Aramco IPO: improvvisamente fuorigioco del Credit Suisse

finews.ch 21.11.19

La scarsa domanda internazionale di azioni del colosso petrolifero saudita Aramco ha conseguenze per il Credit Suisse. Perde il suo ruolo di co-lead bank.

Una grande IPO richiede molte banche che coordinano la domanda di azioni. È così che il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman ha pensato quando ha lanciato l’IPO di Saudi Aramco, una compagnia petrolifera statale, circa quattro anni fa, con l’obiettivo di ottenere un valore record di $ 2 trilioni di dollari. L’Arabia Saudita ha quindi selezionato nove banche d’investimento come coordinatori globali, tra cui il Credit Suisse.

Ora l’IPO non è così grande. Con la comunità degli investimenti internazionali che mostra poco entusiasmo nel soddisfare i requisiti di prezzo elevati per le azioni Aramco, i coordinatori globali non ne hanno più bisogno.

Solo domanda locale

Come il “Financial Times” (articolo servizio a pagamento) ha scritto il Giovedi, solo la HSBC britannico e le banche locali NCB Capital e Capital Samba coordineranno gli interessi di acquisto degli investitori. Il CS è improvvisamente in fuorigioco, insieme ad altre banche di investimento come JP Morgan e Morgan Stanley.

Le azioni sono ora vendute principalmente in Arabia Saudita e agli investitori in Medio Oriente. L’1,5 percento delle azioni di Aramco è negoziato e dovrebbe incassare circa $ 25 miliardi.