La nuova BCE QE4EVA di Draghi è un errore. Ecco cosa avrebbe dovuto fare …

zerohedge.com 13.9.19


Autore di Daniel Lacalle via DLacalle.com,

La BCE sta creando una bolla pericolosa e non dovrebbe aver tagliato i tassi di 10 pb né aggiunto un nuovo programma di acquisti di € 20 miliardi al mese.

1) Gli stati dell’Eurozona si stanno già finanziando a tassi negativi. Non sono necessarie aliquote più basse e ciò nasconde un rischio reale.

Ciò ha consentito ai governi di risparmiare oltre 1 trilione di euro in spese per interessi ( handelsblatt.com/today/finance/… )

2) La BCE non ha abbandonato il suo stimolo. Riacquista tutte le scadenze, ha lanciato un’iniezione di liquidità (TLTRO) a marzo 2019 e il bilancio rappresenta quasi il 40% del PIL dell’eurozona.

3) L’eccesso di liquidità è di 1,7 trilioni di euro. Più liquidità non porta gli agenti a spendere / investire di più.

Non esiste una domanda di credito solvente più elevata perché la politica monetaria perpetua l’eccesso di capacità e zombifica l’economia. La quota di aziende zombi è aumentata del 30% dal 2013 (BRI)

4) I tassi di interesse sono già negativi. Ciò ha causato una perdita di 23 miliardi di euro per le banche (secondo Scope Ratings) e un preoccupante aumento della domanda di debito spazzatura.

5) Non vi sono prove della necessità di una maggiore crescita del credito. Piuttosto il contrario.

La BCE ritiene che il problema dell’eurozona sia un eccesso di risparmio e una mancanza di domanda quando si tratta di un eccesso di debito e di un’offerta eccessiva.

6) I tassi negativi zombificano l’economia e rappresentano un massiccio trasferimento di ricchezza dai risparmiatori e dai settori produttivi a quelli indebitati e inefficienti.

7) La BCE accumula già una quantità sproporzionata di debito sovrano nonché obbligazioni societarie di emittenti che non hanno mai avuto problemi a finanziarsi a tassi bassi.

Questo nasconde il rischio e crea un’enorme bolla.

8) Il problema della zona euro non è quello della mancanza di stimoli, ma di un eccesso di essi.

I governi caricano il settore privato produttivo con tasse più elevate e regolamenti superflui, quindi la sorpresa economica cade nonostante lo stimolo massiccio.

9) Quando questo fallisce o, anche peggio, esplode, i pianificatori centrali incolperanno probabilmente i “mercati” o la “mancanza di stimolo” da ripetere.

10) Dire che i tassi negativi sono “richiesti” dagli investitori è una scusa triste.

La repressione finanziaria porta gli agenti economici ad assumersi maggiori rischi per i rendimenti più bassi e le banche centrali passano da istituti di credito di ultima istanza a attivatori di bolle finanziarie .

La BCE dovrebbe avere:

  • Aumentato modestamente i tassi per mostrare segni di normalizzazione avvicinando i tassi all’inflazione, oltre a dare l’opportunità di capire qual è la domanda reale nel mercato secondario delle obbligazioni sovrane.
  • Condizionare tutti gli acquisti di attività da parte dei governi che attuano riforme strutturali e realizzano obiettivi di deficit.
  • Reindirizzato le immissioni di liquidità a un ampio sistema di acquisto di attività per requisiti specifici con un impegno di dividendo e solvibilità da parte di entità finanziarie (così la BCE recupera liquidità in dividendi) ed elimina il tasso negativo sui depositi .
  • Maggiori dettagli sugli orientamenti avanzati per monitorare il livello di successo delle misure.