UBS sta ora minacciando una causa legale a Londra?

finews.ch 29.7.19

UBS Broadgate

Negli Stati Uniti, vari attori hanno combattuto per la cattiva condotta di miliardi di banche di investimento. Ora, diverse istituzioni minacciano lo stesso in Gran Bretagna, inclusa la banca svizzera UBS. 

Diversi avvocati vogliono consegnare alla giustizia cinque grandi banche di investimento a Londra. Le istituzioni dovrebbero pagare per la manipolazione della valuta, ha riferito l’agenzia di stampa “Reuters” lunedì. Si tratta di una somma di oltre 1 miliardo di sterline (1,22 miliardi di franchi svizzeri).

Le banche hanno già dovuto pagare varie bollette per influenzare i tassi di cambio. Negli Stati Uniti, hanno anche dovuto pagare querelanti privati già 2,3 miliardi di dollari (2,3 miliardi di franchi svizzeri). 

Le stesse banche

Mentre tali azioni legali di classe sono all’ordine del giorno negli Stati Uniti, la Gran Bretagna è un nuovo fenomeno. La prima causa di questo tipo, contro Mastercard, è stata presentata nel 2017, ma la Corte Suprema del paese non l’ha ancora finalizzata. 

Tra le cinque banche citate in giudizio c’è la banca svizzera UBS. Quest’ultimo è recentemente scappato dalla Commissione europea per la stessa manipolazione della valuta senza sanzioni perché ha attirato l’attenzione dell’autorità di regolamentazione sull’intesa. Le altre banche – Barclays, The Royal Bank of Scotland (RBS), Citigroup, JP Morgan e la giapponese MUFG Bank – hanno dovuto pagare un totale di 1,07 miliardi di euro. 

Forse più soldi

In Inghilterra, a parte il MUFG, le stesse istituzioni sono state sottoposte a processo dinanzi al cosiddetto Competition Appeal Tribunal. Se l’avvocato dell’attore ha ragione, le vittime di manipolate transazioni valutarie a Londra riceveranno ancora più denaro da queste banche.