Barclays declassa le sei banche dello stambecco prima della BCE

expansion.com 9.9.19

Immagine di loghi delle sei banche Ibex  ESPANSIONE

Il conto alla rovescia per la riunione della BCE di giovedì include una riduzione unanime della valutazione da parte di Barclays sulle sei banche dello stambecco. Nonostante i tagli, vedi spazio per forti rimbalzi in borsa, ad eccezione di Bankia e Bankinter.

Il settore finanziario attende con particolare aspettativa l’incontro della Banca centrale europea che, se non con una sorpresa capitalizzata, attiverà un nuovo ciclo di stimoli monetari. 

Gli analisti rimangono dubbiosi sulla possibilità di riprendere il loro programma di acquisto di debiti, ma non lasciano spazio a dubbi quando si prevede un taglio nella struttura di deposito . Il tasso applicato alle banche, fissato finora a -0,40%, potrebbe essere pari a -0,50% o addirittura a -0,60%.

La riduzione aumenterebbe ulteriormente la pressione sulle banche, al punto che il mercato apprezza l’opzione della BCE in qualche modo contrastando questa misura per il settore finanziario. La scorsa settimana Christine Lagarde, nominata per succedere a Mario Draghi alla guida della BCE, ha riconosciuto la necessità di valutare gli “effetti collaterali negativi” delle politiche di tipo zero.

In assenza di tre giorni per la riunione della BCE, gli analisti di Barclays riesaminano tutte le banche quotate sullo Ibex e, come al solito negli ultimi tempi, questa revisione si traduce in una riduzione unanime delle loro valutazioni .

L’adeguamento al ribasso dei prezzi obiettivo è ridotto. Nel caso di BBVA, è inferiore al 2%, mentre in Banco Sabadell, il più basso, è del 13%. Il numero limitato di questi tagli, insieme alle forti cadute subite nel mercato azionario negli ultimi mesi, consente alle nuove valutazioni di essere al di sopra della chiusura di venerdì presso le sei banche dello Stambecco.

In due delle sei banche analizzate, gli esperti di Barclays lasciano appena spazio per il rimbalzo. I 1,70 euro per azione fissati per Bankia sono solo dell’1% superiori alla chiusura di venerdì, mentre la valutazione di 5,70 euro su Bankinter limita il suo potenziale al 3%.

Lo scetticismo di Barclays sul margine di rimonta in Borsa Bankia e Bankinter contrasta con le prospettive molto più favorevoli che mescola per le altre quattro banche dello Stambecco. 

BBVA riceve la più piccola delle vendite di Barclays e la nuova valutazione, 5,40 euro per azione , lascia aumenti del 20% gratuiti dalla fine di venerdì scorso.

Le azioni del Banco Sabadell potrebbero tornare fino a quando la soglia in euro per azione non sarà appena recuperata , secondo gli analisti della società britannica. La riconquista di questo livello significherebbe una rivalutazione del 25%.

Ancora più forte aumenta il mazzo Barclays per Santander . Il nuovo prezzo target, 4,80 euro per azione rispetto ai 4,90 euro precedenti, rappresenta un potenziale al rialzo del 35% rispetto alla chiusura di venerdì scorso. La conquista di questo livello porterebbe la più grande banca spagnola al massimo per più di un anno.

La severa punizione accumulata dal settore negli ultimi tempi potrebbe portare a rivalutazioni tanto succose quanto il 50% previsto dagli analisti di Barclays su CaixaBank . La banca, che accumula perdite del 30% in borsa nel 2019, avrebbe potuto tracciare fino a 3,20 euro per azione , secondo la società di investimento britannica.