Operazione di ritorno Il Cervino dovrebbe portare a casa gli ospiti Fallimento: 600.000 vacanzieri Thomas Cook colpiti in tutto il mondo

blick.ch 23.9.19

Il secondo tour operator più grande al mondo, Thomas Cook, ha presentato istanza di fallimento. 600.000 viaggiatori, compresi gli svizzeri, sono preoccupati per il loro viaggio di ritorno. Le conseguenze per il mercato dei viaggi svizzero non sono ancora chiare.

Ultime notizie da Londra: la BBC ha annunciato lunedì che è stata avviata un’operazione di ritorno per i vacanzieri nome in codice Matterhorn.


Questo, dopo i negoziati dell’ultimo minuto non è riuscito a salvare Thomas Cook, la seconda compagnia di viaggi più grande del mondo. 
L’operazione di Thomas Cook è stata interrotta nel Regno Unito con effetto immediato. 
La società di lunga data ha presentato istanza di fallimento. 
22.000 posti di lavoro in 16 paesi sono interessati in tutto il mondo.
Le filiali tedesche di tour operator, che includono marchi come Neckermann Reisen, Bucher Last Minute, Öger Tours, Air Marin e Thomas Cook Signature, hanno completamente interrotto la vendita dei viaggi secondo le proprie informazioni. 
Non si può garantire che i viaggi prenotati abbiano luogo con data di partenza il 23 e 24 settembre, ha annunciato Thomas Cook GmbH in mattinata a Oberursel, vicino a Francoforte. 
La stessa dichiarazione può essere ottenuta scegliendo il numero di telefono svizzero di Thomas Cook.
Il fallimento del gruppo colpisce un totale di circa 600.000 ospiti per le vacanze, compresi gli svizzeri, che sono bloccati nelle loro destinazioni di vacanza. 
Inoltre, perdono le prenotazioni future di un altro milione di clienti, come riportato dai media britannici. 
Secondo Thomas Cook GmbH, ci sono attualmente 140.000 turisti che viaggiano con tour operator tedeschi di Thomas Cook. 
Inoltre, circa 21.000 persone volevano viaggiare con l’azienda il lunedì e il martedì.
Anche le azioni di Thomas Cook furono immediatamente prive di valore:
Thomas Cook
@ThomasCookUK



We are sorry to announce that Thomas Cook has ceased trading with immediate effect.

This account will not be monitored.

Please visit http://thomascook.caa.co.uk  for further advice and information.#ThomasCook


4.246

04:00 – 23. Sept. 2019
Twitter Ads Info und Datenschutz

5.165 Nutzer sprechen darüber



«Cervino» – il più grande movimento di rimpatrio in tempo di pace
Per gli inglesi, l’operazione Matterhorn ha iniziato il più grande rimpatrio in tempo di pace per portare a casa i vacanzieri. 
Un totale di 150.000 britannici sono interessati. 
Tutti i voli del gruppo turistico sono stati cancellati, ha informato la compagnia aerea britannica nella notte di lunedì. 
Inizia una campagna di ritorno per i vacanzieri. 
Già di domenica, aerei vuoti si sono fatti strada all’estero per portare i turisti a casa lunedì.
Il destino degli altri vacanzieri inizialmente non è stato chiaro, ma “Condor mantiene le operazioni di volo”, ha detto la compagnia aerea domenica sera tardi sul servizio di notizie Twitter.
In un annuncio di lunedì mattina, si afferma che “i voli Condor continuano a funzionare nonostante la capogruppo Thomas Cook Group abbia presentato istanza di fallimento”. 
Al fine di evitare strozzature di liquidità presso Condor, era stato richiesto un prestito ponte garantito dal governo. 
Questo sarebbe attualmente esaminato dal governo federale, continua.
Attualmente, ci sono dozzine di aeromobili nel gruppo per l’aereo di vacanza tedesco Condor in uso. 
Dei 105 aerei Thomas Cook, 58 volano per Condor.
Gli hotel considerano i vacanzieri “ostaggi”
Mentre Thomas Cook negoziava per la sua sopravvivenza, alcuni hotel tenevano addirittura alcuni “ostaggi”, anche se i vacanzieri avevano già pagato le loro vacanze. 
I gestori degli hotel temevano che non avrebbero ricevuto più denaro dal tour operator minacciato di fallimento. 
Gli ospiti sono stati rinchiusi negli hotel, le guardie di sicurezza motorizzate hanno guidato le pattuglie sulla spiaggia, hanno riferito “l’immagine” tedesca. 
In modo che i turisti non possano fuggire. 
Quindi anche all’Hotel Les Oranges in Tunisia, come 
riportato da 
BLICK .
“Un uomo dall’Irlanda ha provato a parlare con le forze di sicurezza, dicendo che voleva andare a casa, voleva solo andare a casa”, ha detto il vacanziere britannico Ryan Farmer al quotidiano britannico Daily Mail. 
“Puoi farci uscire? 
Lo guardarono, ridevano e tenevano chiuse le porte. 
Quattro forze di sicurezza tengono chiuse le porte. 
Lo descriverei come un ostaggio “, ha detto Farmer al giornale.
Le figlie del cuoco tedesco interrompono le vendite
Non è ancora chiaro cosa significhi il fallimento di Thomas Cook per il mercato dei viaggi svizzero. 
Le figlie dell’organizzatore tedesco hanno completamente interrotto la vendita di viaggi secondo le proprie informazioni.
“La società sta attualmente esplorando le ultime opzioni”, ha affermato. 
Se queste opzioni falliscono, la direzione è costretta a presentare domanda di fallimento per Thomas Cook GmbH e altre società.
Ciò interesserebbe anche i turisti svizzeri. 
Inizialmente non sono pervenuti commenti dalla filiale svizzera Thomas Cook.
Tentativo di salvataggio fallito
Di recente, mancavano circa 200 milioni di sterline per la salvezza di Thomas Cook. 
Il ministro degli Esteri britannico, Dominic Raab, ha dichiarato che sono in preparazione piani di emergenza per riportare a casa i turisti bloccati. 
Le banche hanno richiesto 200 milioni di sterline 
oltre a un pacchetto di salvataggio 
già negoziato da 900 milioni di sterline (poco meno di un miliardo di euro).
Il tour operator Thomas Cook, fondato nel 1841, gestisce hotel, villaggi turistici, compagnie aeree e organizza crociere.
Thomas Cook era sempre stato in difficoltà negli ultimi anni. 
Già nel 2012, diverse banche hanno salvato il gruppo da immense svalutazioni sui sistemi aziendali e IT del Regno Unito con denaro fresco. 
Questo è un altro motivo per cui Thomas Cook è seduto su una montagna di debiti per miliardi e geme sotto l’alto onere degli interessi.


La recente concorrenza sui prezzi nel settore dei viaggi e delle compagnie aeree ha accentuato la difficoltà, così come l’incertezza che circonda la Brexit, che smorza la gioia delle vacanze della sua clientela britannica. 
(KES / JFR / SDA)