Dove l’inflazione è più alta e più bassa in tutto il mondo

zerohedge.com 7.8.19

Gli alti tassi di inflazione possono danneggiare l’economia di qualsiasi paese e indicare problemi di fondo nella politica economica. Attualmente, l’Iran, la Turchia e la Nigeria sono tre paesi in cui alti tassi di inflazione mettono a dura prova cittadini e imprese, con effetti che vanno dai prezzi esorbitanti degli alimenti, all’aumento degli affitti e alle vendite in calo di articoli non necessari.

Ma, come osserva Katharina Buchholz di Statista, un’inflazione molto bassa, come stanno vivendo Singapore, Irlanda e Giappone, ha i suoi problemi . Mentre una bassa inflazione incoraggerà i consumatori a fare acquisti, può portare a una riduzione dei guadagni per le aziende e una riduzione delle assunzioni e significa anche che le persone non ottengono il beneficio di ripagare il proprio debito più rapidamente con l’aiuto di una piccola inflazione. In definitiva, una bassa inflazione può portare i prezzi a una spirale discendente, provocando una deflazione e un peggioramento dei prezzi altrettanto gravi di una crisi dell’inflazione.

Secondo i dati forniti dalla Banca mondiale, i paesi attualmente in deflazione dei prezzi in tutto il mondo erano l’Ecuador (-0,2 per cento), le Maldive (-0,1 per cento), il Ruanda (-0,3 per cento) e il Burundi (-2,8 per cento).

Infografica: dove l'inflazione è più alta e più bassa nel mondo | Statista

Troverai più infografiche su Statista

D’altra parte, l’inflazione in Venezuela è recentemente arrivata a livelli estremi, causando una cosiddetta iperinflazioneche fa esplodere l’inflazione con un aumento del 50% (e spesso molto di più) al mese. L’inflazione venezuelana per il 2018 è stata letteralmente fuori classifica a circa l’1 milione per cento, secondo il Fondo monetario internazionale.