La Grecia sta lottando per il suo status di “fenice”

Frank Stocker welt.de 3.9.19

Il leader del nuovo partito democratico Kyriakos Mitsotakis tiene un discorso durante una campagna preelettorale due giorni prima delle elezioni del Parlamento europeo ad Atene, il 22 maggio 2019. (Foto di ANGELOS TZORTZINIS / AFP) (Il credito fotografico dovrebbe leggere ANGELOS TZORTZINIS / AFP / Getty Images) Getty ImagesGetty Images
Il nuovo primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis è anche un favorito dei mercati finanziariFonte: AFP / Getty Images

Il miglior mercato azionario europeo, rendimenti obbligazionari dell’1%: gli investitori celebrano il nuovo governo – guidato da Kyriakos Mitsotakis – ad Atene. Questo rende giusto molte cose. Eppure permangono dubbi sul successo a lungo termine.

ahrelang tali riunioni erano top problema. Ma quando il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha visitato il cancelliere tedesco Angela Merkel a Berlino alla fine della scorsa settimana, non valeva quasi un titolo. Il peggio della crisi del debito è in corso da un po ‘di tempo ormai, il polverone sul destino di Atene si è placato.

Ma non solo: nel frattempo, la Grecia è persino diventata la favorita segreta degli investitori. Il nuovo capo del governo Mitsotakis lo rafforza avviando varie riforme nelle poche settimane successive all’incarico. Il mercato azionario di Atene celebra il nuovo slancio, così come il mercato obbligazionario. Quindi la terra sta emergendo dalle ceneri come una fenice? O è solo un grande inganno?

Il 1 ° settembre, il paese ha decisamente fatto un grande passo avanti. Perché da questa settimana non ci sono più controlli sui capitali. Questi furono introdotti al culmine della crisi, quattro anni fa, quando molti greci in preda al panico spostarono i loro soldi all’estero e le banche domestiche fallirono.

Fonte: infografica MONDO

Da allora, i consumatori hanno avuto occasionalmente problemi a pagare su Internet se volevano ordinare qualcosa all’estero. E gli investitori hanno pensato tre volte se volevano essere attivi in ​​Grecia – dopo tutto, avrebbero potuto riportare i loro soldi nel buio, in caso di dubbio.

È finita adesso. Ciò è stato possibile perché la fiducia delle persone nella stabilità del sistema finanziario greco è cresciuta significativamente negli ultimi mesi. Questo deve essere letto sull’interesse, che deve pagare lo stato greco. Per le obbligazioni con scadenza a cinque anni, il rendimento è recentemente sceso addirittura al di sotto dell’uno percento – all’inizio dell’anno era ancora al 3,3 percento.

L’ indice azionario greco Athex ha guadagnato oltre il 40 percento dall’inizio di gennaio, mentre l’indice azionario tedesco ( Dax ) è solo il 14 percento in più – ovviamente, l’Athex è ancora dell’80 percento inferiore al massimo del 2007, mentre il Dax ha da tempo raggiunto nuovi record. ha raggiunto.

Mitsotakis ispira gli investitori

display

Nei primi mesi di quest’anno, lo sviluppo positivo del mercato finanziario di Atene si è basato su un salto di fiducia. Molti si aspettavano una vittoria per il candidato conservatore Mitsotakis alle elezioni e speravano in un nuovo slancio di riforma. E da quando è entrato in carica l’8 luglio mostra: questa speranza era giustificata. Non solo Mitsotakis si astenne dal distribuire le cariche ministeriali tra le grandiose del suo partito, ma fece affidamento su un numero di tecnocrati.

E fa anche un forte passo avanti nelle riforme. Ad esempio, alla fine di luglio, il parlamento ha deciso di dare ai contribuenti inadempienti la possibilità di scaglionare i loro debiti in 120 rate mensili. Ora c’è una maggiore probabilità che anche loro paghino – dopo tutto, ci sono un totale di circa 104 miliardi di euro.

