Un altro sconvolgimento al Pictet di Ginevra

finews.ch 15.8.19

La venerabile banca privata non ha solo cambiato la sua leadership: Pictet ora abbraccia i risultati del nuovo mondo del lavoro.

È stato uno degli ultimi atti ufficiali di Nicolas Pictet come socio amministratore. Il “primus inter pares” uscente tra gli azionisti della banca privata di Ginevra si è rivolto la scorsa primavera in una lettera alla forza lavoro.

Come recentemente riportato dal quotidiano francese “Tribune de Geneve” (articolo a pagamento) , le linee hanno suscitato molto scalpore: Pictet ha affermato che l’istituto ora consente il lavoro a tempo parziale.

E non solo: secondo la lettera, la più grande banca privata di Ginevra comprende anche concetti di nuova concezione come l’orario di lavoro annuale, l’home office e le vacanze non retribuite. In breve: a Pictet, dopo oltre 200 anni di etica del lavoro calvinista, è arrivato il nuovo mondo del lavoro.

Cerchia per giovani padri

Come verrà riportato più avanti, non si può fidare del tutto dell’arrosto presso l’istituto molto conservatore. Ad esempio, alcuni dipendenti temono che i part-time tendano a ignorare gli aumenti salariali e le promozioni.

D’altro canto, lo staff riconosce che l’azienda tradizionale sta rispondendo ai desideri di una generazione più giovane di dipendenti: Pictet, ad esempio, ha evidentemente un circolo di discussione in cui i giovani padri banchieri possono condividere le loro esperienze.

Ancora nessun voto massimo

Tuttavia , Pictet non riceve il massimo dei voti per il suo equilibrio tra lavoro e vita privata sulla piattaforma di valutazione dei dipendenti Kununu . La compagnia commuta tra tre e quattro su cinque possibili punti.

Tuttavia, Pictet non può fare a meno di seguire le condizioni di lavoro con i tempi. Fuori dal quartier generale sulla Route des Acacias 60 a Ginevra, il mondo del lavoro è in movimento.

Chiunque desideri conservare i migliori talenti oggi deve astenersi dai lunghi tempi di presenza, ma anche da molti altri schemi tradizionali nel settore bancario, come ha già analizzato finews.ch ( qui e qui ).

All’80 percento sul fronte del cliente

Ad esempio, le due grandi banche UBS e Credit Suisse, che impiegano innumerevoli banchieri privati, stanno passando da tempo al lavoro part-time. Un periodo dell’80 percento è considerato giustificabile presso UBS, ad esempio nel comitato consultivo. Anche la competizione di Ginevra si sta muovendo. In Lombard Odier, nel 2017 è stata lanciata un’iniziativa per adattarsi meglio all’equilibrio tra lavoro e vita privata.

Tuttavia, c’è ancora una certa riluttanza a risparmiare penne a tempo parziale tra gli uomini della banca. Ad esempio, secondo il rapporto, solo uno su quattro a tempo parziale in Lombard Odier è maschio; in CS e UBS, è solo uno su dieci part-timer.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.