Campari ingoia rum della Martinica Trois Rivières e La Mauny

Marie-Josée Cougard lesechos.fr 5.9.19

I rum Trois Rivières e La Mauny sono caduti nella borsa del gruppo italiano per 60 milioni di euro. Campari, che ha avviato trattative esclusive con la società finanziaria Chevrillon e gli azionisti di minoranza il 20 luglio per acquistare Rhumantilles, ha chiuso l’accordo giovedì.

0601824301305_web_tete.jpg
Campari continua a sviluppare la sua presa sul mercato francese e sui cocktail.  
Dopo aver acquisito 
Grand Marnier nel giugno 2016 acquistando la società francese Marnier Lapostolle Products, il gruppo italiano ha firmato questo giovedì l’acquisizione di diversi rum Martinica – Three Rivers, La Mauny e Duquesne-, per 60 milioni euro. 
Ha avviato trattative esclusive il 20 luglio con  
la società finanziaria Chevrillon e gli azionisti di minoranza per l’acquisizione di Rhumantilles. 
Il gruppo spera di aver finalizzato la transazione nell’ultimo trimestre del 2019.
Rum sotto l’AOC
Campari ritiene di aver messo le mani su “marchi prestigiosi di rum agricolo” sviluppati in Martinica e afferma che “aumenta in modo significativo la sua massa critica in Francia. 
Un paese destinato a diventare uno dei suoi mercati strategici. 
Duquesne è principalmente consumato nelle Indie occidentali, mentre 
Trois Rivières e La Mauny sono anche ampiamente venduti nella Francia continentale. 
I rum della Martinica, che hanno una denominazione di origine (AOC), realizzano più di un quarto delle vendite di rum nei supermercati.
Crescita esterna
Fondata nel 1860 e con sede a Milano, Campari è un attore importante nel settore dell’alcool, dove è al sesto posto al mondo. 
Possiede un portafoglio di 50 marchi, tra cui Aperol, rum giamaicano Appleton Estate, Campari, vodka Skyy, whisky Wild Turkey del Kentucky e cognac Bisquit acquistati dal Sud Africa Distell nel 2017. Campari commercializza i suoi prodotti in 190 paesi in tutto il mondo. occupa una posizione chiave in Europa e in tutte le Americhe. 
Ha 18 fabbriche e dà lavoro a 3.700 persone.
Marie-Josée Cougard