L’inondazione di esche monetarie: perché le azioni, le obbligazioni e il prezzo dell’oro aumentano simultaneamente

Andrea Cünnen Handelsblatt.com 21.6.19

Gli investitori contano sulle banche centrali per inondare di nuovo i mercati con i soldi. Gli investitori interpretano i segnali dei guardiani della valuta in modo diverso.

Francoforte A volte si potrebbe pensare che gli investitori stiano vivendo in bolle di filtro sui vari mercati finanziari. A prima vista, è difficile spiegare altrimenti che i prezzi sui mercati obbligazionari e sul mercato dell’oro sono attualmente in aumento così come i prezzi delle azioni. Ciò sembra una contraddizione, perché le obbligazioni e l’oro sono considerati investimenti in periodi di crisi, quote come investimenti per investitori che sono in cerca di tempi buoni per l’economia e quindi anche per le aziende.

Ma gli investitori non vivono in una bolla di filtro. Al contrario, hanno tutti messaggi simili.

Ciò include l’escalation di controversie commerciali tra Stati Uniti e Cina. Quasi nessuno si aspetta una svolta al vertice del G20 alla fine della prossima settimana. Ciò include crescenti tensioni in Medio Oriente tra gli Stati Uniti e la sua alleata Arabia Saudita con l’Iran, dove gli Stati Uniti si sono recentemente avvicinati a un attacco militare. E questi includono gli indicatori anticipatori economici che peggiorano spesso, come gli indici del clima economico più bassi.

Tutto ciò offre poche ragioni per sperare in un migliore sviluppo economico – e quindi sono in realtà gli investitori che cercano sicurezza nelle obbligazioni e nell’oro giusto. Ma ci sono altre notizie che spingono gli investitori nelle loro rispettive classi di attività: le principali banche centrali hanno promesso ai mercati una nuova ondata di denaro.

“La politica delle banche centrali è attualmente il fattore decisivo per tutti i mercati”, afferma Carsten Klude, capo economista e responsabile del risparmio gestito presso la banca privata MM Warburg. Per Robert Halver, responsabile dell’analisi del mercato dei capitali presso Baader Bank, l’annunciato “liquidity bullet” guida i prezzi su mercati diversi, coprendo quindi le prospettive fondamentalmente peggiori per i mercati azionari. E questo dovrebbe rimanere così per un po ‘, secondo Halver.

I banchieri centrali sono diventati chiari

In effetti, i banchieri centrali erano di recente sorprendentemente concreti. Mario Draghi , capo della Banca centrale europea (BCE), ha detto che taglierà i tassi di interesse o riprenderà gli acquisti obbligazionari martedì se le prospettive economiche e di inflazione dell’eurozona non miglioreranno.

Il giorno dopo, il governatore della Federal Reserve statunitense, Jerome Powell, ha dichiarato che la Fed è pronta a intervenire in quanto i rischi al ribasso per l’economia statunitense e l’inflazione negli Stati Uniti aumentano . Giovedi ‘venuto come fosse l’eco di capo della banca centrale, Haruhiko Kuroda del Giappone, l’affermazione che la Banca del Giappone è pronto, se necessario, per ridurre ulteriormente i tassi di interesse e di ampliare gli acquisti di obbligazioni.

Ciò ha avuto un effetto immediato: I prezzi dei titoli di Stato sono aumentati così nettamente la scorsa settimana che, in cambio, il rendimento dei titoli di Stato a dieci anni a un record a partire da meno 0,33 per cento crollati in Germania. Per la prima volta da novembre 2016, il rendimento del titolo decennale USA è sceso al di sotto del 2%.

Il prezzo dell’oro è salito al massimo di cinque anni di $ 1410 l’oncia troy (31,1 grammi). Il record è stato raggiunto anche dall’indice leader degli Stati Uniti S & P 500 con 2958 punti. In Germania, il DAX ha negoziato fino a 12.425 punti , il livello più alto da settembre dello scorso anno .

Sebbene la ripresa simultanea abbia perso un po ‘di slancio venerdì , gli investitori nei mercati obbligazionari e nel mercato dell’oro sembrano interpretare gli annunci delle banche centrali in modo diverso rispetto agli investitori nei mercati azionari. Gli investitori attenti alla sicurezza temono la recessione economica.

La ripresa economica avrà successo?

Gli investitori azionari suppongono che le banche centrali, in particolare la Fed e la BCE , saranno in grado di rilanciare l’economia. “Se questo riesce, le azioni e le obbligazioni potrebbero aumentare per un po ‘”, dice Klude.

Ma non è tutto. Le obbligazioni beneficiano direttamente dei tassi di interesse più bassi, in quanto i tassi di interesse in calo abbassano anche i tassi del mercato dei capitali, in altre parole i rendimenti dei titoli. Allo stesso modo, le obbligazioni sarebbero probabilmente utili se la BCE riprendesse il suo programma di acquisto di titoli, aumentando la domanda.

I bassi rendimenti obbligazionari a loro volta spingono gli investitori verso i mercati azionari. “Il classico alternativa al parco in tempi incerti denaro in titoli di stato sicuri, non funziona più a rendimenti sotto lo zero nel mercato obbligazionario”, dice Halver della Baader Bank. Quindi, è in parte la crisi degli investimenti che porta gli investitori in azioni. Halver ha un’idea precisa di esso: “Se il rendimento obbligazionario decennale sarebbe quattro per cento, sarebbe il Dax massimo a 8.000 punti.”

Inoltre, il nuovo mercato rialzista del prezzo dell’oro è legato ai bassi rendimenti obbligazionari. Sebbene l’oro sia considerato un investimento sicuro, ma non porta alcun interesse. Nel frattempo, tuttavia, gli investitori stanno perdendo sempre più denaro con le obbligazioni se detengono i titoli fino alla scadenza.

Le obbligazioni in tutto il mondo sono ora nel volume di $ 12.5 trilioni in negativo. Di conseguenza, lo svantaggio del tasso d’interesse dell’oro sulle obbligazioni diminuisce. Il vero, vale a dire dopo la deduzione del tasso di inflazione, vale anche per i titoli di stato USA. Questa è una delle ragioni per cui l’oro sta guadagnando il favore degli investitori come un classico investimento in crisi.

Halver Gli investimenti in oro nell’attuale contesto sono sempre migliori di quelli tradizionali come Bunds o Pfandbriefe. Una miscela di oro al dieci per cento in attività liquide, lo stratega del mercato dei capitali “per non sbagliare”. Gli investitori nell’area dell’euro, tuttavia, devono ricordare che l’oro è scambiato in dollari. “Se la Fed abbassa i tassi di interesse, che potrebbero indebolire il dollaro e almeno mangiare in alcuni dei possibili guadagni d’oro per gli investitori basati in euro,” Klude avverte di MM Warburg.

Secondo Halver, gli investitori dovrebbero “attenersi al mercato azionario”. Persino Klude attualmente non vede alcun motivo per gli investitori di dire addio alle azioni – anche se la maggior parte dell’attuale boom del mercato azionario era inizialmente buona. A breve termine, ritiene che l’indice S & P 500 e i mercati europei continueranno a crescere del 5-6%. Alla fine dell’anno, tuttavia, è improbabile che le borse siano più alte di adesso. Anche molti altri strateghi la pensano così. Le banche centrali supportano i mercati, ma è discutibile se ciò funzioni a lungo termine.