Un portafoglio di fondi atipici per prepararsi alla pensione

SANDRA SÁNCHEZ expansion.com 7.12.19

ESPANSIONE DA SOGNO

Gli esperti consigliano di creare cestini con una maggiore esposizione al rischio attraverso lo scambio. Mentre insistono sul fatto che i fondi di debito non valgono la pena di assicurarsi un reddito.

Oltre ai piani pensionistici, gli esperti indicano altri veicoli di investimento per incanalare i risparmi per la pensione. E comunque, per ottenere rendimenti più alti e più interessanti.

I fondi di investimento, con un rendimento medio superiore a quello ottenuto dai piani pensionistici, possono essere un’opzione perfetta per integrare i risparmi, grazie alla loro liquidità giornaliera, alla facilità che offrono per costruire portafogli diversificati e al vantaggio di consentire loro di cambiare di prodotto senza pagarlo.

Storicamente, i consulenti hanno raccomandato ai risparmiatori di aumentare il rischio nel loro investimento in fondi più a lungo il termine disponibile fino al ritiro previsto. Tuttavia, il contesto attuale ha fatto in modo di iniziare a risparmiare per la pensione in modo particolarmente atipico.

Pertanto, se i fondi azionari sono stati la stella nella parte dei portafogli destinati a risparmiare denaro per la pensione (soprattutto tra i partecipanti con più anni in anticipo fino alla pensione), il peso ora, come suggeriscono gli esperti , dovrebbe essere molto più vecchio. “Siamo consapevoli che l’attuale contesto di tassi negativi continuerà nel tempo e che gli investimenti a lungo termine devono essere adattati ad esso”, raccomanda Patricia Justo, direttrice di Fund Selection of A&G Private Banking.

megatrend

A questo proposito, i gestori di fondi assicurano che le azioni siano le migliori attività considerando il loro rapporto rendimento / rischio a lungo termine.

“Scommettiamo su fondi azionari che investono in società coerenti e preferiamo fuggire da coloro che giocano per investire in valori difensivi o ciclici”, afferma Justo.

Nell’ambito del patrimonio netto, l’offerta di fondi che investono sfruttando le tendenze future si è moltiplicata considerevolmente nell’ultimo anno.

Nuove tecnologie, cambiamenti nelle abitudini di consumo (soprattutto nei mercati emergenti), politiche di sostenibilità o invecchiamento della popolazione sembrano essere la maggior parte delle tendenze che stanno trasformando l’universo e gli investimenti.

Sembra che non sia un caso che tra i fondi più redditizi venduti in Spagna quest’anno, spiccano quelli che investono in società in settori in grado di segnare una crescita economica a lungo termine.

Ad esempio, secondo Morningstar, la categoria di fondi azionari che investe in energia alternativa supera la redditività del 25% nell’anno. Alcuni fondi azionari che investono in tecnologia superano i guadagni del 30%. Sono rimasti a quel livello durante tutto l’anno.

Fondi a reddito fisso

La parte investita in fondi a reddito fisso, lungi dall’essere utilizzata per garantire una parte dei redditi ricorrenti come è accaduto in passato, deve ora essere molto ponderata.

In questo modo, gli esperti consultati concordano di evitare in particolare quei fondi a reddito fisso dei governi a lunga scadenza e di incorporare i fondi di debito nel portafoglio esclusivamente come alternativa.

“Nei portafogli a reddito fisso, sarebbe consigliabile adottare un approccio di protezione del capitale incentrato sul controllo del rischio e abbandonare la ricerca della redditività osservata negli ultimi anni”, suggeriscono UBP. “L’investitore nel debito privato deve essere preparato per la volatilità e dato che i tassi di debito pubblico sono attorno ai minimi storici, dovrebbe guardare oltre e aumentare la diversificazione”, aggiungono.

Ad esempio, da A&G raccomandano ai loro clienti di scommettere fondi a reddito fisso di gestione molto attiva e flessibile, investiti in debito di governi americani o in credito di paesi emergenti, che sono quelli che possono ottenere la massima redditività a lungo termine.

Liquidità e dividendi

I selezionatori di fondi concordano inoltre di evitare un’esposizione elevata alla liquidità a lungo termine, tenendo conto che l’ambiente con tassi minimi durerà nel tempo.

D’altra parte, e anche in linea con i fondi da evitare a lungo termine, dal Dipartimento di pianificazione finanziaria di Abante suggeriscono di optare per fondi che non distribuiscono dividendi per “ritardare l’impatto fiscale”.