Veneto Banka, in Albania l’inchiesta si infiamma su quote di Intesa in offshore russa del petrolio con incroci governativi e “familiari”

Di Giovanni Coviello -2 Giugno 2019 vicenzapiu.com

Dopo il caso Venetop Banka espode il caso petrolio offshore di Intesa.jpg

Dopo il caso Venetop Banka espode il caso petrolio offshore di Intesa.jpg

«AKBN. Bylyku ​​ha firmato la concessione petrolifera della mafia a Vlorë il 52% degli azionisti governativi russi, il 23% di “Intesa San Paolo”, dove ha una moglie»: così titola oggi Pamfleti.net, uno dei più diffusi media online albanesi che ha “raccolto” e sta sviluppando in loco la nostra inchiesta (qui tutte le puntate) sugli incroci Veneto Banka Sh. A. – Veneto Banca in Lca – Sga spa del MEF – la società russo americana con sede alle Cayman Tranzit Sh P.K. e Intesa Sanpaolo,  che ha anche una controllata albanese.

Questa, Intesa Sanpaolo Banka, starebbe inserendo nel vortice dei cui alla nostra inchiesta che ha sensibilizzato anche il presidente della repubblica albanese, Ilir Meta, i crediti prima acquisiti in bonis dall’albanese Veneto Banka tramite il “giro italiano”.

I crediti, infatti, vanno in Lca, anche se sarebbe illegale per la legge locale che le garanzie per i debiti vengano ceduti senza assenso dei debitori; dalla Lca i crediti in sofferenza presunta (si lamenta nelle indagini ora in atto presso la procura di Tirana che anche debiti con una sola rata non onorata vengano passati subito a sofferenza) arrivano alla Sga del governo italiano che poi li passa a società di debt collectioni, come, per l’appunto, la Tranzit prima che facessimo scoppiare il caso.

E ora, come consentito dal dl 99 del 26 giugno 2017 e dal conseguente acquisto a 1 euro delle parti buone delle due banche venete incluse gran parte delle loro controllate, Intesa Sanpaolo Banka starebbe “restituendo” alla Lca una parte cospicua dei crediti in bonus divenuti, a suo insindacabile giudizio così come in Italia, NPL che, poi, via Sga tornano ad essere gestiti in Albania. Da chi ora non si sa in attesa che il mef risponda all’interrogazione  del deputato vicentino di Forza Italia Pierantonio Zanettin.

L’articolo di Pampleti.net di cui sopra ci è stato segnalato da un lettore albanese con questo commento che è il nostro contributo ai colleghi di Pamfleti e di qualcuno dei media italiani se non troppo presi dai twitt gialloverdi che li distraggono anche dal lavoro di approfondimento su un caso che non è chiaramente solo albanese.

Ebbene il lettore ci scrive «Il media online “PAMFLETI”, uno tra i più letti dagli albanesi per le inchieste, sta svolgendo un indagine sul ruolo di Intesa Sanpaolo e ABI Bank (nella cui catena di controllo c’è la TRANZIT Sh P.K.). Tutte le due società bancarie sono insieme con una società russa off-shore del petrolio mentre il direttore dell’ente statale petrolio e gas, il sig. Adrian Bylyku, è il marito del direttore del dipartimento legale della Intesa Sanpaolo Banka, Linda Plaku. La stessa signora è amica intima della moglie del Primo ministro albanese Edi Rama, Linda Rama, membro del CDA di Abi Bank (Tranzit Sh. p.k.). Quindi troviamo dappertutto insieme i protagonisti del caso sollevato da VicenzaPiù.com: per gli NPL di Veneto Banka sh.a. sono insieme con i russi di Tranzit shpk, ma anche sul petrolio, in Albania, sono sempre insieme con i russi. Come mai una banca italiana controlla il 23% di una off-shore del petrolio russa? …».

