Fitch mantiene il “rating” della Spagna in “A-” con una prospettiva stabile in attesa della formazione del governo

Europapress.es 13.12.19

Fitch – DIPUTACION DE ALAVA – ARCHIVIO

L’agenzia di rating del credito Fitch ha mantenuto il “rating” della Spagna in “A-” con una prospettiva stabile in attesa della formazione di un governo di coalizione tra PSOE e Unidos Podemos, che considera “improbabile” da completare prima Lascia che la fine dell’anno.

Nella qualifica, la prima che l’agenzia elabora dopo le elezioni generali del 10 novembre, Fitch avverte del “grado di incertezza” sul calendario per la formazione del governo, la sua composizione o il grado di sostegno che avrà tra i diversi gruppi parlamentari.

In questo senso, l’agenzia di rating ritiene “improbabile” che il governo sarà operativo prima della fine dell’anno a causa delle condizioni del CER sull’indipendenza della Catalogna per l’investitura di Pedro Sánchez.

Questa situazione, dato che il leader socialista ha bisogno dell’astensione dei 13 deputati del CER per essere investito, implica “incertezza” sul momento e sul contenuto del Bilancio dello Stato Generale (PGE) per il 2020 che proseguirà con l’inizio del anno.

Allo stesso modo, Fitch sottolinea che l’impatto “limitato” che le tensioni in Catalogna hanno avuto sull’economia a seguito della sentenza della Corte suprema che ha condannato i leader pro-indipendenza dei “procés”. Tuttavia, mette in guardia dal “rischio” di un possibile impatto economico negativo sul credito se il confronto aumenta.

L’agenzia di rating osserva che l’economia spagnola “è stata relativamente resistente” a questa “incertezza politica interna” e al rallentamento della crescita tra i suoi principali partner commerciali, ma avverte del calo delle previsioni economiche.

Pertanto, prevede che il disavanzo sarà pari al 2,2% del PIL nel 2019 e indica una riduzione “più lenta del previsto” nei prossimi anni: 2% entro il 2020 e 1,8% entro il 2021.