DOJ accusa il trading desk di metalli preziosi di JPMorgan di essere un’impresa criminale

zerohedge.com 16.9.19

Chi avrebbe mai pensato che il trading desk dei metalli preziosi di JPMorgan fosse l’equivalente funzionale della mafia e che il suo capo una volta, Blythe Masters, fosse il don della mafia?

Bene, quasi tutti quelli a cui non importava di essere designato teorico della cospirazione per anni. E ora arriva la rivendicazione, perché questo è stato appena confermato dal DOJ, che ha accusato i banchi commerciali PM di JPMorgan di essere profondamente coinvolti in quello che i pubblici ministeri descrivevano come “un massiccio piano pluriennale per manipolare il mercato dei contratti futures sui metalli preziosi e frodare il mercato i partecipanti.”

In un atto di accusa rinviato lunedì mattina, il DoJ ha accusato Michael Nowak, un veterano di JPMorgan ed ex capo del suo banco di commercio dei metalli preziosi e Gregg Smith, un altro commerciante del banco di metalli di JPM, nella sonda. (Blythe Masters è stato in qualche modo omesso).

“Basato sul fatto che era una condotta diffusa sulla scrivania, è stata coinvolta in migliaia di episodi per un periodo di otto anni – che è proprio il tipo di condotta che lo statuto di RICO dovrebbe punire”, Il vice procuratore generale Brian Benczkowski ha detto ai giornalisti.

Ecco dove diventa ancora più interessante: secondo Bloomberg , il linguaggio insolitamente aggressivo adottato dai pubblici ministeri ricorda agli esperti legali le accuse che utilizzano la legge RICO – una legge che consente ai pubblici ministeri di abbattere “imprese criminali” come la mafia accusando tutti i membri dell’organizzazione per eventuali reati commessi da un individuo per conto dell’organizzazione.

I pubblici ministeri hanno accusato il capo dell’operazione globale di scambio di metalli di JP Morgan e altri due trader con “cospirazione per condurre gli affari di un’impresa coinvolta nel commercio interstatale o estero attraverso un modello di attività di racket” – linguaggio che viene generalmente utilizzato per descrivere un addebito RICO.

Ciò suggerisce la possibilità di un procedimento giudiziario più profondo nei confronti di JP Morgan. Già, 12 persone sono state accusate della cospirazione del mercato dei metalli preziosi.

“Seguiremo i fatti ovunque conducano, che si tratti di banchi qui o in qualsiasi altra banca o verso l’istituto finanziario”, ha detto Benczkowski.

Non è chiaro cosa stia pianificando il DoJ, ma stanno chiaramente mantenendo aperte le loro opzioni.

Tornando indietro all’accusa, sia Smith che Nowak sono stati messi in congedo durante l’estate mentre le indagini del DoJ si stavano avvicinando alla conclusione .

Un terzo commerciante di nome nell’accusa, Christopher Jordan, ha scambiato metalli preziosi presso JPM fino alla sua partenza nel dicembre 2009. Successivamente ha scambiato metalli preziosi presso altre due banche, Credit Suisse e First New York.

In un comunicato stampa che accompagna l’accusa, l’assistente procuratore generale ha accusato tutti e tre gli uomini di intrighi per manipolare il mercato dei metalli preziosi, danneggiando potenzialmente i clienti della loro banca.

“Gli imputati e altri presumibilmente hanno intrapreso un massiccio piano pluriennale per manipolare il mercato dei contratti futures sui metalli preziosi e frodare i partecipanti al mercato”, ha affermato il vice procuratore generale Brian A. Benczkowski. “Queste accuse non dovrebbero lasciare dubbi sul fatto che il Dipartimento sia impegnato a perseguire coloro che minano la fiducia del pubblico investitore nell’integrità dei nostri mercati delle materie prime”.

William Sweeney, vicedirettore responsabile del Field Office dell’FBI a New York, ha aggiunto che questa manipolazione probabilmente ha avuto un impatto su “mercati correlati e clienti della banca che rappresentavano”.