In attese di risposte, che potrebbero essere, nella loro trasparenza e visti gli interessi già noti dl petrolio, le più tranquillizzanti, ma che Intesa Sanpaolo mai ad oggi ha dato, e prima di riprendere noi stessi con altre “narrazioni” sul caso Veneto Banka, pubblichiamo, quindi, la traduzione tramite Google (con qualche difficoltà di interpretazione, di cui ci scuserete perché i nostri mezzi sono questi…,  che, almeno, di certo non sono di parte) di

Articolo su Pamfleti.net

Bylyku i AKBN, ka firmosur koncesionin mafioz të naftës në Vlorë, 52% aksionere qeveria ruse, 23% “Intesa San Paolo” ku ka gruan drejtoreshë

AKBN. Bylyku ​​ha firmato la concessione petrolifera della mafia a Vlora  il 52% degli azionisti governativi russi, il 23% di “Intesa San Paolo”, dove ha una moglie

AKBN. Bylyku ​​ha firmato la concessione petrolifera della mafia a Vlorë il 52% degli azionisti governativi russi, il 23% di “Intesa San Paolo”, dove ha una moglie

AKBN Bylyku ​​ha firmato la concessione petrolifera della mafia a Vlora, il 52% degli azionisti governativi russi, il 23% di Intesa San Paolo, dove ha una moglie
AKBN Bylyku ​​ha firmato la concessione petrolifera della mafia a Vlora, il 52% degli azionisti governativi russi, il 23% di Intesa San Paolo, dove ha una moglie

Solo cinque giorni dopo essere stato nominato direttore dell’AKBN (Agenzia nazionale per le risorse naturali, ndr), il geologo Adrian Bylyku ​​è andato in Grecia per ordine di Edi Rama, dove ha firmato la falsificazione anti-nazionale, sulla mappa degli idrocarburi navali albanesi “Joni”, dichiarando che l’Albania possiede, solo il deposito nafta e gas n. 5, mentre le zone 1 e 2, con il 400% di riserve maggiori e 130 anni di utilizzo delle zone n. 1 e Nr. 2 insieme, pronunciato con voce, figura, firma e timbro, come fortuna della Grecia, anche se lo sono, all’interno del mare albanese meridionale e il mare non è limitato (split) ancora

Un mese dopo l’incarico alla guida di AKBN, il Bylyku ​​della mafia degli idrocarburi, nominato al top delle risorse naturali al pianterreno come agente immobiliare, approvò il piano industriale e firmò la concessione del gasolio per la zona di Visoka, una compagnia petrolifera russa di idrocarburi, denominata “Trans Oil Group” (leggi di sotto*), con una quota del 23% in “Banca Intesa San Paolo”, dove il direttore del dipartimento legale è sua moglie Ledia Plaku (Goxhabashi-Bylyku), ma anche con l’11% delle azioni di “Abi BANK”, dove l’azionista 33% è Linda Rama, la moglie attuale di Edi Rama.

Tutto è iniziato con un ordine di Damian Gjiknuri, datato 26 dicembre 2018, all’ufficio AKBN, mentre questo, indirizzato al capo di “Albpetrol”, Kastriot Bejtja, per avviare le nuove procedure di concessione nell’area di Visoka, con una scadenza accelerata , entro il 31 marzo 2018.

Anche secondo le registrazioni di due membri della commissione di concessione di “Albpetrol”, risulta che Adrian Bylyku ​​dell’AKBN, parlando a nome di Gjiknuri e Rama, ha designato la compagnia preferenziale russo-serba “Trans Oil Group”, figlia di Gazprom Neft “con il 50,23% delle azioni di proprietà del governo russo.

Dopo aver valutato il business plan, dal direttore di Bylyku ​​per conto di AKBN, questa azienda è stata dichiarata vincitrice tra le nove aziende internazionali, che Bylyku ​​ha valutato prevedibilmente inferiori, favorendo il Trans Oil Group, sebbene per 10 anni, ha 110 milioni di euro trasportati da AKBN e dallo stato albanese, ma già presentato come presumibilmente una nuova società con operazioni finanziarie di capitale, realizzata in “Banca Intesa San Paolo” e “Abi BANK”.

Al fine di controllare e proteggere la loro quota di profitto, data a Trans Oil Group per i giacimenti petroliferi Cakran-Mollaj, Gorisht-Kocul-Amonica, Rama, Gjiknuri e Bylyku, insieme ai capi serbo-russi , la concessione è stata mascherata dopo il logo “Visoka Oil” e in cima a esso è stato nominato Edmond Bejtaj direttore tecnico delle operazioni degli idrocarburi in questa concessione, fratello del direttore di “Albpterol”, Kastriot Bejtja, nominato dalla raccomandazione Adrian Bylykut, come partner in 11 pozzi petroliferi, 110 ettari di grano, 13 HPP ecc.

