FERRAGNI-MORGESE, SECONDO ROUND.

andreagiacobino.com 25.11.19

Lo scontro tra Chiara Ferragni e l’imprenditore pugliese Pasquale Morgese che produce la linea di scarpe Chiara Ferragni Shoes, si fa più acceso. Dopo le divergenze registrate nella scorsa primavera durante l’assemblea di Tbs Crew, l’azienda che gestisce il blog The Blonde Salad, ora le posizioni contrarie fra i soci si sono cristallizzate anche in Serendipity, azienda commerciale che incassa le royalties. Va detto che Morgese è socio sia di Tbs Crew col 45% sia di Serendipity col 27,5% avendo rilevato le quote di entrambe le società da Riccardo Pozzoli, ex fidanzato della Ferragni, attraverso i veicoli Esuriens e N1. In Tbs Crew la Ferragni è socio di controllo col 55% mentre in Serendipity ha il 32,5% e la quota di maggioranza relativa del 40% è della Alchimia di Paolo Barletta, nel cui capitale è recentemente entrata col 12% la Annabel Holding di Nicola Bulgari, già proprietario col fratello Paolo dell’omonima azienda di alta oreficeria venduta a Lvmh.

Qualche giorno fa si è riunita a Milano l’assemblea di Serendipity, presieduta da Barletta, che doveva provvedere alla nomina di un nuovo consigliere d’amministrazione vista le dimissioni di Alessandro Marina, già uscito nei mesi scorsi dal cda di Tbs Crew. Il socio Ferragni (che è anche amministratore delegato) ha proposto di sostituirlo con Fabio Maria Damato (general manager di Chiara Ferragni Collection e di The Blonde Salad), che ha appena rimpiazzato Marina in Tbs Crew, mentre l’azionista Morgese ha proposto la nomina di Guido Zaffaroni, pure nel cda di Tbs Crew. Al momento del voto Alchimia e la fashion blogger mettendo insieme il loro 72,5% hanno però prevalso e Damato è così diventato il terzo consigliere. Nel 2018 Serendipity ha realizzato ricavi per 1,6 milioni (1,7 nel 2016) con un utile netto sceso anno su anno da 273mila a 193mila euro, interamente riportato a nuovo.