François Rüf: “Gran parte del settore bancario scomparirà”

finews.ch 25.6.19

François Rüf, responsabile per l'intelligenza artificiale di Vontobel

Le banche cercano di rimanere all’avanguardia nello sviluppo tecnologico. Ma questo non li aiuterà molto, come dice François Rüf, che è responsabile dell’intelligenza artificiale a Vontobel.

Che aspetto avrà una banca svizzera quando l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico hanno esaurito il loro potenziale non può essere previsto. I tre esperti che hanno discusso di Smart Data e intelligenza artificiale presso il Cerchio delle finanze erano d’accordo.

L’evento il Lunedi sera è stato (ZHAW) organizzato dall’Università di Scienze Applicate di Zurigo in collaborazione con l’Associazione Bancaria Zurich (CUA). Oltre François Rüf , che è responsabile per l’intelligenza artificiale a Vontobel, ha parlato Tania Rebuzzi  ( foto in basso ) di Credit Suisse e Gundula Heinatz Bürki cui l’Alleanza svizzera per Data-Intensive Servizi in avanti.

Valutazione non sentimentale

Rüf, la cui coda di cavallo e le scarpe da ginnastica sottolineano che è stato con Vontobel solo un anno fa, ha venduto una startup a Microsoft sei anni fa . Ci ha lavorato fino al suo passaggio al settore finanziario.

Secondo unsentimental è la valutazione del fisico con ETH-finale: “Penso francamente, una gran parte del sistema bancario scomparirà nei singoli viaggi utente”, ha detto nella discussione. “Probabilmente non è più come se avessi un’app per le banche. È molto più profondamente integrato nella mia vita “, ha detto delle future possibilità tecnologiche.

La banca diventa un fornitore

Il cliente, che vuole acquistare un prodotto, sia esso un mutuo o quote di fondi, non parlerebbe più con il suo consulente bancario. Invece, la banca diventerebbe il fornitore, che colloca i suoi servizi attraverso il broker o un’interfaccia come gli altoparlanti intelligenti di Amazon.

Questo è, tuttavia, un sogno del futuro. Le applicazioni dei robot rimangono molto specifiche, limitate alle aree di dati puliti e facilmente disponibili.

<img src=”/images/cache/f39f04451d90bd1e88aae42b39dba4d4_w500.jpg” alt=”rebuzzi” width=”500″ height=”300″ />

Ad esempio, oltre al rispetto o al ripetitivo lavoro di back-office, sono stati utilizzati i successi dei supercomputer negli scacchi o in Asian Go. D’altra parte, mentre le macchine possono battere gli umani in questo ambiente regolamentato, non sono in grado di distinguere alcune razze di cani da poltiglia o muffin.

Allenamento per robot

Anche al Credit Suisse, il chat bot, a cui si dovrebbe rispondere più rapidamente dai consulenti dei clienti, deve essere addestrato a mano per svilupparne il potenziale. Secondo Rebuzzi, che è responsabile per il supporto del personale di prima linea nell’unità svizzera, è necessaria molta fiducia nella realizzazione di tali progetti.

“Si tratta di un caso aziendale, sì o no? Non è sempre chiaro dall’inizio “, ha detto. “Questa è la sfida interna di dire che crediamo nell’idea, ci proviamo e ci evolviamo nel tempo.”

Backoffice e front si fondono

Per le banche sarà importante mantenere il controllo sui dati: “Chiunque abbia i dati può personalizzare meglio, fornire un servizio clienti migliore”, ha affermato Rüf.

I confini tra il back office e il banchiere saranno sempre più confusi. Una banca i cui gestori di relazioni utilizzano solo le proprie menti possono affrontare una dura battaglia contro i robot sempre più intelligenti della competizione, sia che provengano da Parade Ground o dalla Silicon Valley.