“Smith, Nowak, Giordania e i loro co-cospiratori presumibilmente hanno intrapreso un piano complesso per scambiare metalli preziosi in un modo che ha influenzato negativamente il naturale equilibrio tra domanda e offerta”, ha affermato il vicedirettore dell’FBI William F. Sweeney Jr dell’ufficio di campo di New York dell’FBI. “Non solo il loro presunto comportamento ha influenzato i mercati dei metalli preziosi, ma anche i mercati correlati e i clienti della banca che rappresentavano. Fino a quando continueremo a vedere questo tipo di attività illegale sul mercato, rimarremo dedicati a indagare e consegnare alla giustizia coloro che perpetrano questi crimini “.

Secondo Bloomberg , altre tre banche – Deutsche Bank, HSBC e UBS – hanno concordato di pagare $ 50 milioni (in totale) per liquidare le rivendicazioni civili da parte della CFTC. Due ex dipendenti di JPM che si sono dichiarati colpevoli e hanno fornito prove contro i loro ex colleghi che sono stati utilizzati nell’accusa.

“Mentre in JPMorgan sono stato incaricato dai supervisori e da altri trader senior di negoziare in un certo modo, in particolare di effettuare ordini che intendevo annullare prima dell’esecuzione”, ha dichiarato un ex trader John Edmonds durante un’audizione dell’ottobre 2018 dopo essersi dichiarato colpevole di frode in materie prime e cospirazione, riferisce BBG.

Il comportamento risale a più di 10 anni prima del 2009, secondo i registri delle chat mostrati nell’accusa. Le conversazioni esposte nei registri della chat mostrano quanto sia palese la manipolazione e quanto poco hanno fatto i trader per nasconderlo.

Uno dei trader che hanno partecipato alla chat mostrata sopra era Christian Trunz, che ha scambiato metalli preziosi a Bearn Stearns prima di unirsi a JP Morgan dopo la crisi. Il mese scorso ha detto a un giudice federale che questo tipo di comportamento è stato apertamente incoraggiato nei banchi commerciali di JPM per circa un decennio e che altri commercianti gli hanno insegnato come farlo. Si è dichiarato colpevole di accuse di frode federali il 20 agosto, riferisce BBG .

Un altro operatore ha dichiarato durante un’udienza che gli era stato ordinato di aumentare il prezzo dei contratti futures collocando, quindi annullando, gli ordini di offerta (la definizione letterale di spoofing) che non aveva mai avuto intenzione di riempire.

“Mi è stato chiesto che se un cliente desiderasse vendere futures dovrei contemporaneamente fare entrambe le offerte e le offerte con l’intento di annullare le offerte prima dell’esecuzione”, ha detto Edmonds durante la sua udienza.

Edmonds ha affermato che lo scopo era quello di trasmettere falsamente informazioni sulla liquidità e sui prezzi al fine di ingannare gli altri partecipanti al mercato in merito all’offerta e alla domanda in modo da scambiare con gli ordini che JPMorgan voleva eseguire.

“Abbiamo creato attività di mercato che hanno aumentato artificialmente il prezzo di vendita e indotto altri partecipanti al mercato ad acquistare a un prezzo gonfiato”, ha affermato. Edmonds ha siglato un accordo di cooperazione con la CFTC a luglio.

Dalla crisi, i regolatori di tutto il mondo hanno represso la manipolazione dei tassi, del forex e dei mercati dei titoli di Stato, quindi non è esattamente una sorpresa che questo tipo di comportamento si stesse verificando anche nei metalli preziosi. Ma la sfacciataggine con cui i commercianti impegnati in tale manipolazione suggerisce che non sapessero cosa stavano facendo era illegale o sbagliata, il che, almeno in alcuni casi, è probabilmente vero.



L’aggressività di questa sonda di manipolazione è notevole dato che il governo ha perso gli ultimi due casi di manipolazione in tribunale. Il DoJ sta cercando di dimostrare che è “imperterrito e sta diventando sempre più, non meno aggressivo” nel reprimere la manipolazione del mercato “.

Leggi l’accusa completa di seguito: