Governo: valzer di nomine, si parte da Alitalia (Sole)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Sono 400 le poltrone da assegnare nell’arcipelago delle società pubbliche. È questa la dote che la crisi di governo aperta da Matteo Salvini consegna al nuovo esecutivo che verrà, nel quale potrebbe rientrare il Pd, cioè lo stesso partito che ha messo l’imprimatur a quasi tutti gli incarichi in scadenza.Lo scrive Il Sole 24 Ore aggiungendo che scadono nella prossima primavera e quindi saranno da nominare i vertici delle società pubbliche più importanti: Eni ed Enel, Leonardo Spa e Poste I., Terna ed Enav, tutte quotate in Borsa. Il valzer però comincia con una poltrona nuova di zecca come l’amministratore delegato della Nuova Alitalia. Il lavoro di Ferrovie dello Stato come capofila del piano di salvataggio della compagnia va avanti nel confronto con Atlantia, la società dei Benetton scelta come quarto socio, accanto alla compagnia americana Delta e al Mef. Ancora non ci sono impegni. L’offerta finale e vincolante deve essere presentata entro il 15 settembre. Le Fs dovranno anche esprimere il presidente.Tra le nomine pendenti c’è il nuovo cda di Invitalia. Sono scaduti il presidente Claudio Tesauro, avvocato dello studio Bonelli Erede e l’a.d. Domenico Arcuri, in carica da 12 anni, nominato da un governo di centrosinistra, guidato da Romano Prodi. Si racconta che il ministro dello Sviluppo Luigi Di Maio volesse mandare a casa Arcuri. Ma adesso le quotazioni dell’a.d. di Invitalia potrebbero rianimarsi.Per i rinnovi dei vertici delle grandi società pubbliche quotate in Borsa, le liste dei candidati ai nuovi cda, che resteranno in carica per tre anni, vanno presentate dal Mef (e dai fondi perle minoranze) almeno 25 giorni prima della data dell’assemblea convocata per approvare il bilancio 2019. Le assemblee sono previste tra aprile e maggio 2020, dunque mancano sei mesi e per i boiardi di Stato si apre il semestre bianco.In caso di discontinuità all’Eni, si potrebbero aprire nuovi spazi di crescita anche per Francesco Starace, a.d. di Enel. In scadenza l’anno prossimo anche il cda di Banca Mps, con la presidente Stefania Bariatti e l’a.d. Marco Morelli. Scadono anche i cda delle due controllate più importanti di Fs, Rfi e Trenitalia, il cda della centrale acquisti della pubblica amministrazione, la Consip, guidato da Cristiano Cannarsa dopo uno scandalo che ha toccato il Giglio magico renziano.pevMF-DJ NEWS2309:26 ago 2019 (END) Dow Jones NewswiresAugust 23, 2019 03:26 ET (07:26 GMT)