Nuovo inizio per Deutsche Bank: il duro piano di ristrutturazione di Christian Sewing

Michael Maisch, Andreas Kröner Handelsblatt.com 30.6.19

Il manager della banca vuole ridurre fino a 20.000 posti di lavoro e ridimensionare la scheda. Il consiglio di vigilanza potrebbe votare i piani più tardi questa settimana.

Francoforte in occasione dell’Assemblea generale della Deutsche Bank a fine maggio è stato amministratore delegato Christian cucire gli azionisti a lungo subire una radicale ristrutturazione della più grande casa bancario nazionale ha promesso. A proposito di “tagli profondi” di cui cucire parlava in quel momento, il Consiglio potrebbe decidere già questa settimana, dopo le informazioni Handelsblatt.

Da ambienti finanziari di sentire che il giorno successivo è previsto un incontro dell’organo di controllo – anche se la corrente non era ancora certo se per allora già tutti gli aspetti dei piani di rimodellamento complessi sono pronti per la decisione. Una cosa è certa: Deutsche Bank sta per compiere il più grande sconvolgimento nella sua storia recente.

E prima che il più grande taglio di posti di lavoro nella loro storia. Perché la conversione incontra soprattutto i dipendenti. Secondo gli addetti ai lavori, la ristrutturazione costerà tra 15.000 e 20.000 posti di lavoro , un quinto della forza lavoro di 91.500 impiegati. Il tasso di contrazione rischia di colpire la società e la banca di investimenti, che attualmente impiega ben 17.000 persone. Ma anche in altre aree, come l’infrastruttura della banca, è probabile che molti lavori scompaiano.

La miniera probabilmente si estendeva per diversi anni. Pertanto, i costi delle indennità di licenziamento, delle soluzioni di prepensionamento e dei piani sociali potrebbero essere distribuiti in modo parsimonioso. L’anno scorso, la banca aveva già tagliato 7.000 posti di lavoro e solo a venerdì è stato reso noto che l’integrazione della controllata Postbank di Bonn avrebbe comportato un costo di lavoro di poco meno di 2.000 dipendenti.

Partenza dall’investment banking

Al centro del progetto di Sewing c’è la ristrutturazione della banca d’investimento e dei settori infrastrutturali sottostanti. Al di fuori dell’Europa, l’istituzione vuole ridurre o addirittura ridurre significativamente le sue attività di compravendita di azioni e di negoziazione di tassi d’interesse.

Secondo gli addetti ai lavori, Sewing ei suoi colleghi di bordo vogliono mantenere il commercio di titoli USA al minimo e ridurre anche il commercio di titoli di stato. I supervisori e i principali azionisti hanno a lungo spinto per una significativa riduzione della banca d’investimento in perdita da due mesi.

La conversione ora promessa sarebbe un punto di svolta. Il Francoforte finalmente saluterebbe la pretesa di giocare nel massimo campionato delle banche di investimento globali. Sarebbe la fine di una strategia iniziata nel 1989 con l’acquisto della banca londinese Morgan Grenfell.

Per molti anni, la negoziazione di titoli non era solo il nucleo strategico di Deutsche Bank, ma anche la sua garanzia di successo. Nel 2006, al culmine del boom, i commercianti hanno comunque generato ricavi per 13 miliardi di euro. L’intera banca d’investimento, compresa l’attività di consulenza e alcune altre aree, ha guadagnato ben oltre 6 miliardi di euro prima delle imposte.

Per fare un confronto: nel 2018, i ricavi dei concessionari si sono ridotti a 7,5 miliardi di euro. E il profitto prima delle tasse dell’intera banca d’investimento è crollato a 530 milioni di euro.

I piani di riprogettazione di Sewing includono anche una cattiva banca, in cui la banca potrebbe raccogliere fino a 50 miliardi di euro in attività ponderate per il rischio che non saranno più il core business in futuro. Questi dovrebbero essere derivati di lunga data. I piani di outsourcing rappresentano circa il 14% delle attività totali ponderate per il rischio dell’ente.

Deutsche Bank fa affidamento su operazioni bancarie

Come ulteriore misura, la banca vuole porre molta più enfasi sul cosiddetto transaction banking in futuro. Deutsche Bank rimane uno dei leader mondiali in questo settore, che comprende pagamenti, finanza commerciale e servizi di investimento.

