Mazzucco: povera Italia, se spera nel “salvatore” di turno

libreidee.org 14.8.19

È stato geniale. Con un semplice 17% in Parlamento, Salvini è riuscito ad andare al governo facendo un accordo acrobatico e improbabile con i Cinque Stelle. In realtà a lui di quello che c’era scritto nel “contratto di governo” non importava più di tanto. Quello che gli importava veramente era di avere il ministero degli interni, perché grazie a quello Salvini ha potuto impostare “da dentro” una campagna elettorale permanente. Come ministro degli interni, infatti, ha potuto mostrare i muscoli e ha potuto chiudere i porti delle coste italiane. Gli è bastato così respingere qualche centinaio di migranti, per passare agli occhi di tutti come il salvatore della patria. “Se Salvini vuole respingere i migranti – ragiona l’uomo della strada – vuol dire che ha veramente a cuore l’Italia e gli italiani, e quindi io alle prossime elezionilo voterò sicuramente”. In questo modo il favore di Salvini è schizzato rapidamente verso l’alto, e quello che solo un anno fa era un relativamente magro 17%, si è letteralmente raddoppiato con le elezioni europee. E ora, quello che era il 34% delle europee, arriva in certi sondaggi a sfiorare il 38.

Se tutto andrà secondo programma, alla prossima tornata elettorale Salvini porterà a casa un comodo 40%, che aggiunto ai voti della Meloni gli permetterà di governare l’Italia “con pieni poteri”, come lui stesso ha chiesto di fare. Solo allora si aprirà Salvini bagnoveramente per lui il momento della verità: sarà davvero in grado di fare una manovra espansionistica in debito, dando così almeno temporaneamente respiro all’economiaitaliana, oppure dovrà anche lui cedere di fronte al ricatto inevitabile dei famosi “mercati internazionali”? E a quel punto, a chi darà la colpa Salvini? Ai cattivi di Bruxelles, o a quelli “che hanno governato prima di lui”, rendendo impossibili le condizioni per risorgere? In realtà, questa è una domanda assolutamente irrilevante, perché nel frattempo sarà sorto qualcun altro che avrà detto che Salvini ha sbagliato tutto, e che “la vera alternativa siamo noi”.

Il ciclo della politica è qualcosa di infinito, e di questo ciclo il vero responsabile è il popolo, che non riesce mai ad impadronirsi degli strumenti per valutare seriamente la situazione complessiva. Non comprende quali siano i grandi giochi di potere, e continua a sperare che arrivi un nuovo salvatore che ci tolga ogni volta dalla situazione drammatica in cui ci troviamo. Oggi questo salvatore si chiama Salvini, domani avrà un altro nome, ma il meccanismo comunque non cambia: il salvatore non è altro che il burattino di turno messo lì davanti agli occhi del popolo per illuderlo nuovamente, e per poter così completare un altro ciclo di preservazione dello status quo. Finché il popolo italiano non avrà capito questo, per noi di speranze ce ne sono ben poche.

(Massimo Mazzucco, “A.A.A. Salvatore cercasi”, dal blog “Luogo Comune” dell’11 agosto 2019).

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.