Dopo lo scandalo, Rama-Gjiknuri-Bylyku, in cooperazione con il direttore generale di “Trans Oil Group” il 3 marzo 2018, ha emesso l’ordine di licenziare il direttore tecnico di Visoka Oil, Edmond Bejtaj, dove si trova la commedia nel fatto che “Trans Oil Group” ha riferito sul licenziamento del fratello, il regista di Bejtja “Albpetrol”, ma il preside Adrian Bylyku ​​e l’ordinante Damian Gjiknuri.

ATTENZIONE  Infortuni continuano con il permesso sotterraneo, fornito da Adrian Bylyku, per la costruzione della rete sotterranea di Lorenco & Co., di fibre ottiche nell’area di Gramsh, dove allo stesso tempo Bylyku ​​era il direttore degli idrocarburi ad AKBN e l’esperto privato in questo progetto, che ha danneggiato circa 13 milioni di euro di proprietà in aree protette.

Pubblicheremo i documenti forniti dall’ufficio del protocollo per 213 ordini di appuntamenti fittizi agli esperti dei dipendenti delle banche, gli amici di sua moglie che vivono all’estero; per le decisioni finanziarie e le offerte fittizie fino ai controlli fittizi dei dipendenti, a favore dell’ospedale americano con 500 milioni di sterline all’anno; firmando licenze minerarie e modificando le condizioni legali per le cave di Bashkim Ulajt e Edmond Begos, con il beneficio di qualsiasi tipo;permessi per le aree minerarie dell’HPP per le persone ricercate a livello internazionale e per il governo e l’ex governo; licenze di importazione-esportazione di petrolio e gas non-excise sono commercializzate dai banchieri e da diverse aziende clienti, dove Bylyku ​​è un esperto privato con stipendi mensili di 1-2 migliaia di euro, ma anche per la concessione di rame della mafia e molti altri fatti.

Olio albanese in mani russeda Exit.al07-06-2018 alle 13:39La società Transoil Group AG, i cui azionisti comprendono la società russa Gazprom Neft e la società serba NIS, ha vinto il bando per il Ministero delle Infrastrutture e l’Energia per l’utilizzo dei giacimenti di petrolio trovati nel sud del paese. Secondo la documentazione pubblicata da BIRN , il Ministero delle Infrastrutture e dell’Energia, annunciando Transoil al vincitore dell’asta, ha infranto il principio di uguaglianza dell’offerta, essendo a conoscenza di un flagrante conflitto di interessi che coinvolge Albpetrol e Transoil.Secondo la documentazione acquisita da BIRN, Transoil Group AG è responsabile di diverse infrazioni e, secondo una valutazione equa, non avrebbe dovuto essere il vincitore di questa gara d’appalto.La compagnia non ha pagato la tassa di $ 6500 per deposito di petrolio, una condizione stabilita da Albpetrol, entro la scadenza. Ha completato i pagamenti 4 giorni dopo l’apertura dell’offerta. Pertanto, fino al 4 aprile 2018, il conto bancario di Albpetrol era vuoto. Il Ministero nega questo fatto, comunicando a BIRN che i pagamenti sono stati effettuati il ​​30 marzo 2018.

La compagnia sembra essere in debito con il petrolio e l’olio di Albpetrol

Transoil Group Sh.a. ha debiti in sospeso verso Albpetrol dalle sue precedenti operazioni nel campo di Visoka e ha avuto precedenti scontri con l’Agenzia nazionale delle risorse naturali, AKBN, per continue violazioni del contratto.

Secondo il Ministero delle Infrastrutture e dell’Energia, l’azienda deve Albpetrol “” 6.699.92 tonnellate di petrolio […] mentre le tasse da pagare per i vari servizi ammontano a 64.105.586 lekë. “Tuttavia, il Ministero ha spiegato questi debiti sottolineando che questo era un accordo commerciale tra Albpetrol e Transoil Group.

Conflitto di interessi di Transoil-Albpetrol

Secondo BIRN, Albpetrol non ha reso pubblico quanto sopra perché durante la gara d’appalto, il fratello del CEO di Albpetrol, Kastriot Bejtaj ha lavorato come responsabile delle operazioni tecniche per Transoil Group Sh.a nel campo di Visoka, fino al 1 aprile 2018. Ministro Gjiknuri era a conoscenza di questo conflitto di interessi.

