La Fiat condivide la caduta dopo che GM ha intentato un’azione legale contro il racket accusando “Milioni di tangenti” di corrompere UAW

zerohedge.com 20.11.19


“Corruzione” e “quid pro quo” sono certamente le parole d’ordine dell’autunno, come hanno scoperto prima il presidente e ora Fiat Chrysler .

Nell’ultima sorprendente svolta che attanaglia il travagliato settore automobilistico, alcuni momenti fa la General Motors ha intentato una causa federale contro il racket contro la Fiat Chrysler e i suoi ex dirigenti tra cui il suo ex CEO ormai defunto, il defunto Sergio Marchionne, secondo la CNBC . La causa sostiene che la casa automobilistica italiana ha corrotto i funzionari UAW per ricevere condizioni più favorevoli durante i negoziati sul lavoro.

GM ha detto che cercherà “danni sostanziali” da FCA, ma non ha specificato un importo.

Il consigliere generale di GM, Craig Glidden, ha commentato: “Questa azione legale è intesa a rendere la FCA responsabile del danno che le sue azioni hanno causato alla nostra azienda e garantire condizioni di parità in futuro”.

Le azioni di Fiat Chrysler sono crollate durante le negoziazioni di mezzogiorno di mercoledì in risposta alla notizia:

La General Motors sostiene che la Fiat ha corrotto gli accordi di contrattazione collettiva tra GM e UAW nel 2009, 2011 e 2015 pagando milioni di dollari in tangenti.

La dichiarazione di General Motors continua:

“FCA è stato il chiaro sponsor di azioni illecite pervasive, pagando milioni di dollari in tangenti per ottenere benefici, concessioni e vantaggi nella negoziazione, attuazione e amministrazione degli accordi sul lavoro nel tempo.”

La dichiarazione continua: “FCA ha corrotto l’attuazione dell’accordo di contrattazione collettiva del 2009. Ha inoltre corrotto la negoziazione, l’attuazione e l’amministrazione degli accordi del 2011 e 2015. La manipolazione del processo di contrattazione collettiva da parte di FCA ha comportato ingiusti costi del lavoro e vantaggi operativi, causando danno a GM “.

Quest’estate abbiamo riferito che l’FBI aveva fatto irruzione nella casa del presidente della UAW come parte di una continua indagine sulla corruzione nel sindacato.

La General Motors ha recentemente ottenuto un contratto di lavoro con la UAW in ottobre, ponendo fine a uno dei più lunghi scioperi nella storia dell’azienda.