Come sfruttare i dividendi attraverso i fondi

S. PÉREZ expansion.com 24.11.19

I fondi comuni di investimento globali specializzati in società di dividendi ad alto rendimento possono essere una buona opzione in un ambiente a bassa crescita.

L’OCSE di giovedì ha ridotto le previsioni di crescita globale per quest’anno e il 2020 al 2,9%, il più basso dalla crisi finanziaria. E non vede miglioramenti entro il 2021 a causa della persistente minaccia di tensioni commerciali, ha avvertito l’agenzia multilaterale. Il mercato ha assunto questo scenario per mesi e va ancora oltre.

Oltre al protezionismo, i cambiamenti demografici, l’indebitamento gigantesco e le tendenze dirompenti (ecologia, intelligenza artificiale … e così via) stanno plasmando un mondo di bassa crescita, senza inflazione, che le imprese di investimento utilizzano nelle loro relazioni prospettiche per il 2020. Come trarre vantaggio dall’investimento, con un certo margine di sicurezza, se lo scenario dei tassi ultra bassi è cronologico e tenendo conto che la borsa mondiale sfrega sui massimi storici? L’MSCI ACWI, che comprende 2.853 aziende di 49 paesi, è stato scambiato ieri a poco più dell’1% del suo record di gennaio 2018.

Scommettere sui dividendi è una delle strategie che gli esperti raccomandano. BNY Mellon Investment Management sottolinea “l’enorme importanza dei dividendi” in un ambiente di maggiore volatilità e bassa crescita. O se aumentano i rischi economici, aggiungono gli strateghi di UBS. Tieni presente che “il vero dividendo in un mondo di bassa inflazione è più elevato”, afferma Sasha Evers, CEO di BNY Mellon IM per Iberia e America Latina. E anche che “il dividendo tangibile è la componente più importante della redditività degli scambi”, aggiunge questo esperto.

Il team strategico globale di Citi assicura che “gli scambi seguono i dividendi”. I mercati globali sono aumentati del 7% ogni anno dal 2010 perché i dividendi globali sono aumentati del 7% circa dal 2010, dicono.

Fondi di investimento specializzati in società di dividendi ad alto rendimento possono essere una buona opzione in questo momento. I prodotti globali moltiplicano le opzioni di diversificazione.

“Ci sono due scuole per quanto riguarda il dividendo: quella che enfatizza la sua crescita e quella che enfatizza la sostenibilità, cioè le società che hanno pagato molto”, spiega Evers. Il fondo BNY Mellon Global Equity Income , lanciato nel 2010, segue la seconda filosofia nella ricerca dei valori che lo compongono. “Dà un segno di disciplina all’allocazione del capitale dell’azienda”, giustifica Evers.

Il portafoglio del fondo, che aumenta di oltre il 24% in euro nel 2019 e offre un rendimento annualizzato a 3 anni del 9,36%, è composto da meno di 70 azioni, senza alcuna restrizione per paesi o settori di attività. Ciò che i gestori di questo fondo stanno cercando sono le società con pagamenti sostenibili che offrono un rendimento da dividendi superiore del 25% rispetto all’indice FTSE World TR. Quando il rendimento scende al di sotto di quello riflesso nel benchmark, il valore viene venduto senza riflettere anche se alla compagnia piace. “Un movimento di questo tipo viene di solito prodotto perché ha aumentato la sua valutazione. Devi avere disciplina sia nell’acquisto che nella vendita”, afferma Evers. Cisco, Pepsico, Informa e Qualcomm sono le sue posizioni più importanti.

Il fondo più redditizio di questa categoria in Morningstar (azioni globali ad alto dividendo) nel 2019 è il Global Dividend Fund C Eur di JPMorgan, con un rendimento del 26,46%. Microsoft, Taiwan Semiconductor e Coca-Cola hanno il peso maggiore nel loro portafoglio: se si considera la media di 3 anni, il leader è il Global Equity Income Fund e Acc USD di Fideli-ty, con l’11,83%. Le sue scommesse principali sono Deutsche Boerse, Wolters Kluwer e Procter & Gamble .

criteri

I gestori del fondo UBS Global High Dividend non si concentrano solo su società con dividendi elevati. Tengono inoltre conto di una serie di criteri di qualità: sostenibilità del dividendo, redditività della società, indebitamento, dimensione, stabilità del prezzo delle azioni e così via. Il portafoglio è composto da una selezione di circa cento titoli degli oltre 2.800 che compongono MSCI ACWI, dopo un processo di ottimizzazione basato su punteggi di dividendi e qualità, rischio e altri parametri, spiegati nella gestione. Gli Stati Uniti hanno un peso del 44% nella distribuzione geografica del portafoglio, dove banche, compagnie petrolifere, assicurazioni e compagnie farmaceutiche hanno la presenza maggiore. Questo fondo aumenta di oltre il 17% nel 2019 e l’8,66% annualizzato in tre anni.

Centrato in Europa, il fondo Schroder ISF European Dividend Maximer , che ha rivalutato il 10,6% dal 1 ° gennaio e una media del 4,94% in tre anni, ha due fonti di reddito. Da un lato, il reddito organico ottenuto attraverso i dividendi, con un obiettivo di rendimento annuo di circa il 3,5%. D’altra parte, una strategia di “opzioni di acquisto coperte” per ottimizzare le entrate. “Sono una delle strategie derivate più semplici e con un rischio inferiore rispetto ad altri strumenti derivati”, sostengono nell’azienda. Ciò consente loro di aumentare la redditività annuale di un altro 3,5%. Sanofi, Eni e South 32 sono le posizioni più importanti del fondo