Ciononostante, queste infrazioni non hanno impedito alla casa madre, Transoil Group AG, di annunciare sul suo sito ufficiale che aveva fatto un’offerta con Albpetrol per altri tre giacimenti petroliferi da aprile 2017, dimostrando la certezza che avrebbe raggiunto un accordo con l’albanese compagnia petrolifera statale entro la fine del 2017.

Transoil Group sh.a.

Il Gruppo Transoil è registrato in Svizzera e i suoi proprietari sono ancora sconosciuti. La sua filiale albanese è gestita da Shefqet Dizdari e ha legami commerciali con Gazprom Neft, di proprietà della russa Gazprom. Il 50,23% delle azioni di Gazprom è attualmente controllato dal governo russo.

Transoil Group AG è stata fondata nel 2011 nel cantone svizzero di Zugo e opera in Russia, Bielorussia e Albania. È il proprietario completo di Transoil Group Sh.a., una società albanese che utilizza il giacimento petrolifero di Visoka dal 2011, tramite un accordo petrolifero con Albpetrol.

Il ministero non ha detto a BIRN chi erano gli azionisti della compagnia svizzera, ma ha sottolineato che non erano Gazprom Neft o NIS.

“Secondo le informazioni che abbiamo, nessuna delle compagnie che lei menziona ha alcun diritto nell’accordo sul petrolio firmato dal Gruppo Transoil con il governo albanese”, ha dichiarato il Ministero. “Nel frattempo, è fuori dalla giurisdizione del Ministero delle Infrastrutture e dell’Energia essere a conoscenza delle possibili transazioni commerciali di una compagnia con altri oggetti al di fuori del contratto petrolifero”.

Il sospetto tenero

Nel febbraio 2018, Albpetrol ha aperto il processo di gara d’appalto per l’utilizzo di tre giacimenti petroliferi, Cakran-Mollaj, Gorisht-Cokul e Amonica. All’asta hanno partecipato 9 offerenti, tra cui Bankers Petroleum, Transoil Group AG, Shandong Kerui Petroleum Equipment, Letho, Verssa Versatile, Pennine, Alcan, Fluid Oil e Zennith Energy.

Pennine e Zennith Energy sono state squalificate perché non hanno pagato la somma di $ 6500 per deposito di petrolio, richiesta da Albpetrol.

Il 9 maggio, tramite l’ordine n. 495, il ministro Damian Gjiknuri ha annunciato che Transoil Group AG ha vinto la gara d’appalto e costituito un gruppo di negoziatori per firmare l’accordo petrolifero con la compagnia.

Legami con la Russia e la Serbia

Il giacimento petrolifero Amonica era stato precedentemente sfruttato da Phoenix Petroleum Gas, mentre i giacimenti Cakran-Mollaj e Gorisht-Cokul erano utilizzati da GBC Oil Company, un successore di Transatlantic Albania Ltd. I contratti di entrambe le società sono stati annullati prematuramente a causa di commissioni insolute non pagate e violazioni del contratto.

Quando questi giacimenti di petrolio erano vuoti, nel mese di aprile 2017, Transoil Group AG ha presentato una richiesta per il loro utilizzo presso il Ministero delle Infrastrutture e dell’Energia. Allo stesso tempo, una richiesta simile è presentata da una società oscura di nome Jurimex.

Simile a Transoil Group, gli azionisti Jurimex includono un mercante di petrolio austriaco chiamato Robert Nowikovsky, Gazprom Neft e NIS serbo. Gazprom è la terza più grande compagnia di gas della Russia. Nafta Industrija Srbje, NIS, è una compagnia petrolifera e del gas serba, il 51% delle cui azioni sono state acquistate nel 2012 da Gazprom Neft, in un accordo da 400 milioni di euro tra Serbia e Russia.

Dizdari, CEO di Transoil Group, ha presentato una denuncia riguardante Jurimex con Gazprom in Russia. In esso afferma che Nowikovsky e Gazprom Neft Igor Tarasov avevano stipulato un accordo legale e in buona fede con Transoil Group, mentre allo stesso tempo venivano coinvolti in uno schema di backdoor illecito, che mira a intrufolare Gazprom Neft nel mercato albanese.

Nondimeno, anche se il Ministero ha accettato l’offerta Jurimex di utilizzare i giacimenti petroliferi, l’accordo sul petrolio non è mai venuto a passare a seguito di accuse mediatiche secondo cui la compagnia aveva legami con la Russia.