Lavori fittizi al Parlamento europeo: Bayrou e Sarnez ascoltati dalla polizia

Alexandre Rousset lesechos.fr 11.9.19

Il presidente del modem, François Bayrou, e il suo braccio destro, Marielle de Sarnez, sono stati ascoltati mercoledì dalla polizia giudiziaria sul caso di presunti lavori fittizi per i deputati. Martedì, il nuovo commissario europeo Sylvie Goulard è stato ascoltato nella stessa indagine.

0601856727969_web_tete.jpg

Secondo i dirigenti del modem, Marielle de Sarnez e François Bayrou sono sollevati di poter finalmente spiegare se stessi agli investigatori.

Dopo due anni di calma, è riemersa l’indagine su Modem degli eurodeputati. Da mercoledì mattina, il presidente del partito centrista Francois Bayrou e la sua mano destra Marielle de Sarnez sono ascoltati dalla polizia nel contesto del caso di presunti lavori fittizi al Parlamento europeo.

Un dossier in cui Sylvie Goulard, recentemente nominata commissaria europea per il mercato interno,  era stata ascoltata il giorno prima.

Arrivati ​​mercoledì mattina nei locali dell’ufficio centrale per la lotta alla corruzione e ai reati finanziari e fiscali (Oclciff) a Nanterre, i due leader politici sono ascoltati sotto l’udienza libera. Gli investigatori cercano di sapere se gli assistenti degli eurodeputati del modem non sono stati remunerati con fondi europei per lavorare all’interno della parte centrista.

Informazioni giudiziarie

La giustizia è interessata a questo caso dalla primavera del 2017, che ha spinto i ministri a timbrare il modem il primo governo Philippe (François Bayrou alla giustizia, Marielle de Sarnez agli affari europei e Sylvie Goulard alle forze armate) a rinunciare al Marocco a il giorno dopo le elezioni parlamentari. Un mese dopo, l’accusa ha aperto un’indagine giudiziaria  per “violazione della fiducia, occultamento della violazione della fiducia e truffe”.

Nell’autunno del 2017, i locali del modem erano stati perquisiti nell’ambito di questa indagine. Il caso non ha quindi registrato progressi significativi, deplorando François Bayrou anche nel 2018 “non si hanno più notizie di giustizia”. Mercoledì, i dirigenti del modem hanno affermato che i due leader del partito erano sollevati di poter finalmente spiegare se stessi agli investigatori.

Caso Goulard chiuso da Bruxelles

Tuttavia, la vicenda è rimbalzata in un momento delicato per Sylvie Goulard, che è stata nominata il giorno della sua audizione nella  squadra del nuovo presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Tuttavia, se la giustizia francese sta ancora lavorando a questa indagine, il Parlamento europeo ha annunciato alla fine di agosto che il caso relativo a Sylvie Goulard era chiuso. Secondo l’entourage dell’ex deputato al Parlamento europeo, a conferma delle  informazioni sul “Punto” , ha rimborsato 45.000 euro all’organismo europeo. Un importo corrispondente agli stipendi del suo ex assistente parlamentare.