Salvini approfondisce la crisi del governo italiano con la minaccia di elezioni anticipate

ELPAIS.COM 8.8.19

Il primo ministro italiano Giuseppe Conte, insieme al leader della Lega, Matteo Salvini, lo scorso ottobre a Roma.
Il primo ministro italiano Giuseppe Conte, insieme al leader della Lega, Matteo Salvini, lo scorso ottobre a Roma. AFP MONTEFORT FILIPPO 

La Lega Matteo Salvini approfondisce il divario sempre più profondo con il suo partner nel governo italiano, 
il Movimento a 5 stelle (M5S). Il partito di estrema destra ha chiesto ai grillinos misure “coraggiose” giovedì o, in caso contrario, richiederà elezioni come “unica alternativa”.

“L’Italia ha bisogno di certezze ed elezioni coraggiose e condivise. È inutile andare avanti in termini di rumori, ritardi, blocchi e litigi quotidiani”, afferma il partito in una dichiarazione, che conclude: “Ogni giorno che passa è un giorno perduto. 
Per noi il l’unica alternativa a questo governo è restituire la parola agli italiani con nuove elezioni “.
Dopo settimane di tensione, il leader della Lega tende la corda e minaccia per la prima volta chiaramente di provocare l’avanzamento elettorale. 
“O facciamo le cose bene o è inutile andare avanti”, ha detto mercoledì a una manifestazione. 
Quella frase, che suonava come un ultimatum, insieme alle enormi differenze mostrate pubblicamente tra le due parti, ha fatto sì che il leader del M5S e il vicepresidente del governo, Luigi Di Maio, annullassero la sua agenda giovedì e quel 
Primo Ministro italiano Giuseppe Conte , sospende la conferenza stampa in programma prima della pausa estiva e si incontra per discutere della situazione con il presidente italiano, Sergio Mattarella.
ALTRE INFORMAZIONI

La Procura di Milano avvia un’indagine per un possibile finanziamento russo della Lega Salvini
Salvini distrugge i suoi rivali e prepara l’assalto al potere
Una crisi italiana dal sapore elettorale
Le tensioni tra i partner sono palpabili da settimane, ma negli ultimi giorni si sono intensificate, soprattutto dopo il voto di mercoledì al Senato sulla linea ad alta velocità Torino-Lione, in cui l’M5S ha subito una sconfitta prova a fermare il progetto contro l’opposizione, che si è unita alla Lega per abbattere il movimento dei grillinos. 
Salvini e il suo popolo hanno votato contro di esso, nonostante il fatto che due giorni prima dell’M5S, con grande riluttanza interna, ha distaccato la sua mozione di fiducia per 
attuare una legge che sanziona le ONG che soccorrono i migranti nel Mediterraneo.
Salvini, noto come istigatore della crisi e con il vento a favore nei sondaggi, in seguito annullò un tour delle spiagge che erano nella sua agenda e si chiuse con Conte per una lunga discussione. 
Di notte, durante un incontro presso la spa di Sabaudia, ha lasciato cadere “qualcosa è stato rotto nella maggioranza negli ultimi mesi”, alimentando le speculazioni su una possibile rottura della coalizione governativa con l’M5S.
Secondo i media italiani, Salvini ha stabilito le condizioni per rimanere nell’alleanza: la partenza di tre ministri e un nuovo patto che prevede la riforma per applicare un’unica imposta sul reddito e una maggiore autonomia delle regioni. 
“Non sono fatto per mezze misure”, ha detto mercoledì.
Tra i ministri che Salvini ha disegnato, secondo i media, ci sono Danilo Toninelli (Trasporti e infrastrutture, M5S), che accusa di bloccare “dozzine e dozzine di altre opere pubbliche”, oltre alla linea ferroviaria Lione-Torino; 
ed Elisabetta Trenta (Difesa, vicino alla M5S), che ai suoi occhi manca di entusiasmo per combattere il flusso di migranti nel Mediterraneo. 
Inoltre, vengono citati l’Ambiente, Sergio Costa e Giovanni Tria (Economia), vicini alla Lega ma che il leader della formazione ultra-destra è troppo cauto contro le richieste del controllo del bilancio di Bruxelles.
Giuseppe Conte ha incontrato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per discutere della situazione politica tesa. 
Uno dei possibili scenari è un profondo rimodellamento ministeriale con una rinascita dell’alleanza tra la Lega e la M5S di Luigi Di Maio. 
Se non viene raggiunto un accordo, il governo Conte può essere invitato a dimettersi.
Si apriranno quindi nuove opzioni, compresa la formazione di una nuova maggioranza parlamentare, che potrebbe includere l’M5S e la sinistra, sebbene gli analisti lo considerino improbabile. 
Un altro modo sarebbe la richiesta di elezioni anticipate per ottobre, che con gli attuali sondaggi danno alla Lega dal 36% al 38% delle intenzioni di voto e consentirebbe a Salvini di provare un’alleanza con partiti di estrema destra come Fratelli d’Italia.
Tuttavia, il presidente italiano Sergio Mattarella insiste regolarmente sulla necessità di disporre di un governo funzionante in autunno per preparare il bilancio, il cui primo progetto deve essere presentato all’UE entro la fine di settembre. 
Il capo dello stato potrebbe optare per l’istituzione di un dirigente tecnico e ritardare le elezioni a febbraio o marzo. 
Uno dei motivi per cui Salvini ha esitato a dinamizzare il governo, sebbene questo giovedì abbia già fatto un altro passo verso un nuovo appuntamento con i sondaggi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.