Salini Impregilo: a.d., cambiamo nome per creare polo nazionale (Corriere)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

“Salini Impregilo cambierà nome. Stiamo lavorando con i creativi per rappresentare l’idea di un gruppo internazionale con ambizioni globali frutto di un’orchestra di competenze. Per costruirlo, con il supporto delle banche e di investitori istituzionali, la famiglia Salini è pronta a diluirsi sotto la quota di maggioranza, pur restando azionista di controllo”. 

Lo afferma in un’intervista al Corriere della Sera Pietro Salini, amministratore delegato di Salini Impregilo. Parlando del polo nazionale delle costruzioni in via di definizione, l’a.d. Sottolinea che “i tratta di un progetto industriale che mira a garantire un futuro ad oltre 30.000 persone che ora rischiano di perdere il lavoro. II comparto delle costruzioni è in grossa difficoltà, vogliamo farlo ripartire creando occupazione e sviluppo. Non possiamo essere gli unici soggetti a poterlo fare, abbiamo bisogno del supporto di tutti soggetti finanziari e istituzionali”. Sulla possibilita’ che questo progetto comprenda anche altre aziende come Trevi, Condotte, Cmc, Salini spiega: “non mi faccia ancora dire nomi. Devono ancora deliberare tutti gli organi competenti, ma i negoziati sono a buon punto e stiamo lavorando sui dettagli. Ci tengo a dire che questa non è un’operazione di salvataggio di imprese decotte ma un’operazione d’intervento tra imprese e istituzioni finanziarie a supporto di un progetto per il sistema Paese”. 

Salini aggiunge che “mi piacerebbe essere il traghettatore di questo progetto, ho 60 anni e le forze per farlo, ma non è una questione di poltrone. La società diventerà a tutti gli effetti una public company con le migliori pratiche di corporate governance. la questione che conta, al netto dei pesi in consiglio, è quella di voler riattivare 400-500.000 posti di lavoro, che non si creano per decreto”. 

liv 

 

(END) Dow Jones Newswires

May 31, 2019 02:34 ET (06:34 GMT)