagine: Unsplash)

(Immagine: Unsplash)

Nei prossimi tre anni più della metà dei facoltosi svizzeri vuole voltare le spalle alla loro banca, dice un nuovo studio. Sorprendentemente, le neo-banche e le fintech non sono i grandi profittatori dell’esodo atteso.

Tradizionalmente, i clienti delle banche svizzere sono considerati relativamente leali; Questo è uno dei motivi per cui le neo-banche e le fintech in questo paese non stanno guadagnando terreno allo stesso ritmo che nel vicino estero. Ora, tuttavia, le istituzioni locali devono essere preparate per un esodo benestante, come dimostra uno studio della società di consulenza EY.

Un totale del 51 percento dei facoltosi clienti svizzeri sta pianificando un cambiamento nei prossimi tre anni, scrivono gli autori dello studio, Urs Palmieri e Bruno Patusi . Come già riportato da finews.ch , il motivo più comune per un cambiamento è un’eredità che può modificare in modo significativo la situazione patrimoniale.

Esodo svizzero

Le banche svizzere, che servono clienti locali, stanno affrontando una tempesta reale rispetto ai concorrenti stranieri. Mentre altrove la quota di clienti in cerca di una nuova banca dovrebbe rimanere stabile, questa sta crescendo significativamente in questo paese ( vedi grafico ).

Chi cambia 500?

Dopo tutto, l’industria può essere confortata dal fatto che gli svizzeri hanno anche una marcata consapevolezza del marchio in materia finanziaria.

“I clienti in Svizzera laici nella scelta di un fornitore più valore al brand e il merito di credito e sul track record nella gestione del risparmio”, si legge nel comunicato stampa circa lo studio. “Inoltre, il 51 percento dei clienti svizzeri stimano la portata globale e la diversità che un gestore patrimoniale può offrire loro”.

Boom con gli indipendenti

Di conseguenza, tra i profittatori del grande esodo, non sono le neo-banche come la N26 a essere al vertice, ma i gestori patrimoniali indipendenti, seguiti dalle grandi banche. Pertanto, lo studio EY profetizza un vero e proprio boom all’indipendente ripetutamente dichiarato.

Dove vanno i clienti 500

Ma questi profittatori non dovrebbero riposare sugli allori. Come hanno scoperto anche gli esperti della società di consulenza, molti clienti svizzeri non comprendono come sono composte le loro commissioni di gestione.

Due terzi dei clienti facoltosi sono insoddisfatti delle tariffe e li percepiscono come “ingiusti”. Se i gestori patrimoniali non riescono a spiegarsi meglio, i potenziali nuovi clienti potrebbero presto sparire.