La tassa sugli immobili è stata drasticamente ridotta: del 30 percento per i redditi bassi , del 10 percento per i redditi alti. L’IVA per il settore turistico deve essere ridotta, l’imposta sulle società è prevista dal prossimo anno dal 28 al 24 percento in calo nel 2021, quindi al 20 percento.

Fonte: infografica MONDO

Mitsotakis ha molto spazio di manovra, poiché il suo predecessore Tsipras era molto economico. Di conseguenza, nonostante questi tagli fiscali, quest’anno la Grecia continuerà a raggiungere gli obiettivi finanziari dell’Unione europea (UE), un avanzo primario del 3,5% nel bilancio, vale a dire prima delle spese per pagamenti di interessi. E alcuni addirittura spingono ora piuttosto risparmiando un po ‘meno per favorire la crescita.display

Tuttavia, Mitsotakis vuole ottenere una maggiore crescita principalmente attraverso la privatizzazione – un’area che era in gran parte sotto il precedente governo socialista. Il focus principale è su due grandi progetti: da un lato, il sito dell’ex aeroporto Hellinikon di Atene.

Lì dovrebbe continuare dopo anni di ritardo. “Il volume totale degli investimenti è stimato in oltre otto miliardi di euro”, afferma Nicolas Roth del gruppo bancario svizzero REYL. “Lo sviluppo di questo sito privilegiato creerà un numero significativo di posti di lavoro durante il processo e dopo il suo completamento e diventerà sicuramente una nuova vetrina per la Grecia, sia per il turismo che per l’economia”.

“La Grecia non è ancora sopra la montagna”

D’altra parte, si tratta dello sviluppo del porto del Pireo. Lì, l’investitore cinese COSCO è già entrato nel 2016. Ora ci saranno un porto per yacht, hotel e un centro commerciale, nonché un terminal crociere aggiuntivo. Ciò comporta investimenti per circa 3,5 miliardi di euro. “La Grecia non è ancora in cima”, riassume Roth, “ma il partito al potere sembra avere un piano globale e sembra determinato a spingerlo”.

Tuttavia, non tutti condividono questo ottimismo, specialmente le agenzie di rating sono ancora caute. Secondo Scope, la Grecia ha fatto progressi da quando ha lasciato il pacchetto di salvataggio della zona euro un anno fa. “Ma l’economia soffre ancora di vincoli di crisi e i miglioramenti sono lenti”, afferma l’analista di Scope Jakob Suwalski.

Gli analisti considerano particolarmente problematica l’elevata percentuale di crediti deteriorati nel settore bancario greco, vale a dire i prestiti che non possono più essere serviti dai debitori. “Una soluzione rapida a questo problema è di fondamentale importanza per la crescita sostenibile”, osserva Suwalski. Poiché quasi la metà di tutti i prestiti in essere rientra ora in questa categoria e tali oneri le banche greche non riescono quasi a erogare nuovi prestiti, pertanto il volume del credito continua a diminuire.

Fonte: infografica MONDO

Anche se il governo sta lavorando anche a questo problema. Quindi dovrebbe eventualmente essere creata una banca in sofferenza, in cui i crediti in sofferenza sono quindi esternalizzati. Tuttavia, non è stata ancora trovata una soluzione finale. Inoltre, ci sono anche altri oneri. Questi includono, ad esempio, la bassa competitività di gran parte dell’economia, l’elevata disoccupazione e la fuga di cervelli.

L’ agenzia di rating Moody’s ha anche confermato il suo rating per la Grecia solo alla fine di agosto di quest’anno – e quindi non è migliorato, come sperato da Atene. Perché, secondo Moody’s, la Grecia ha attuato molte riforme negli ultimi anni. Ma “Coloro che hanno bisogno di cambiamenti istituzionali e culturali, come riorganizzare l’amministrazione o pagare le bollette, impiegheranno anni per vedere i risultati”, ha detto Moody’s. Quindi almeno Phoenix sembra essersi arrampicata fuori dalle ceneri, ma ci vorrà un po ‘prima che possa volare di nuovo correttamente.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.