Santander prepara il suo sbarco in Grecia attraverso un bilancio

SERVIMEDIA expansion.com 1.12.19

BANCARIO

Santander prepara il suo sbarco in Grecia attraverso un bilancio

SERVIMEDIA

1 dic 2019-10 : 43

Il presidente della Santander Bank Ana Patricia Botín. ESPANSIONE NOTIZIE BLOOMBERG

Santander prepara il suo ingresso in Grecia attraverso un nuovo istituto finanziario, che è la formula storicamente utilizzata dal gruppo per sbarcare in un nuovo mercato e incontrarlo prima di intraprendere ulteriori passi nel settore bancario commerciale.

Per fondare la società nel paese ellenico, la banca fa affidamento sulla società di servizi professionali Ernst & Young (EY), secondo fonti di solventi, sebbene a Santander abbiano eluso qualsiasi commento.

Il gruppo conosce il mercato ellenico, anche indirettamente. Union of Real Estate Credits (UCI), la società finanziaria che condivide con BNP Paribas, era operativa nel paese tra il 2004 e il 2011, quando ha deciso di interrompere l’attività a causa dell’alta delinquenza causata dalla forte recessione in Grecia e attualmente opera con una società di gestione di beni preclusi.

La crisi del debito sovrano ad Atene è scoppiata nel 2009 e ha messo sotto controllo l’euro, portando a una “grande recessione” con un forte impatto sull’economia e sul suo sistema finanziario, dove è stato addirittura istituito il “corralito” finanziario per evitare che crollo a causa di corse di deposito.

Dalla primavera del 2010, il governo ellenico ha adottato un programma di austerità imposto dalla Troika per salvare il paese, con gravi adeguamenti dei costi, riforme e privatizzazioni che hanno dato energia all’economia. Ora sta riparando in anticipo il salvataggio del Fondo monetario internazionale (FMI) e questa agenzia prevede che il suo PIL crescerà dell’1,8% quest’anno e a tassi del 2,3% e 2% durante il prossimo biennio. Prevede che lo sciopero, che è salito al 30%, finirà quest’anno al 17,5 e scenderà al 14,4% nel 2021.

Il sistema bancario pesa ancora circa il 40% in ritardo, ma con le aspettative di ridurlo sostanzialmente con il “Progetto Hercules” approvato dall’Europa in ottobre, simile al Sareb o “bad bank” spagnolo.

Durante la crisi le banche straniere hanno chiuso le candele nel paese, in particolare le banche francesi, più stabilizzate. Altri ora assumono posizioni come la Bank of China e la Industrial and Commercial Bank of China, che stabiliranno una filiale in un paese che è diventato la destinazione di molti investimenti asiatici; e alcuni finanzieri italiani.

Santander ha tradizionalmente utilizzato l’attività di credito al consumo per entrare in nuovi mercati. Il credito al consumo ti consente di conoscere un paese prima, se necessario, di fare il passo per sviluppare una banca nella sua interezza.

15 paesi

È un business in cui le banche scommettono chiaramente sui loro margini migliori con i tassi attuali allo zero per cento. Santander opera con società finanziarie su entrambe le sponde dell’Atlantico, con Santander Consumer Finance che è la più grande società finanziaria in Europa, con operazioni in 15 paesi.

Santander Consumer lavora con 19,2 milioni di clienti (il gruppo nel suo complesso ha 144 milioni in tutto il mondo) e fino a settembre ha avuto un rendimento medio delle attività totali o RoTE del 15,5% rispetto all’11,9% del gruppo.

Tra gennaio e settembre, questo braccio finanziario ha contribuito con 995 milioni dei 3.732 milioni di euro ottenuti nell’utile attribuito dal gruppo, posizionandosi come terza unità più importante dopo Brasile (2.249 milioni di utile), Spagna (1.185 milioni) e per nel Regno Unito (828 milioni), in Messico (659 milioni) o negli Stati Uniti, con 618 milioni.

Il suo portafoglio crediti è aumentato a settembre al 7% su base annua, con 100.463 milioni finanziati e con progressi del 5% nel finanziamento di auto nuove anche se le vendite di veicoli europei sono diminuite del 2%.

Nell’ultima presentazione del risultato, quello finanziario ha segnato tra i suoi obiettivi la promozione degli accordi con i principali rivenditori e fintech, oltre al suo modello di finanziamento digitale. Attualmente collabora con 130.000 punti vendita con partner e ha oltre 115 accordi con case automobilistiche e motociclistiche.

È una delle unità più attive nelle operazioni aziendali del gruppo. Finora quest’anno ha realizzato, tra gli altri, l’acquisto di Forso Nordic, un finanziatore del gruppo Ford con sede in Svezia e filiali in Danimarca e Norvegia, e ha creato una joint venture con Telecom Italia e Hyundai Bank.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.