Perché la quota di Commerzbank scende per otto giorni consecutivi?

Christian Kirchner finanz-szene.de 29.5.19

Skyline of Frankfurt at night, star effect, Commerzbank, Hessische Landesbank, Deutsche Bank, European Central Bank, Sparkasse, DZ Bank, Frankfurt am Main, Hesse, Germany, Europe, PublicGround

Se sembrava un paio di giorni (anche in borsa) come se Commerzbank fosse il vincitore segreto dei colloqui di fusione con Deutsche Bank – allora è il momento di correggere questa immagine.
In cifre: meno 1,4%, meno 4,2%, meno 0,1%, meno 3,1%, meno 4,5%, meno 1,2%, meno 0,5%, meno 2,1% – Ecco come guardano i cambiamenti giornalieri nella quota di Commerzbank negli ultimi otto giorni di negoziazione. 
Anche se qui lo sconto dividendo di 0,20 euro svolge un ruolo: l’andamento dei prezzi in modo non va bene per la posizione percepita dopo l’amministratore delegato Martin Zielke alla scorsa settimana AGM era stato ratificato dalla DDR Volkskammer moderata 99,5%.
Cosa sta succedendo?
Diamo prima un’occhiata allo 
sviluppo dei prezzi dall’inizio dell’anno …

… poi diventa chiaro che anche dopo la cancellazione della fusione con Blaubank il 25 aprile, l’aria non è ancora del tutto priva di emissioni: la quota Coba ha ottenuto risultati migliori dell’indice settoriale e di gran lunga migliore della Deutsche Bank.
Ma: l’aria fuoriesce notevolmente veloce. 
Perché la quota di Commerzbank ha “recuperato” dopo la loro serie rossa sulla Deutsche Bank (che scorre da un minimo di 45 anni al successivo) – in termini di perdite. 
Questo è dimostrato dal grafico che mostra come si 
sono sviluppati i prezzi da quando i colloqui di fusione con Deutsche Bank si sono conclusi il 25 aprile. 



Come si spiega questo?
C’è un denominatore comune per la sottoperformance del totale delle azioni della banca nelle ultime settimane: il fatto che tutte le speranze di una svolta imminente dei tassi di interesse diminuiscono e quasi tutte le banche sullo sfondo di un rallentamento dell’economia – tra cui l’aumento dei difetti di prestito e mantenere i propri clienti – su devono smettere di cadere profitti.
Per le due principali banche tedesche questo potrebbe portare rapidamente a numeri rossi con una redditività piuttosto scarsa. 
Tuttavia, ci sono ancora problemi specifici per le istituzioni aggiunti:
La situazione non è drammatica 
in 
Commerzbank . 
Tuttavia, la recente erosione dei prezzi suggerisce che gli azionisti 
stanno minacciando di perdere la 
fiducia in una possibile acquisizione da parte di un’altra importante banca europea ( 
qui analisi di scenario ).
Questo ha due ragioni: in primo luogo, Commerzbank era principalmente a causa della loro “buona volontà negativa” come interessante: chi prende una banca al di sotto del valore del proprio capitale (e nella Yellow Bank, il valore del mercato azionario appena superiore al valore del capitale), con il consenso il supervisore colpisce la differenza tra profitto e capitale del bilancio. 
Qui, tuttavia, il supervisore ha suggerito che sarebbe stato critico vedere questo usato da un potenziale acquirente per finanziare future distribuzioni.
E poi c’è un secondo problema: quando si parla di fusioni transfrontaliere, i manager delle banche come i supervisori e i politici ora assumono un atteggiamento curvilineo – il più recente capo Bauf Hufeld, 
che ha messo in guardia contro una manovra del genere. 
Quando 
Deutsche Bank è permesso di essere più preoccupato. 
Ad esempio, il CEO Christian Sewing ha annunciato “tagli duri” all’AGM e il presidente del Consiglio di vigilanza Paul Achleitner è sopravvissuto alla giornata con un occhio blu scuro (sollevato del 71% dei voti). 
Obiettivi più concreti di quelli che aveva già menzionato in termini di costo e reddito, ma Sewing colpevole.
E il tempo stringe: Più basso è il prezzo delle azioni scende, tanto più difficile diventa per raccogliere capitali freschi di nuovo a causa di imminente di diluizione – ad esempio per ristrutturare il coraggio di investment banking. 
Che la banca è sicuro, non è necessario un aumento di capitale ( 
anche se Bloomberg fa proprio questo come opzione ) può essere considerato un tasso pari a zero – in una situazione notizie già tesa, la banca sarebbe sciocco a qualcosa come un rifiuto di comunicare.
Anche l’altro flusso di messaggi, che 
deve essere declassato da Scope , non è utile. 
L’agenzia di rating riassume il problema principale: la banca ha un piccolo buffer per assorbire i suoi redditi volatili nell’investment banking in caso di un anno negativo in questo settore, come indicato dall’avvio piuttosto debole dell’anno.
Ma se organica, dato il tasso di interesse e la situazione economica con poche speranze di miglioramento della situazione delle due banche redditizie debole è – e le soluzioni inorganiche a livello nazionale (Fusion tedesco / Commerzbank) è già stata scartata e internazionale (qualunque cosa) avrebbe dovuto prendere ostacoli alti: cosa c’è ancora spazio?
Se credi al mercato azionario: non molto. 
Di gran lunga le più grandi banche private tedesche con un totale attivo di € 1.800 miliardi e 141.000 dipendenti sono ora (!) Meno apprezzate di Fresenius Medical Care o Deutsche Börse.
E, se il prezzo scende, forse meno del servizio di pagamento Wirecard.