N26: ingresso sul mercato svizzero con annuncio

Samuel Gerber finews.ch 3.9.19

(Immagine: annuncio N26)

(Immagine: annuncio N26)

D’ora in poi, la banca di smartphone tedesca offre anche i suoi servizi qui in Germania. Dove N26 vuole segnare per primo.

Le presunte 20.000 parti interessate della Svizzera N26 hanno ricevuto posta nella loro casella di posta: tramite un collegamento, ora possono aprire un conto con il berlinese Neobank.

Come annunciato dall’Istituto martedì sera, si tratta di un conto in euro, senza commissioni in valuta estera per i pagamenti con carta e la cui leadership è anche gratuita. Così i tedeschi iniziarono dopo alcuni ritardi in Svizzera.

Per il momento, fintech ha scelto una nicchia con il conto in euro. Il gruppo target di N26 in questo paese è, ad esempio, espatriati europei, lavoratori frontalieri, appassionati di digitale e clienti commerciali. Nel pacchetto svizzero sono presenti altri servizi come l’app di pagamento Apple Pay o il servizio di trasferimento digitale Transferwise. L’apertura dell’account avviene tramite smartphone e dura solo otto minuti secondo l’annuncio.

Conto pianificato in franchi

La banca di smartphone, che è ora attiva in 26 paesi, si aspetta dopo il segnale di partenza in questo paese con una rapida diffusione.

“Il nostro obiettivo è diventare il conto in euro più popolare in Svizzera”, ha commentato Georg Hauer, capo della regione di mercato Germania, Austria e Svizzera martedì. La futura base di clienti dovrebbe servire da base per un’ulteriore espansione nel paese, per cui è già stato preso in considerazione un conto in franchi svizzeri.

N26 opera senza un team locale e per ora senza una licenza bancaria svizzera. L’Autorità federale di vigilanza finanziaria tedesca (Bafin) è responsabile della regolamentazione della Neobank tedesca, il che significa per i clienti che trattano con una banca all’estero in tutte le questioni.Questo è anche il caso di eventuali complicazioni .

strategia Preisbrecher

Nel mercato svizzero uno ama l’unicorno tedesco Fintech, valutato 3,5 miliardi di dollari e sostiene di servire 1.300 dipendenti con 3,5 milioni di clienti, diverse cose. Tale è la diffusione relativamente ampia dei conti in euro, l’apertura alla tecnologia e le elevate commissioni bancarie.

Quest’ultimo, perché ora possono essere battuti in modo impressionante mediante una strategia di riduzione dei prezzi. D’altra parte, N26 può anche beneficiare della “isola ad alto prezzo” della Svizzera. La quota delle commissioni interbancarie nel traffico dei pagamenti è per l’istituto tedesco con l’1% cinque volte superiore rispetto all’Unione europea.