Deutsche Bank ha tre opzioni nello stress test degli Stati Uniti

Astrid Dörner Handelsblatt.com 27.6.19

Giovedì, l’ultima parte dei risultati degli stress test sarà pubblicata negli Stati Uniti. Il CEO Sewing sta per compiere un passo importante.

La scorsa settimana la Deutsche Bank di New York ha superato il primo round degli stress test statunitensi come tutte le altre istituzioni . Se passerà il secondo turno molto più importante sarà annunciato giovedì dalla Federal Reserve .

L’anno scorso, l’Istituto di Francoforte ha fallito , come nel 2015 e nel 2016. L’amministratore delegato Christian Sewing ha quindi promesso miglioramenti. “Abbiamo fatto molto e stiamo vedendo i progressi”, ha detto al momento parlando con l’emittente CNBC. “Ma sappiamo anche che dobbiamo fare di più. Tutto è pianificato e siamo fiduciosi di superare gli ostacoli nei prossimi dodici mesi “.

La Fed ha avuto la loro decisione è attribuita a carenze nelle fattori qualitativi in quel momento. La banca aveva “notevoli debolezze” nell’elaborazione dei dati. Ciò vale anche per i “meccanismi di controllo che supportano il processo di pianificazione del capitale”. Inoltre, la banca ha problemi a prevedere le entrate e le perdite sotto stress, ha criticato la Fed nel 2018.

Ora sarà chiaro se l’istituzione in crisi è riuscita a persuadere i regolatori dei progressi compiuti negli ultimi dodici mesi. La banca ha anche assunto la società di consulenza Oliver Wyman.

Passare lo stress test sarebbe un passo importante per Sewing per migliorare la sua relazione tesa con i regolatori. Inoltre, un anno fa, è stato reso noto che la Fed aveva classificato Deutsche Bank come un’istituzione “in condizioni difficili” e una supervisione rafforzata. Questo status rimane, secondo gli ambienti finanziari.

Dalla crisi finanziaria del 2008, la Federal Reserve statunitense sta testando annualmente le principali istituzioni attive negli Stati Uniti per le prove di stress. Si tratta di determinare se le istituzioni finanziarie possono sopportare una battuta d’arresto economica – come una grave recessione o un collasso del mercato azionario o immobiliare.

La Fed controlla la forza della banca

Il secondo round di stress test consiste nella cosiddetta Analisi del Capitale Comprehensive, Analisi e Analisi del Capitale Complessivo (CCAR). Qui, la Fed sta esaminando  come le banche gestiscono i loro bilanci e se sono abbastanza forti da pagare i dividendi o riacquistare azioni.

Per le istituzioni straniere che – come Deutsche Bank – hanno una holding negli Stati  Uniti  , la questione è se possano trasferire il capitale alla società madre e se soddisfino in genere una serie di requisiti in relazione al capitale di base e al rapporto debito / PIL. Oltre agli aspetti quantitativi, vi sono anche requisiti qualitativi, compresa la gestione dei rischi della Banca.

Oltre a “passare” o “fallire”, c’è una terza opzione. La banca può essere soggetta a prenotazione. Questa sarebbe un’opportunità per la Fed di riconoscere i progressi di Deutsche Bank mentre chiede ulteriori miglioramenti.

Un portavoce della banca non ha voluto commentare questo. Anche la Fed ha rifiutato di commentare.

Le banche statunitensi hanno un piccolo vantaggio quest’anno. Non è più possibile passare attraverso la parte qualitativa del test CCAR. Anche se la Fed continuerà a guardare questa parte. Se dovesse trovare delle lacune, tuttavia, si lamenterebbe direttamente con le banche senza informare il pubblico di questo risultato del test. Questa nuova regola si applica alle istituzioni che hanno superato questa parte dello stress test quattro volte.

Quest’anno sono ammissibili solo le istituzioni americane. La Fed ha anche allentato i requisiti per le banche regionali più piccole. Non è necessario partecipare agli elaborati test.

Gli analisti ritengono che le case di Wall Street possano facilmente superare il test e pagare dividendi significativamente più elevati rispetto al 2018 già in corso.