FISCO La pia illusione che Rdc e flat tax si finanzino da soli

Ugo Colombino la voce.info 19.7.19

Flat tax al 15 per cento e reddito di cittadinanza sono i cardini del fisco targato Lega-M5s. Ma non sono misure che si autofinanziano, neanche nelle loro versioni ridotte. Ci sono altri modi per migliorare gli incentivi indotti dal sistema fiscale.

Promesse e realtà

Il programma di governo di Lega e Movimento 5 Stelle prevedeva originariamente una “flat tax” al 15 per cento per tutti e il cosiddetto reddito di cittadinanza, un sussidio universale con reddito garantito mensile di 780 euro. Per il momento, il Rdc è stato introdotto in una versione che ne limita molto l’universalità. A sua volta la Lega propone ora la mini flat tax, una sorta di regime separato per le famiglie con redditi medio-bassi. La realizzazione parziale di quanto promesso è comunque presentata come un primo passo per raggiungere l’obiettivo iniziale.

Un argomento importante riguarda gli incentivi. La Lega sostiene che la flat tax potrebbe ripagarsi da sola: la tassazione più bassa e meno progressiva incentiverebbe a lavorare e guadagnare di più, con un conseguente aumento del gettito fiscale grazie all’aumento del reddito imponibile e dei consumi. Il M5s ha sostenuto un argomento simile per il reddito di cittadinanza, basato sull’aumento dei consumi e del gettito ottenuto dalle imposte indirette. Mentre ha giudicato irrilevanti o facilmente contrastabili gli effetti di disincentivo sull’offerta di lavoro.

Le cinque riforme possibili

Possiamo valutare gli effetti di incentivo utilizzando un modello che permette di simulare le nuove scelte delle famiglie di fronte a riforme del sistema fiscale. I risultati aiutano a spiegare perché il programma originario di Lega e M5s è irrealizzabile e perché gli incentivi sono ben lontani dal garantire l’autofinanziamento.

Consideriamo due tipi di imposta sui redditi personali: 1) tassazione corrente; 2) flat tax al 15 per cento per tutti con esenzione per i redditi sotto i 3 mila euro; e tre sistemi di sostegno del reddito:

• nessun sostegno. Tutti i trasferimenti sono eliminati. È solo un punto di riferimento per evidenziare il ruolo delle altre politiche;

• politica corrente. Comprende tutti i trasferimenti correnti, compresi il Reddito di Inclusione e gli “80 euro”;

• reddito di cittadinanza: reddito garantito di 780 al mese per un singolo. Si riceve quindi un trasferimento uguale alla differenza tra 780 e il proprio reddito, se questa differenza è positiva. È la forma originariamente proposta, estesa a tutta la popolazione. I trasferimenti correnti vengono sottratti ai trasferimenti previsti dal Rdc.

Ne risultano cinque possibili “riforme” rispetto allo scenario attuale. Di ciascuna simuliamo il gettito fiscale netto a seconda di due metodi alternativi:

• simulazione aritmetica. Tiene conto solo della variazione di gettito dovuta alle nuove regole fiscali. Offerta di lavoro e gettito generato dal consumo rimangono invariati;

• simulazione comportamentale. Tiene conto sia delle tasse sia delle decisioni di consumo e lavoro.

Il grafico 1 mostra quale percentuale del gettito fiscale corrente viene coperta in ciascun caso. Il gettito fiscale comprende l’Irpef, le imposte sul consumo e i contributi previdenziali.

Le differenze più significative riguardano lo scenario “Rdc+ft. Se ignoriamo gli effetti sul consumo e sull’offerta di lavoro, copriamo solo il 75 per cento del gettito da raggiungere. Cioè, facendo riferimento a un fabbisogno fiscale di circa 600 miliardi, ne mancano 150. Se consideriamo anche gli effetti sulle decisioni di lavoro e di consumo arriviamo all’81 per cento. In altre parole, con gli effetti di reazione comportamentale (crescita di lavoro e consumo) recuperiamo circa 36 miliardi.

Stiamo qui parlando della versione più estesa e completa della politica Rdc+ft. Versioni ridotte porterebbero ad ammanchi fiscali inferiori, ma l’effetto relativo delle reazioni comportamentali cambierebbe poco. Restiamo comunque molto distanti dall’autofinanziamento.

Ci si va più vicino lasciando cadere uno tra Rdc o flat tax. Il programma originario che prevede entrambe le misure è troppo costoso e pecca per un disegno che penalizza i possibili incentivi per le famiglie più povere.

Il reddito di cittadinanza è disegnato in modo da attivare solo incentivi negativi, imponendo una tassa marginale che tocca il 100 per cento per valori di reddito inferiori a circa 9 mila euro (non rari in molte regioni). A sua volta, è troppo debole lo stimolo all’offerta di lavoro indotto dalla flat tax per tutti. I due alleati di governo tentano di realizzare versioni ridotte del programma originario, purché contengano entrambi i “feticci” dei 780 euro e della flat tax al 15 per cento. Tuttavia, le versioni ridotte sembrano avere pesanti effetti di inefficienza e iniquità (qui e qui). La mini-flat tax per le famiglie al di sotto dei 55 mila euro cancellerebbe ogni spinta a migliorare la propria posizione lavorativa e salariale.

Se si volessero davvero migliorare gli incentivi indotti dal sistema fiscale e introdurre un reddito di base universalistico rispettando il vincolo di bilancio, si dovrebbero abbandonare entrambi i “feticci” del minimo garantito di 780 euro (troppo elevato) e della flat tax al 15 per cento (troppo bassa) e prestare più attenzione agli stimoli per le famiglie al di sotto della soglia di esenzione. Vi sono alternative – alcune già esemplificate in un precedente articolo – che rispettano il vincolo di bilancio e possono migliorare la condizione di una maggioranza di famiglie per quasi tutti i livelli di partenza. Oltre a una flat tax più elevata, la loro caratteristica principale è che, sotto la soglia di esenzione, il reddito disponibile cresce al crescere del proprio reddito (a differenza di quanto accade con il Rdc): in questo modo, oltre a dare un sostegno al reddito, si attiva un incentivo alla partecipazione al lavoro. Esistono, insomma, riforme che migliorano equità ed efficienza senza mandare in crisi i conti pubblici e senza confidare in miracolosi recuperi di gettito.

Grafico 1