All’AGM, Sewing ha persino nominato questa area commerciale il cuore dell’istituto. Si prevede che la divisione crescerà principalmente in Asia e sarà maggiormente legata alla valuta, al tasso di interesse e alle attività di prestito.

La banca delle transazioni contribuisce già per il 30% ai ricavi della divisione corporate e investment banking. Il loro ritorno sul patrimonio tangibile, così come quello della controllata del fondo DWS, è superiore al dieci per cento. L’intera banca d’investimento è arrivata nel 2018 solo con un rendimento inferiore all’un percento.

Gli analisti hanno a lungo presunto che le negoziazioni di titoli presso la Deutsche Bank scrivessero numeri in rosso profondo. Tuttavia, ci sono anche aree che soddisfano i requisiti di rendimento interno e su cui la banca vuole quindi resistere. Ciò si applica, ad esempio, alla piattaforma valutaria e al business delle obbligazioni societarie.

Anche Deutsche Bank vuole crescere nella gestione patrimoniale. Lì, altri 300 manager saranno assunti entro il 2021, ha dichiarato il capo della divisione Wealth Management, Fabrizio Campelli, l’agenzia Reuters. Il numero corrisponde a circa un terzo della precedente occupazione.

Consiglio potrebbe essere ridimensionato

Nel complesso, i piani di riqualificazione portano a perdite di posti di lavoro. Potrebbe persino colpire il tabellone. Cucito e colleghi stanno discutendo un ridimensionamento del panel. Il nome del capo delle banche di investimento Garth Ritchie è stato a lungo un punto interrogativo, così come quello del suo collega responsabile per l’adempimento Sylvie Matherat.

Secondo gli addetti ai lavori, il CEO Sewing potrebbe prendere in carico almeno temporaneamente la responsabilità della banca d’investimento. Ciò renderebbe la massima priorità il più grande cantiere della Deutsche Bank.

In conversazione, il vicepresidente Mark Fedorcik e Investment Bank Bank Stefan Hoops stanno unendo le forze per succedere a Ritchie. Non avrebbero fatto parte del comitato esecutivo, ma avrebbero riferito a Sewing.

Quanto velocemente si arriva a una ristrutturazione del consiglio di amministrazione, nel frattempo, non è chiaro. Le autorità di vigilanza finanziaria, ad esempio, attribuiscono importanza al fatto di avere una persona di contatto per la questione della regolamentazione nel comitato esecutivo, secondo gli ambienti finanziari. Le voci di dimissioni sono anche intrecciate con il CFO James von Moltke. Secondo Handelsblatt, non vi è alcuna pressione su di lui dal Consiglio di vigilanza.

Conversione senza aumento di capitale

L’obiettivo della banca è gestire la conversione senza un aumento di capitale. Un importante azionista stima il costo del progetto da tre a cinque miliardi di euro. Secondo l’investitore, la casa dei soldi può sopportare da sola tre miliardi. Se il costo sale a cinque miliardi, la banca probabilmente non si aggirerebbe intorno a un aumento di capitale.

È probabile che anche Deutsche Bank utilizzi i piani di ristrutturazione previsti per abbandonare l’obiettivo di un rendimento del capitale netto del quattro percento. Questo sarebbe l’amministratore delegato Sewing capire cosa è stata a lungo una realtà per molti investitori. In ogni caso, gli analisti non si aspettavano più che la più grande banca tedesca realizzasse la loro promessa.

In media, gli esperti prevedono quest’anno un rendimento del capitale proprio dell’1,7 percento, per il 2020 prevedono un ritorno del 2,6 percento, e anche per il 2021, ci sono solo il 3,4 percento – molto meno del Sewing già per Promesso alla fine di quest’anno.

Dopotutto, proprio nel bel mezzo della ristrutturazione, un messaggio dagli Stati Uniti alla fine della scorsa settimana ha causato un grande sollievo tra i top manager della banca. Il Francoforte ha superato il test della banca centrale americana Fed – dopo aver fallito per tre volte. Pertanto, il percorso per la ristrutturazione dovrebbe essere finalmente chiaro.