La crisi dell’UE riaccelera: centinaia di migranti sbarcano improvvisamente sulle isole greche

zerohedge.com 30.8.19


Via KeepTalkingGreece.com,

Giovedì pomeriggio 13 navi con a bordo da 500 a 600 migranti sono sbarcate nella periferia di Skala Sykamineas sull’isola di Lesbo .

Tutte le barche sono arrivate nella stessa posizione in meno di un’ora.

L’ultima volta che ciò è accaduto è stato il picco della crisi migratoria nel 2015.

Fu poco dopo le 17, quando diverse barche furono avvistate mentre si dirigevano verso Sykamia dopo essere entrate nelle acque territoriali greche con il Frontex apparentemente nel ruolo di passante passante.

Un totale di 546 persone, uomini, donne e bambini sono sbarcati in seguito alle istruzioni delle ONG rifugiate, riferisce Aegean Boat Report .

Secondo i media locali, i migranti sono esclusi per essere trasferiti nel punto caldo di Moria già sovraffollato di oltre 10.000 persone, mentre la sua capacità è progettata per 3.000.

È il maggior numero di migranti che arrivano massicciamente a Lesbo dalla costa turca dalla crisi migratoria del 2015-2016.

I lavoratori della Moria sono profondamente preoccupati per la situazione attuale, non solo per la situazione sovraffollata , ma anche per le prestazioni insufficienti del servizio medico.

RSA@rspaegean

Dozens of newcomers are sleeping on blankets on the floor in #Moria. Reportedly they have to wait an hour in the queue for access to the toilet #opentheislands #refugeesGr #stopthetoxicdeal

Visualizza l'immagine su Twitter
Visualizza l'immagine su Twitter

912:06 – 29 ago 2019Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter47 utenti ne stanno parlando

Dicono che 6.000 migranti di Moria non siano stati registrati dal punto di vista medico.

La leadership politica e militare del Ministero della navigazione greco è preoccupata non solo per i massicci arrivi di giovedì, ma anche per il loro aumento nel mese di agosto.

Accanto ai massicci arrivi di Lesbo, un totale di 122 migranti e rifugiati sono sbarcati sulle isole di Farmakonisi, Kos, Lesbo e ad Alexandroupolis nella Grecia nord-orientale.

Secondo gli ultimi dati, le isole del Mar Egeo orientale Lesbo, Chios, Samo, Leros e Kos ospitano oltre 24.000 rifugiati e migranti.

Il ministero terrà una riunione straordinaria sulla questione che avrà luogo venerdì a mezzogiorno.

Secondo quanto riferito, ci sono ancora 4 motovedette nella zona di Sykamia.

I massicci arrivi coincidono con la crescente tensione tra la Turchia con gli Stati Uniti e l’Unione europea. Concedere ai trafficanti la libertà di movimento aumenterebbe la pressione politica, sembra pensare Ankara.