Deutsche Bank chiude l’era nell’investment banking e sta perdendo 18.000 posti di lavoro

Michael Maisch handelsblatt.com 7.7.19

Un massiccio programma di ristrutturazione dovrebbe dare nuova forza alla banca. Per il secondo trimestre del 2019, tuttavia, la banca si aspetta una perdita di miliardi.

Düsseldorf Per tre decenni, Deutsche Bank ha voluto giocare un ruolo importante nel settore dell’investment banking. Ora sta riprendendo gli affari. Questo è stato deciso dal Consiglio di sorveglianza nella riunione di domenica.

Inoltre, la banca prevede di ridurre entro il 2022 la riduzione di circa 18.000 posti di lavoro nel corso della ristrutturazione. La banca avrà quindi ancora circa 74.000 posti di lavoro a tempo pieno dopo la conversione.

Inizialmente, la banca non ha commentato tagli di posti di lavoro e ulteriori cambiamenti in seno al comitato esecutivo. Ma secondo le informazioni di Handelsblatt dai circoli finanziari, il capo dei clienti privati Frank Strauß lascerà la banca . Manfred Knof, che era il capo della Germania di Allianz fino al 2017 , si sta trasferendo nella sua posizione  . A differenza di Strauß, Knof non siederà sul tabellone della Deutsche Bank, secondo le informazioni. La banca retail comprende anche Postbank. Anche prima della riunione, la banca aveva pubblicato che il capo della banca d’investimenti Garth Ritchie perde il suo posto.

Secondo un annuncio ad hoc, Deutsche Bank si ritirerà dall’attività di trading azionario, con l’obiettivo di perseguire solo attività focalizzate sull’emissione di azioni. Deutsche Bank attuerà un programma di riduzione dei costi che ridurrà i costi rettificati a 17 miliardi di euro entro il 2022. Mira ad un rapporto costo-reddito del 70 percento nello stesso anno.

In totale, Deutsche Bank prevede oneri per un totale di 7,4 miliardi di euro entro la fine del 2022. Il consiglio di amministrazione di Deutsche Bank prevede di finanziare la trasformazione con risorse esistenti e non di raccogliere nuovi capitali.

La banca istituisce anche una “cattiva banca” interna per gestire gli elementi di bilancio dalle unità aziendali che devono essere abbandonate o ridotte. Queste posizioni comprendono 74 miliardi di euro di attività ponderate per il rischio. 

Tra cui l’onere della ristrutturazione della banca tedesca si aspetta che il secondo trimestre del 2019 con una perdita di circa 500 milioni di euro prima delle imposte e 2,8 miliardi di euro al netto delle imposte. Rettificato per tali oneri, la Banca anticipa un utile ante imposte di circa € 400 milioni per il secondo trimestre e € 120 milioni al netto delle imposte. Le cifre per il secondo trimestre del 2019, il Dax Group vuole pubblicare come previsto il 24 luglio.

Più presto.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.