“Direi, ho fatto un grande profitto con esso” ( BORGHI/BTP)

Holger Zschäpitz Welt.de 30.8.19

Claudio Borghi ha mostrato su Twitter una presunta testimonianza del suo riuscito lavoro di governo
Claudio Borghi ha mostrato su Twitter una presunta testimonianza del suo riuscito lavoro di governo Fonte: picture alliance / ZUMAPRESS.com

Claudio Borghi, portavoce del bilancio per il populista di destra Lega, non fa mistero del fatto che ha incassato obbligazioni italiane. Pertanto, l’ex banchiere tedesco beneficia proprio della falsa speculazione del suo leader di partito.

Claudio Borghi ha una visione molto personale di ciò che sta accadendo nella politica italiana in questo momento. Il portavoce del bilancio per il populista di destra Lega, che è appena uscito dal governo di Roma, ha ostentato una presunta testimonianza del suo riuscito lavoro del governo su Twitter. Ora ha venduto i suoi titoli di stato italiani, che ha acquistato quasi un anno fa. Non era un consiglio per gli altri di fare lo stesso con lui, voleva comunicarlo in modo molto trasparente al pubblico.

Visibile a tutti, Borghi si è presentato come un geniale investitore. Per le obbligazioni italiane sono attualmente tra i titoli più caldi nei mercati finanziari. E immediatamente l’agenzia finanziaria Bloomberg ha calcolato che aveva guadagnato non meno del 25 percento con i suoi documenti. Alla fine, aveva comunicato alla fine di settembre dell’anno scorso, l’acquisto anche tramite Twitter.

Fonte: infografica MONDO 

A quel tempo, i titoli di Stato decennali avevano ancora un rendimento del 3,15 percento. Il giorno della vendita, il debito aveva segnato un minimo storico dello 0,92 per cento nei rendimenti. Rese e prezzi si muovono in direzioni opposte. Borghi aveva acquistato il titolo decennale al 96 percento del suo valore nominale. Il giorno della vendita, i titoli sono stati scambiati a poco più del 119 percento. Su richiesta WELT, Borghi ha confermato il suo lucroso accordo con il business obbligazionario. “Direi che ho fatto un grande profitto scommettendo sull’Italia e sul mio governo. Ora, un nuovo governo è al potere e posso solo sperare che abbia anche tanto successo “.

sso “.

Ma la lettura dei mercati è completamente diversa. Le obbligazioni italiane hanno recentemente guadagnato valore perché il partito Lega non è più scomparso dal governo e quindi un fattore di incertezza dalla politica italiana. Il partito populista di destra sotto il suo leader Matteo Salvini aveva ripetutamente fatto ricorso a Bruxelles, causando incertezza nei mercati.

“L’euro è la valuta sbagliata per l’Italia”

Ultimo ma non meno importante, era stato Borghi, particolarmente euroscettico, a spingere i ritorni in aria con i suoi commenti e i prezzi in profondità. Poco dopo l’adesione alle obbligazioni italiane, Borghi ha incolpato l’euro per tutti i problemi dell’Italia, portando una potenziale uscita dall’unione monetaria. “L’euro è la valuta sbagliata per l’Italia”, aveva ripetutamente sottolineato il 49enne, che era anche consigliere economico di Salvini. La moneta unica ostacola la crescita dell’Italia, è uno svantaggio competitivo e priva l’Italia della sua libertà di decidere sulla politica fiscale. Borghi fu anche colui che aveva introdotto una sorta di valuta parallela con i mini-robot, aumentando ripetutamente i rendimenti dei titoli di Stato.

Poco dopo il suo ingresso a settembre 2018, c’è stata anche una turbolenza dopo le dichiarazioni euro-critiche di Borghi. I rendimenti delle obbligazioni decennali italiane sono aumentati del 3,8%, scendendo del 92% del suo valore nominale. Solo un successivo accordo con Bruxelles prevedeva un certo rilassamento. Successivamente, le obbligazioni dello stato di avvio hanno beneficiato del rally generale di titoli di Stato. È tornato a un nuovo crollo quando il boss della Lega Salvini all’inizio di agosto, la coalizione tra la gamba destra e il movimento a cinque stelle a sinistra è stata annullata.

Fonte: infografica MONDO 

Tuttavia, quando divenne chiaro che non ci sarebbero state nuove elezioni che molto probabilmente avrebbero dato grandi guadagni a Salvini, ci fu una manifestazione senza precedenti sulla carta italiana. La nuova alleanza del Movimento a cinque stelle e dei socialdemocratici (PD) è considerata amica dell’Europa sui mercati finanziari. E ciò ha già incoraggiato gli investitori a colpire duramente i giornali. Le note decennali sono aumentate dal 110 al 119 percento del valore nominale. I rendimenti sono scesi da quasi il due percento a meno dell’uno percento.

È diventato chiaro che Salvini aveva giocato d’azzardo con i suoi tempi politici e per il momento ha dovuto rimettere le sue ambizioni a capo del governo.

Pertanto, Borghi ha guadagnato solo con il malinteso politico del suo leader di partito. La domanda è se si sia mantenuto con i suoi acquisti alle regole interne, che si applicherebbe anche ai parlamentari italiani. Dopotutto, a quel tempo era a capo del comitato del bilancio e quindi aveva una visione immediata delle politiche del paese. E Roma influenza sicuramente lo sviluppo di prezzi e rendimenti. Una richiesta di WELT al supervisore di borsa Consob è rimasta senza risposta fino alla scadenza editoriale.

Borghi è uno degli economisti più controversi in Europa. Prima di entrare in politica, ha guidato il business italiano di Deutsche Bank. Dopo aver svenduto le sue obbligazioni e aver lasciato il governo, ha potuto ricominciare la sua campagna di uscita dall’euro, che ha bloccato il partito nell’estate del 2018, quando è diventata una junior partner del governo. Se poi i legami perdessero di nuovo terreno, avrebbe potuto mantenere la propria interpretazione della visione del mondo.